Cerca

Berlusconi rinviato a giudizio

Presunte irregolarità nell'acquisto di diritti tv

Berlusconi rinviato a giudizio
Silvio Berlusconi rinviato a giudizio. I pm di Milano hanno chiesto il rinvio a giudizio del premier per frode fiscale e appropriazione indebita nell'ambito dell'inchiesta Mediatrade-Rti su presunte irregolarità nella compravendita di diritti televisivi per creare fondi neri.
L'accusa è stata formalizzata dal pm Fabio De Pasquale, che ha inviato al procuratore aggiunto Bruti Liberati la richiesta di rinvio a giudizio per il presidente del Consiglio e i suoi coimputati. Tra questi, risultano coinvolti nell'inchiesta, per frode fiscale, anche Pier Silvio Berlusconi e Fedele Confalonieri, insieme ad altre 9 persone.
Per il premier l'accusa è di frode fiscale, contestata fino al novembre del 2009, per 8 milioni di euro evasi, e di appropriazione indebita, che sarebbe stata consumata tra Milano e Dublino dall'8 febbraio 2003 al 30 novembre 2005, per 34 milioni di dollari. I reati non sono ancora caduti in prescrizione, ma Berlusconi potrà avvalersi del legittimo impedimento appena firmato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

I legali di Mediaset rispondono
alle contestazioni dei pm che «i diritti cinematografici oggetto dell'inchiesta sono stati acquistati a prezzi di mercato» e che «tutti i bilanci e le dichiarazioni fiscali della società sono stati redatti nella più rigorosa osservanza dei criteri di trasparenza e delle norme di legge».
L'inchiesta Mediatrade è una parte di quella sulla compravendita dei diritti tv Mediaset. Un’altra parte ancora aveva riguardato la vicenda della corruzione dell’avvocato inglese Mills. Per questi due casi a Milano sono in corso i processi nei confronti del premier.

Al centro dell'indagine Mediatrade
, ci sono oltre 34 milioni di dollari contestati dai pm come appropriazione indebita aggravata, che riguardano fatti non coperti da prescrizione al presidente del Consiglio, al produttore cinematografico Farouk Agrama e ai manager Daniele Lorenzano, Roberto Pace e Gabriella Ballabio.
I cinque avrebbero operato «all'interno di un sistema di frode utilizzato dalla fine degli anni '80, in forza del quale i diritti di trasmissione forniti dalla Paramount, in misura minore da altri produttori internazionali, invece che direttamente dai fornitori venivano acquistati da Mediaset a prezzi gonfiati per il tramite di società di comodo riconducibili a Farouk Agrama». Quanto al reato di frode fiscale ipotizzato dai pm ammonta circa a 8 milioni di euro evasi dal 2005 al settembre del 2009.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • geog

    13 Aprile 2010 - 09:09

    allora vuol dire che la maggioranza degli italiani è depressa, se crede che le procure non indagano sulle sinistre. vuol dire che la maggioranza degli italiani non si rende conto che la quasi totalità dei giudici è di parte. vuol dire che la maggioranza degli italiani è tanto orba da non vedere che nessuna procura ha indagato sul capo dell'itaglia dei vigliacchi per villipendio al presidente della Repubblica. vuol dire che la maggioranza degli italiani non capisce niente, e che è solo una massa di incolti e di ignoranti

    Report

    Rispondi

  • pippomancia

    12 Aprile 2010 - 18:06

    Berlusconi non è un perseguitato,come lui continua a dire,ma è un politico che ha fatto molte "porcherie" e per questo è doveroso che venga giudicato e CONDANNATO.

    Report

    Rispondi

  • uffa

    12 Aprile 2010 - 12:12

    Che il PDL gridi alle toghe rosse è sbagliato ma per ovvie ragioni di convenienza ci può stare. Che non comuni cittadini crediamo che non si indaghi su Prodi e le Coop per lo stesso motivo (tighe rosse) è deprimente.

    Report

    Rispondi

  • geog

    11 Aprile 2010 - 10:10

    un'altra, l'ennesima, accusa al Cav. quante ne ha collezionate fin'ora? ma farebbe notizia, eccome!, se una procura facesse un'inchiesta sul mortadella per una certa vendita (vi ricordate la cirio?), ma non sia mai detto! nessuna procura andrebbe contri le coop. come nessuna procura ha indagato sul perchè la nomisma (sempre il mortadella) ha fatto pagare alle FFSS (che allora erano statali) fior di miliardi per una relazione di 15 pagine. ci mancherebbe altro. quello che fa la sx è sempre "una ragazzata", mentre quel che fa la dx è sempre da pena capitale!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog