Cerca

La rivolta dei 49 senatori Pd contro Bersani

In una lettera le critiche al segretario. E i giornali di sinistra bastonano: per l'Unità bisogna "cambiare la classe dirigente". Il problema, per il Riformista, è "la debolezza è strutturale". Di Pietro annuncia: non sarà lui il candidato premier nel 2013

La rivolta dei 49 senatori Pd contro Bersani
Bersani ha i giorni contati. I suoi, dopo il risultato elettorale assai deludente, non sono disposti a concedergli altri passi falsi. Per adesso si limitano ai consigli e alle buone intenzioni, ma l'aria è pesante almeno quanto dopo le politiche che hanno segnato la sconfitta di Veltroni e il suo ruolo dal segretario del Pd.

La lettera dei senatori -
Oggi un gruppo di 49 Senatori del Pd ha inviato al segretario Pierluigi Bersani una lunga lettera in cui si chiede uno scatto di reni, immediato e decisivo. Altrimenti, good-bye Bersani.  Si legge nel teso "il passaggio elettorale di questi giorni ci consegna molteplici spunti di riflessione. A nostro avviso ci troviamo di fronte ad un momento della vita del nostro Paese rispetto al quale s'impongono, da parte di tutti noi, una maggiore generosità nell'impegno, una più partecipata attività politica ed una nuova consapevolezza riguardo l'effettiva portata dell'emergenza democratica in cui viviamo".
Libero-news.itLibero-news.it

Bisogna muoversi subito. Bisogna accedere ad una nuova dimensione del nostro impegno. Serve un supplemento d'anima.



I senatori del Pd invitano Bersani a cambiare passo: "bisogna muoversi subito. Bisogna accedere ad una nuova dimensione del nostro impegno politico che anche noi parlamentari spesso non esprimiamo con la necessaria efficacia. Serve un supplemento d'anima. Ti poniamo l'esigenza di incontrarci subito per riflettere insieme. Per trovare, dopo una leale discussione, la giusta strada da percorrere per servire degnamente il nostro Paese. Non intendiamo farci consumare addosso i prossimi tre anni della legislatura, immersi in un attendismo fideistico che assegna al destino il compito di liberare l'Italia dal sultanato che la devasta". La lettera è stata sottoscritta da senatori Democratici espressione delle diverse aree del partito: Gian Piero Scanu, Daniele Bosone, Gianrico Carofiglio, Marco Filippi, Giuseppe Lumia, Paolo Rossi, Alberto Tedesco, Claudio Molinari, Manuela Granaiola, Francesco Ferrante, Marilena Adamo, Vittoria Franco, Vincenzo Vita, Paolo Giaretta, Achille Serra, Roberto Di Giovanpaolo, Vincenzo De Luca, Franca Biondelli, Mauro Del Vecchio, Adriano Musi, Silvio Sircana, Felice Casson, Massimo Livi Bacci, Mariapia Garavaglia, Alfonso Andria, Giovanni Procacci, Franca Donaggio, Emanuela Baio, Luigi Lusi, Roberta Pinotti, Luigi De Sena, Leana Pignedoli, Flavio Pertoldi, Teresa Armato, Antonio Rusconi, Marina Magistrelli, Andrea Marcucci, Daniela Mazzuconi, Maria Teresa Bertuzzi, Anna Serafini, Mauro Marino, Ignazio Marino, Maria Fortuna Incostante, PaIn uolo Nerozzi, Anna Maria Carloni, Maria Leddi, Anna Rita Fioroni, Alberto Maritati, Tiziano Treu.

Le critiche dei quotidiani di sinistra- Non sono per niente teneri le testate giornalistiche di area con il segretario del Pd Pier Luigi Bersani. Europa, il giornale della "vecchia" Margherita di Francesco Rutelli, è quasi spietato: "Negare i fatti o cercare scuse serve a poco: il Pd può diventare irrilevante". Nel mirino c'è la posizione di Bersani che "appare, ed è, solamente difensiva della sua  gestione di sei mesi". Europa tocca un tasto delicato, le alleanze: "Bersani si muove su questa linea, peccato che la realtà gli si disfi  sotto gli occhi" perchè "Udc e Di Pietro non sono coalizzabili, e lo saranno sempre meno".

Amara anche l’analisi di Antonio Polito sul Riformista: "A furia di pareggi il Pd non vincerà mai lo scudetto". Il direttore scrive della "debolezza strutturale del Pd. Manca di una proposta convincente e dirompente su ciò che davvero interessa l'elettorato". Non è da meno Concita De Gregorio su L'Unità, che scrive di un voto fatto di "delusione e rabbia verso un centrosinistra che ha   disatteso le aspettative" e parla di "cambiare la classe dirigente, puntare sul rinnovamento, su logiche nuove e non solo su somme   aritmetiche di alleanze possibili, un progetto chiaro, semplice e alternativo che fosse anche, come dice Vendola, un nuovo racconto".
Libero-news.itLibero-news.it

Non credo - dice Di Pietro - ci siano leader nel centrosinistra che possano candidarsi per le politiche 2013. Certamente non Bersani.


Di Pietro taglia le gambe a Bersani e apre la questione del leader per le politiche 2013 - Non sarà certo Bersani il candidato premier del centrosinistra per il 2013. In una conferenza stampa convocata alla Camera per commentare i risultati elettorali, il leader dell'Idv apre la questione delle politiche 2013: "Non credo - replica a chi gli chiede se il segretario del Pd sia in corsa - che ci siano leader nel centrosinistra che possano farlo". Non per questo Di Pietro si candida:  "voglio fare il soldato, non il generale", dice e sono "disponibile a un'ipotetica alleanza di Governo solo per le materie di mia competenza". Ma l’Italia dei Valori avanza una richiesta molto precisa, rivolta innanzitutto all’alleato principale, il Pd: "Il candidato premier per il 2013 - ammonisce l’ex pm - non va individuato nel 2013, anche perchè non sappiamo quando finirà la legislatura. E poi non vogliamo che succeda come nel Lazio, che si alza uno una mattina e ci prendiamo un candidato perché‚ non ce n'è un altro".
Di Pietro non fa nomi, "è il miglior modo - dice - per bruciare un candidato", ma chiede "una riflessione dei partiti e dei cittadini" sulla leadership. Anche il profilo che indica però è vago: "Dopo Berlusconi che ha creato grandi differenze sociali e nuove povertà serve - spiega - una personalità riconoscibile, un soggetto possibilmente fuori da una storia politica personale, con cultura, doti manageriali e mani pulite, per dare fiducia ai cittadini".
Libero-news.itLibero-news.it

Noi abbiamo bisogno di prendere il passo, il Pd deve radicarsi come grande partito popolare, del lavoro, della Costituzione e dell’unità del Paese.



La replica di Bersani al Tg3 -
"Mi pare francamente un pò prematura  questa discussione sul candidato premier per le elezioni del 2013", ha detto Bersani al Tg3 rispondendo ad Antonio Di Pietro che ha invitato il centrosinistra ad individuare il candidato premier. "Lo vedremo e so che tutti assieme sceglieremo la persona che ci farà vincere. Di questo sono sicuro".
Sulla lettera dei 49 senatori che chiedono un cambio di passo, Bersani risponde "noi abbiamo bisogno di prendere il passo, il Pd deve radicarsi come grande partito popolare, del lavoro, della Costituzione e dell’unità del paese".



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • leno lazzari

    09 Aprile 2010 - 05:05

    .......non e' una pietanza ma soltanto il prossimo segretario che fara' una fine prematura nel PD. Cosi', dopo Uolter e Franceschini/exDC/postPCI, lo stesso PD s'apprpincua al desco. Non c'e' nulla da fare! Non hanno il leader ma non sanno neanche che sia il gioco di squadra. Come sempre, sono tutte prime donne, ciascuna delle quali la sa piu' lunga. E di fare una riflessione comune, un'analisi del perche' e del percome perdono, un mea culpa assolutorio generale non se ne paarla proprio. La responsabilita' di tutti i loro problemmi rimane, come sempre, Silvio Berlusconi. Si affrancheranno mai da questa mentalita' vittimistica o continueranno fino alla completa cottura del partito e dei suoi dirigenti? Sveglia ragazzi, il PAESE ha bisogno di un interlocutore certo, anche se "de sinistra sinistra" che tratti/contrasti il governo per aiutare il paese intero ad andare oltre la guerra civile politico/giornalistico/giudiziaria ANTI Berlusconi. Tanto non muore da se. Leno

    Report

    Rispondi

  • lino1234

    08 Aprile 2010 - 17:05

    Ai signori, Mingo, Leone 55 ed altri, non nasce il piccolo dubbio che Bersani perde voti e Berlusconi vince, perché la gente ha imparato a considerare le proporzioni; cioé riesca a distinguere la differenza fra i mali attribuiti al Berlusconismo, tutti da dimostrare, ed i mali attribuiti al comunismo, dalle cui fila i dirigenti del PD provengono, ben dimostrati dalla storia, più di cento milioni di morti sulla coscienza. Chiunque sia in grado di fare il confronto non può esitare un solo istante : vota Berlusconi. Lino

    Report

    Rispondi

  • lino1234

    08 Aprile 2010 - 17:05

    Rosy Bindi non fa perdere voti al PD di Bersani, come afferma la signora Paola Giunti. Con la sua cattiveria e rancorosità verso il prossimo fa perdere CREDENTI alla Chiesa. Io per primo. Saluti. Lino

    Report

    Rispondi

  • dukamax

    04 Aprile 2010 - 12:12

    ... non è sufficiente cambiare la classe dirigente, dovete cambiare anche il cervello!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog