Cerca

L'Udc regala la Puglia a Vendola

La Poli Bortone conquista quasi il 9% dei voti e affonda il candidato Pdl Palese

L'Udc regala la Puglia a Vendola
In Puglia trionfa Nichi Vendola. Ma il merito non è solo suo. A dargli un buon contributo è la candidata Udc, Adriana Poli Bortone. Secondo gli ultimi dati parziali disponibili, il candidato del centro sinistra si attesterebbe attorno al 50%; Rocco Palese, in quota Pdl, veleggia sul 40%. La candidata Udc, invece, sta portando a casa un bel 9 per cento. Proprio la fetta di voti che servirebbe a Palese per riagganciare Vendola.

La spaccatura Udc-Pdl -
Così l'Udc di Casini fa male al Pdl. Il partito di Silvio Berlusconi avrebbe potuto fare il botto: Lombardia, Veneto, Calabria e Campania sono praticamente sicure. In bilico ci sono Piemonte (dove attualmente Cota è in vantaggio) e Lazio. La Puglia, invece, è quasi sicuramente persa. Se il premier Berlusconi, invece di puntare su Palese, avesse accettato la proposta di Casini di un candidato unico (la Poli Bortone), oggi il Pdl potrebbe contare anche la Puglia tra le regioni conquistate.

La politica dei due forni - La politica dei due forni, o delle alleanze variabili, ha pagato poco soprattutto nelle regioni dove Udc si è alleato con il centro sinistra. In Lombardia l'Udc, con Savino Pezzotta candidato presidente contro Formigoni e Penati, per ora avrebbe il 5,34% (la lista il 4,37%). In Lazio, dove Udc sta con Polverini, la lista Udc per ora ha il 7,51%. In Piemonte l'Udc sta con il centro sinistra e avrebbe il 4,34%. In Emilia il 3,72%; in Campania il 13,6% con la coalizione che sostiene il candidato Pdl Caldoro; in Liguria il 3,61% con la coalizione Pd di Claudio Burlando; in Toscana Bosi ha il 4,62%; in Umbria la Binetti ha il 5,21%; nelle Marche il 4,39%; in Basilicata il 10,74%. 

Le prime dichiarazioni di Casini - "L'Udc è decisivo ovunque", dice Casini, che lancia l’allarme sullo "straripamento" della Lega nel centrodestra e di Di Pietro e dei 'grillinì nel centrosinistra. "Se si votasse domani per le politiche - afferma - noi andremmo da soli".  "Siamo decisivi ovunque dove abbiamo scelto i candidati migliori - afferma Casini intervistato nella sede del partito a via Dei Due Macelli - miglioriamo rispetto alle ultime amministrative e i dati confermano le nostre motivazioni contro il bipolarismo: l'estensione enorme a destra della Lega significa che ci sarà l'egemonia del Carroccio nel governo, Di Pietro e il fenomeno nuovo dei grillini metteranno in crisi il Pd".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Max938

    Max938

    12 Aprile 2015 - 11:11

    La presenza dell'UDC (dove la C sta per CASINO) merita il cambio del nome della via in MACELLO MESSICANO . QUANDO FINIRA' QUESTA SCHIFEZZA CHE AMMORBA L'ITALIA ? Max938

    Report

    Rispondi

  • franca.puglisi

    30 Marzo 2010 - 16:04

    Casini rivendica al suo partito il merito della vittoria dei partiti ai quali ha dato il suo appoggio. Anche per il Piemonte vale questa sua autorevole sentenza? Forse la Bresso ha qualche dubbio in proposito! I voti che è riuscito a raccattare in Piemonte sono risibili. Chi usa il cervello non può dare il voto ad un partito che appoggia ora il diavolo ora l'acqua santa. Casini ha venduto voti che non aveva più e giustamente ora gli fanno sapere che il suo appoggio non è valso alcunchè.Non si illuda di ottenere poltrone ,al massimo qualche strapuntino e sia contento così. Fini stia attento a non fare la stessa fine!!

    Report

    Rispondi

  • blues188

    30 Marzo 2010 - 14:02

    Vendola, proprio recentemente, ci è costato un miliardo di euro per ripianare la sua sanità. Mammamia, ora che è rimasto sulla sedia farà altrettanti miliardi di debito? E quanti? E per quanto tempo ancora? Pagheremo di nuovo? Sempre noi? Grrr... Spegnete quella Vendola che gira a vuoto!!

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    30 Marzo 2010 - 13:01

    Dante Alighieri, nell'Inferno della Divina Commedia, ha posto i "traditori" nei gironi più lontani dalla "luce di Dio". Questo perché, secondo il sommo poeta, costoro, nel realizzare il male, hanno fatto ampio uso della propria intelligenza. Non bastasse, ha diviso questi rei in quattro categorie, a seconda della vittima del loro tradimento, rispettivamente: di chi si fida degli altri, della patria, degli ospiti e delle istituzioni. Credo che l'UdC di Casini, verrebbe posta nell'oscurità più totale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog