Cerca

Comunali: Castelli perde Lecco, Brunetta ko a Venezia

La polemica con la Lega. "Se avessi avuto i voti di Zaia avrei vinto al primo turno"

Comunali: Castelli perde Lecco, Brunetta ko a Venezia
Lecco, in netta controtendenza con il risultato delle Regionali, boccia la Lega e Roberto Castelli. Si stanno per concludere gli scrutini anche di provinciali e comunali e dopo l'ottimo risultato del Pdl alle elezioni regionali "stonano" la sconfitta del ministro dei Trasporti e la ormai probabile bocciatura anche del ministro Renato Brunetta.

A Lecco il nuovo sindaco è Virginio Brivio, un cattolico moderato, ex Margherita, che ha ottenuto al primo turno il 50,22% dei consensi, distanziando nettamente il viceministro dei Trasporti del governo Berlusconi che si è fermato al 44,20%. "A quanto pare a Castelli sono venuti a mancare i voti di buona parte della Lega, affezionata all'ex sindaco Bodega e non altrettanto al ministro, e pure di parte della comunità di Cl che a Lecco (città originaria di Formigoni) è molto radicata - spiega un attento osservatore politico della zona - certo Castelli non gode di grande simpatia in città"

A Venezia - quando sono stati scrutinati i voti dei due terzi dei seggi elettorali - resta cospicuo il vantaggio del candidato del centrosinistra Giorgio Orsoni al 51,44% rispetto al candidato del centrodestra, il ministro della pubblica amministrazione Renato Brunetta al 42,24% mentre il 3,16% va all'esponente del movimento di Grillo, Marco Gavagnin.

La polemica di Brunetta contro la Lega - "Ho telefonato a Orsoni per congratularmi". Lo scrutinio non è ancora concluso, ma la sconfitta di Brunetta ormai è certa. Non mancano le polemiche contro i compagni di coalizione. "Ringrazio tutti gli elettori - ha detto Bruentta - l'unica amarezza è stato il calo della Lega che ha perso otto punti: se avessi avuto i voti della Lega che ieri ha avuto Zaia avrei vinto al primo turno".

PROVINCIALI
L'Aquila-
Il Pdl vince, ed è un risultato anche simbolicamente importante, nella provincia de L'Aquila. Una vittoria che risente del lavoro fatto dal governo Berlusconi nell'immediato post terremoto.  E non sono bastate le polemiche dell'opposizione, la bufera abbattutasi sulla Protezione Civile e le critiche della Pezzopane a impedire che gli elettori abruzzesi segnassero la croce sul simbolo del Pdl. Così il candidato del centrodestra alla presidenza della Provincia de L'Aquila, Antonio Del Corvo, si accaparra un onesto 53,4% contro il 45,3% della Pezzopane. L'affluenza alle urne, dato in controtendenza alle elezioni provinciali de L'Aquila, è aumentata del 10,95 per cento: 64,49 contro il 53,54 delle precedenti elezioni regionali del 2008 (ma influì lo scandalo legato ai problemi giudiziari di Del Turco). Il dato è particolarmente significativo in quanto in moltissimi comuni della provincia, tra cui quello del capoluogo, vi sono decine di migliaia di terremotati che vivono ancora lontano dai luoghi di residenza, aspetto che aveva fatto temere un calo dei votanti. Nel comune dell'Aquila, il più colpito dal terremoto, l'affluenza è stata del 59,48 per cento (hanno votato 36.501 elettori su 61.363 aventi diritto).

Province:


IMPERIA

Giordano 31,3% (centrosinistra)
Sappa 59,5%   (centrodestra)

VITERBO

Grattatola 37,3% (Pd)
Merdi 50,2% (centrodestra)
Saladino 11,4% (Idv)

L'AQUILA

Pezzopane 45,3% (centrosinistra)
Del Corvo 53,4% (centrodestra)

CASERTA


Stellato 22,6% (centrosinistra)
Zinzi 72,4% (centrodestra)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • z.signorini

    31 Marzo 2010 - 17:05

    Brunetta ha sbagliato un calcolo molto importante, ha dato tutto per scontato. Quando si sentiva parlare sembrava che fosse già seduto sulla poltrana di sindaco. Signori piedi a terra e ognuno si prenda le proprie responsabilità.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    31 Marzo 2010 - 15:03

    Credetemi ma i Veneziani non potevano assumere Brunetta come sindaco. |||| Fermo restando l'ammirazione per la sua tenacia e cultura ma,Venezia, non avrebbe potuto, nello stesso tempo, essere la città più bella del mondo ed avere un sindaco più basso del mondo. Chi lo ha designato gli ha voluto giocare un brutto scherzo.

    Report

    Rispondi

  • Dreyfuss

    31 Marzo 2010 - 12:12

    Caro Ministro Fantuttone, se avesse avuto.. Se non li ha avuti un motivo ci sarà, forse non li ha conquistati? Il merito si misura anche in politica non solo nella p.a. la prossima volta abolisca la pausa pranzo degli scrutatori e metta i tornelli fuori dai seggi magari così le andrà bene:)

    Report

    Rispondi

  • delneo

    31 Marzo 2010 - 11:11

    trovo originale che la cittadina di lecco,da tempo feudo leghista,abbia questa volta premiato il centrosinistra,non e per caso che i leghisti bisogna per forza provarli per scoprire la loro inettitudine come amministratori?? mi auguro solo che a milano venga risparmiata la vergogna di avere come primo cittadino umberto bossi!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog