Cerca

Calderoli: "Brunetta e Castelli pagano il doppio incarico"

Così spiega la sconfitta il ministro per la Semplificazione

Calderoli: "Brunetta e Castelli pagano il doppio incarico"
Il ministro Renato Brunetta e il viceministro Roberrto Castelli hanno perso le elezioni, rispettivamente, per sindaco di Venezia e di Lecco, perché «in entrambi i casi avevano una penalizzazione di partenza, il fatto di aver dichiarato il mantenimento del doppio incarico e questo credo sia una cosa che dà un fastidio tremendo all'elettorato e forse anche hanno ragione». È questo il parere del ministro per la Semplificazione e coordinatore delle segreterie della Lega, Roberto Calderoli, che è intervenuto a “Radio anch'io”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giornali

    06 Aprile 2010 - 08:08

    Come sempre Calderoli è di poche parole (strano per un politico) e fa ragionamenti tanto semplici quanto aazzeccati. Finiamola con queste lotterie degli incarichi, farsi eleggere e poi essere a mezzo servizio, quando va bene, fa arrabbiare gli elettori anche i più affezionati. Imparino Brunetta e Castelli, per la prossima volta.

    Report

    Rispondi

  • bacco13

    01 Aprile 2010 - 16:04

    La legge sull'incompatibilità fra cariche amministrative e politiche un tempo esisteva e veniva applicata. Non so cosa sia successo ma pare che ci sia stata una sentenza del Tar che favorì il sindaco Cammarata a Palermo. Da allora è stata una carica garibaldina al doppio o triplo incarico ed al corrispondente guadagno. Penso che basterebbe creare un tetto massimo alla somma delle indennità fruibili (5000 euro + il rimborso delle spese vista la crisi potrebbero essere sufficienti) ed il problema scomparirebbe d'incanto. Tra l'altro il Brunetta (chiedo conferma) fu consigliere comunale a Venezia con record di assenteismo in cinque anni avrebbe partecipato a 87 sedute del consiglio su 208 risultando il peggiore in assoluto fra i 47 consiglieri comunali. Nello stesso periodo fu anche europarlamentare con registro di assenze in quel di Bruxelles che sfiorava il 50%. Ca'Farsetti di lui ricorda non i risultati ma soltanto l'ingombrante presenza della scorta.

    Report

    Rispondi

  • moicano

    01 Aprile 2010 - 15:03

    Anche io non vorrei un sindaco a mezzo servizio, ma preferirei un primo cittadino sempre a disposizione e totalmente dedicato alla mia città. Zaia ha preferito un solo incarico ed ha vinto. Ci vuole una legge che vieti il doppio incarico per tutti gli amministratori pubblici.

    Report

    Rispondi

  • giuliab09

    01 Aprile 2010 - 15:03

    ha ragione Calderoli , il doppio incarico non è corretto al di là della capacità indiscussa dei due soggetti, ma sinceramente, come si fa anche umanamente a seguire in modo adeguato degli impegni così gravosi...e poi non l'ho vedo così corretto eticamente...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog