Cerca

"Rispettare e onorare la Costituzione"

Il presidente della repubblica alla cerimonia di commemorazione dei martiri delle Fosse Ardeatine

"Rispettare e onorare la Costituzione"
Dobbiamo onorare la Costituzione anche rispettando tutte le istituzioni dello Stato democratico. Giorgio Napolitano lancia il suo monito durante la cerimonia di commemorazione delle 335 vittime dell'eccidio nazista delle Fosse Ardeatine del 24 marzo 1944 di cui oggi è l'anniversario.

Dopo aver visitato il sacrario, il presidente della Repubblica si è soffermato un attimo riflettendo. “Ho il dovere, come si sa e come è scritto nella Costituzione, di rappresentare l'unità nazionale", e quindi "sono qui per ribadire cosa abbia rappresentato il superamento della guerra e della tragica esperienza della barbarie nazista". Tragedia dalla quale è scaturita "la fondazione dello Stato democratico e la Costituzione, che noi dobbiamo onorare anche rispettando tutte le istituzioni dello Stato democratico". Napolitano ha partecipato alla cerimonia insieme al ministro della Difesa, Ignazio La Russa, e al vicepresidente del Senato, Vannino Chiti. All'iniziativa hanno preso parte anche il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, il presidente della Corte Costituzionale Francesco Amirante, il presidente della Provincia Nicola Zingaretti, il vice governatore del Lazio, Esterino Montino, la candidata del centrodestra alle Presidenza della Regione Renata Polverini, il capo di stato maggiore della difesa Vincenzo Camporini, il presidente dell'Unione delle comunità ebraiche italiane Renzo Gattegna e il presidente della Comunità ebraica di Roma Riccardo Pacifici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cal.vi

    27 Marzo 2010 - 15:03

    la costituzione, non significa mancanza di rispetto. Il cambiamento possibile lo prevede la stessa costituzione, e allora di cosa stiamo parlando?

    Report

    Rispondi

  • blues188

    26 Marzo 2010 - 07:07

    La cara Carfagna, peraltro donna senza dubbio carina, si è esibita (nessuno rida, prego) a Napoli cantando Comm' è bella la città 'e Pulcinella. Ecco, queste si che sono notizie! Ci sconforta solo che tanti ministri non passino a Bergamo o Vicenza, o che so, a Pavia per esibirsi scatenati come la Mara Carfagna nella città mangiona e parassita di Napoli che tutto fagocita: dall'immondizia all'immondo Pasqualino Maraja (conosciuto come Bassolino). Loro sono contenti così, basta cantar loro una qualche canzone ed elargire soldi per ripianare i loro debiti che senza curarsi sanno accumulare da decenni, affiancati in questo dai romani. Funicolì funicolà, onoriamo la Costituzione ora qui ora là

    Report

    Rispondi

  • blues188

    25 Marzo 2010 - 20:08

    Sig. Napolitano, non si sente leggerissimamente alterato alla notizia che sono stati utilizzati fondi per le aree sottosviluppate per ripianare i deficit delle regioni Lazio (720.000 euro), Campania (500.000 euro) e un ridicolo miliardo di euro per la cara Calabria? Ma si si, lo so che sono sempre le solite regioni, non me lo deve ricordare. Regioni che neanche il Burundi vorrebbe, neppure regalate. Ma come sempre e in sordina, il debito è stato quasi ripianato. E siamo già pronti al debito di questo anno (che va da sé, pagheremo ancora e senza saperlo). Non le viene un moto di disturbo alla coscienza? Neppure uno starnuto? Ma non è lei che deve e vuole rispettare e onorare la Costituzione? E lo fa così, usando soldi di chi lavora e paga ogni tassa? Suvvia, non arrossisca.. l'ha detto lei, a fine anno, che bisognava fare qualcosa per il Sud. Sorrida, suvvia, le è andata più che bene. E i napoletani vendono il voto? ma ti credo!! E ora stia almeno zitto, la prego!

    Report

    Rispondi

  • blues188

    25 Marzo 2010 - 11:11

    Uff.. e io che pensavo che da rispettare fosse il popolo tutto prima ancora della Costituzione che lo aggrega. Lo si onora nelle sue scelte elettorali, nell'onesto svolgimento del proprio lavoro parlamentare, nel comportamento esemplare che comprende stipendi adeguati al vivere della gran parte della popolazione che VOI siete lì per servire, non per essere serviti. Ma le mie sono parole vuote e VOI ve ne guardate bene dal capirle,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog