Cerca

La Lega: "Conquisteremo Bologna"

Dopo Milano e Torino il Carroccio si prepara per le Comunali 2011: "Vincere non è impossibile, basta crederci"

La Lega: "Conquisteremo Bologna"
«Vincere non è impossibile, basta crederci. Prossimo obiettivo Bologna». Dopo Milano e Torino, la Lega rivolge le sue mire espansionistiche a uno degli ultimi baluardi della sinistra. A proclamare l'offensiva è il quotidiano "la Padania" che, con un titolo a caratteri cubitali, annuncia: «Conquisteremo Bologna».

È Angelo Alessandri, segretario della Lega Nord Emilia, e parlamentare del Carroccio, a spronare il popolo verde, fissando l'obiettivo alle prossime elezioni comunali del 2011. Sulla scia dell'ultimo test elettorale «che ha confermato la crescita esponenziale del Carroccio» con un «aumento costante e continuo di consensi», la Lega è di fronte ad una «onda lunga, ad un cambiamento che non è all'apice, ma all'inizio del suo percorso». Alessandri sottolinea che «cinque anni fa alle regionali la Lega prese il 4,8%, un anno dopo salì al 6,5, nel 2008 l'8 % che aumentò all'11 nelle successive amministrative, per arrivare al 14 di lunedì scorso. A Bologna siamo al 10, a Ferrara al 14, a Modena e Reggio al 15, a Parma al 17 e a Piacenza al 22%. Sull'Appennino modenese siamo al 30%, su quello piacentino, in talune realtà come Bobbio, superiamo il 40%». L'obiettivo quindi è alla portata. E la strategia è pronta: «Bisogna essere determinati. Entro un paio di mesi avere un candidato e iniziare a lavorare ventre a terra».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • hernando45

    08 Aprile 2010 - 21:09

    Caro Sig. Liberovero, ovviamente abbiamo due punti di vista diversi, per mè quello che lei definisce un FEDELE ALLEATO in quel governo (ovvero UDC) è stato solamente letteralmente UNA PALLA AL PIEDE, forse Lei a quei tempi aveva giustamente altro da fare che seguire la politica, ma io che ne ero appena uscito da quella attiva, la seguivo quotidianamente e ricordo che UN GIORNO SI ED UNO NO c'erano problemi, specialmente sull'imigrazione. Problemi che ora che l'UDC è fuori sono stati se non RISOLTI al 100%, almeno ATTENUATI e RIDOTTI ed è impossibile negarlo perchè è sotto gli occhi di tutti che a Lampedusa non arriva più nessuno. Comunque ciò non mi impedisce di rispettare il suo punto di vista anche se diverso dal mio. Cordialmente dal Leghista Monzese e il resto lo conosce già

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    08 Aprile 2010 - 11:11

    L'UDC nel corso di quel famoso qiuinquennio è stato un alleato fedele della ditta B&B malgrado alcune, ma solo verbali, critiche mosse da alcuni esponenti tipo Follini a fine legislatura. Tutte le leggi ad personam sono state votate dall'UDC, come pure la Porcata della legge elettorale che ha tolto a noi italiani il diritto e la liberrtà di scegliere i nostri parlamentari.- L'UDC non ha mai votato contro nè mai si è astenuto consentendo alla legislatura di durare per ben 5 anni. Guardando avanti è indubbio che è venuto a cadere anche l'alibi dell'UDC e questa maggioranza disponendo di numeri tali da consentirle di approvare qualsiasi legge di interesse personale del premier in tempi brevissimi, può tranquillamente fare qualcosa per il bene del Paese, cosa che veramente mi auguro. Come le ho già detto non sono prevenuto e sono pronto a riconoscere i meriti non appena si vede qualche risultato. Attendo fiducioso. Cordialità.

    Report

    Rispondi

  • hernando45

    08 Aprile 2010 - 05:05

    Gentile Sig Liberovero mi scuso per il MISANDESTANDING per il quale ho risposto erroneamente alla sua prima domanda, ho scambiato erroneamente il PRIMO governo Berlusconi, con il SECONDO (quando io ero già in autoesilio) nel periodo 2001/2005 bisogna ricordarsi che al governo oltre la Lega, c'era la UDC e se Lei cerca di ricordarsi, ogni volta che la Lega letteralmente SPINGEVA SULLE RIFORME l¡UDC FRENAVA non so se ricorda un certo FOLLINI che poi CVD ( come volevasi dimostrare) è letteralmente PASSATO armi e bagagli dalla parte che secondo me NON VOLEVA (cosi come non lo vuole ancora oggi) riforme,come il FEDERALISMO in PRIMIS. L'impressione che ho, dopo essere stato più volte e per tante occasioni nel paese più federalista del mondo USA è che ahimè in ITALIA il FEDERALISMO è stato ABILMENTE descritto come un DUALISMO STUPIDO che ha tentato e tenta tuttora di mettere il SUD contro il NORD, mentre invece in moltissimi altri paesi,tipo Brasile, Messico, Germania FUNZIONA! Saludos

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    08 Aprile 2010 - 00:12

    Non me lo auguro e non lo auguro al Paese ma credo che qualora anche questi cinque anni di governo B&B dovessero essere fallimentari come quelli 2001-2006, sono certo che anche Lei avrà l'onestà di ammettere il grande bleff della premiata ditta. Chiudo con un sincero apprezzamento per la Sua passione politica che reputo sincera come dimostra l'ingenuità di considerare un semplice peccato di gioventù la campagna di stampa dela Lega contro il "mafioso" di Arcore. Le allenze in politiche rispondono sempre a dinamiche di convenienza e mai di ideali. Vedrà che non appena Bossi si accorgerà che il federalismo è solo uno specchio per le allodole leghiste, scaricherà Berlusconi per non affondare insieme a lui. Cordialità.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog