Cerca

Silvio e Gianfranco litigano sul modello francese

Il Cavaliere vuole il semipresidenzialismo, ma con il turno unico. Per Fini: "quel modello funziona solo se completo"

Silvio e Gianfranco litigano sul modello francese
Un sistema semi presidenziale, senza il doppio turno alle elezioni. E' questa l'ultima indicazione di Silvio Berlusconi per riformare l'assetto istituzionale del nostro Paese. E per annunciarlo ha scelto la conferenza stampa congiunta con il presidente francese Nicolas Sarkozy. "Prendiamo a modello i vostro sistema - ha detto il premier rivolgendosi in tono amichevole e scherzoso a Sarkò -, quindi se ci sono controindicazioni fatecelo sapere subito", ha aggiunto a mo di battuta.
Proprio questa mattina anche il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, aveva esortato i rappresentanti politici a procedere decisi verso le riforme. "Si parla da tempo di riforme istituzionali e costituzionali già mature - ha detto - Non è serio intraprendere questo cammino a forza di anticipazioni e approssimazioni". Adesso, è l'appello del capo dello Stato, è il tempo di "proposte concrete".
Per il capo dell'opposizione, Pier Luigi Bersani, le riforme vanno bene, ma "il luogo per discuterne è il Parlamento, non i giornali". Bersani ha esortato anche il presidente Napolitano a "restare super partes, qualora si vada a discutere di presidenzialismo".
Infastidito anche il presidente della Camera Gianfranco Fini. "Con l'approccio, che mi sembra molto sloganistico, di scegliere un modello 'x' o 'y' rischiamo di ripetere le vicende che abbiamo già conosciuto con le riforme varate dal centrodestra e bocciate dal referendum, ovvero di tante chiacchiere e pochi fatti", ha detto l'ex leader di An ai giornalisti passeggiando per Roma.
Per Fini, inoltre, "non è possibile introdurre il modello francese con una legge elettorale proporzionale a turno unico: quel modello funziona con una legge elettorale maggioritaria a doppio turno". 

La riforma futura secondo Berlusconi-
Un sistema alla francese, ma riadattato sulle esigenze e specificità dell'Italia. "Non vogliamo prendere tutto da questo sistema - ha spiegato Berlusconi - Pensiamo al turno unico e all’elezioni nello stesso giorno del presidente e del parlamento". E ancora, il cavaliere ha aggiunto che il governo "sta lavorando, ma non è ancora deciso nulla. Dobbiamo procedere attraverso vari passaggi. C’è stata una prima bozza presentata al Capo dello Stato, ma il provvedimento deve poi passare per il consiglio dei ministri, essere discusso dalla maggioranza e poi arrivare al parlamento che metterà a punto la forma di stato e gli aggiustamenti necessari".

Il sistema oggi -
Il premier italiano ha voluto ricordare davanti ai cronisti italiani e francesi che l'attuale sistema costituzionale italiano è "nato dopo vent'anni di regime fascista" - dunque un sistema autoritario tutto centrato sul potere del duce (alias del primo ministro) e che annullava i poteri del Parlamento, dunque dei rappresentanti del popolo. "Per questo - ha evidenziat o - i padri costituzionalisti vollero un sistema soprattutto assembleare che non prevedesse un esecutivo troppo forte. Ma andarono un po' troppo in là, perché diedero tutto il potere alle assemblee e nessuno o quasi all'esecutivo. Per questo ora prendiamo ad esempio il semi-presidenzialismo francese"".
 
Il ritorno al nucleare- Durante la conferenza stampa con Sarkozy, Berlusconi ha parlato anche di energia nucleare. Un ritorno che sarà possibile anche e soprattutto grazie alla cooperazione con la società francese Edf, visto che la Francia è leader in Europa per la produzione di energia atomica. "La necessità di tornare al nucleare è assolutamente doverosa  - ha detto Berlusconi -  dobbiamo convincere i cittadini delle zone in cui dove saranno costruite le nuove centrali che queste sono assolutamente sicure. Molte centrali del resto sono situate a ridosso delle Alpi e quindi eventuali e impensabili problemi ricadrebbero comunque sulla popolazione italiana. Pensiamo di fare un'operazione anche attraverso la tv per far capire ad esempio cosa pensano i cittadini francesi che vivono vicino alle centrali. Speriamo che si apra un periodo di maturazione anche nella popolazione italiana". Sarkozy, dal canto suo, si è detto contento della decisione: "Rendo omaggio alla decisione storica del governo italiano e del presidente Berlusconi di fare la scelta del nucleare, che avvicina Francia e Italia".




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giangi46

    15 Aprile 2010 - 10:10

    Berlusconi é sorretto dalla gente comune.Tu ,poverino, solo dalle parole che ti mettono in bocca e ripeti come un pappagallo.Fini ,se facesse cadere il governo (ti piacerebbe,vero?) , si dovrebbe ritirare a vita privata.Sai perché? Perchè la gente và a votare e vota chi vuole. Ti é chiaro che non siamo a Cuba o nella Corea del Nord?

    Report

    Rispondi

  • AMC

    13 Aprile 2010 - 15:03

    che tristezza leggere questi commenti scritti da persone non solo faziose e piene di livore ma anche sfasciste e fuori dal mondo! E per quanto rigurda il signor Fini mi dispiace per lui e per quei quattro gatti che ancora gli danno ascolto,per lui che non sà assolutamente cosa voglia dire la parola riconoscenza,forse è giunto il momento di prendere una decisione definitiva,il remare contro godendo però dei privilegi accordatigli,non porta a nulla ed è segno di scorrettezza.Bene che vada per la sua strada e che si conti,noi del PDL ce ne faremo una ragione non abbiamo certo bisogno del suo apporto per vincere,o per fare quelle riforme che,se pur preferibilmente condivise,potremo con i nostri voti fare ugualmente.

    Report

    Rispondi

  • Braccio da Montone

    12 Aprile 2010 - 15:03

    >>>Magari mollasse "l'omino delle Frattokkie pecorinato". Conta come il due di pikke, non è mica la Lega Nord che volendo, con i suoi numerosi Senatori e Parlamentari potrebbe veramente far cadere il Governo. Se il "traditore" se ne va con i casini & c. romanocentrici, il Governo sarebbe molto più forte. Vattene sì ma, per far spazio alla Democrazia e così rispettare la stragrande maggioranza di noi sì italiani che abbiamo deciso chi deve governare e non soddisfare i beceri falliti che odiano sé stessi come tutto e tutti.<

    Report

    Rispondi

  • Leo64

    12 Aprile 2010 - 08:08

    Molla tutto fai cadere questo governo di ladri e corruttori e riformiamo una DX onesta.Ma senza quei ignoranti di gasparri e la russa.DAI FINI FAI CADERE IL GOVERNO.boromir qui se c'è un cialtrone e uno che si deve vergognare sei tu poveraccio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog