Cerca

Lombardo: "Sono vittima di un'aggressione mediatica"

Il governatore fa i nomi dei collusi davanti all'assemblea regionale siciliana

Lombardo: "Sono vittima di un'aggressione mediatica"
"Un'aggressione mediatica congegnata da menti raffinate": così il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, ha definito nel corso del suo intervento all'Assemblea regionale siciliana la fuga di notizie sull'inchiesta della procura di Catania in cui è indagato per concorso esterno in associazione mafiosa nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Catania. "Il 9 dicembre - ha voluto ricordare il governatore - dissi in quest'aula che subivo uno stillicidio di insulti ispirato da un tavolo trasversale ai partiti in cui si è progettato di far cadere il Governo e la legislatura con mezzi politici, se fosse bastato, con mezzi mediatico-giudiziari, qualora non fosse bastato il primo metodo, o anche fisicamente se non fossero bastati i primi due piani".

I nomi dei collusi -  Riguardo la lista dei tanto attesi nomi dei "politici collusi", annunciata da Lombardo nei giorni scorsi, il governatore ha ribadito quanto riportato nell'intervista pubblicata oggi dal Corriere della Sera, citando il Senatore del Pdl Firrarello e il senatore del Pd Enzo Bianco. Il primo reo, secondo Lombardo, di aver ordito trame alle sue spalle. A Firrarello, infatti, il presidente della Regione attribuisce il contenuto di una intercettazione in cui si parla addirittura di "morte naturale" del governatore.
 
I passaggi cruciali del discorso di Lombardo all'Ars - "Sono qui per rispondere ai  tanti interrogativi che sono sorti nel cuore e nella mente dei siciliani - ha esordito il presidente della Regione Sicilia -  oltre che ai parlamentari a seguito delle notizie che mi   riguardano di una vicenda giudiziaria dai contorni ancora nebulosi, a partire dal 29 marzo". E in riferimento all'inchiesta per mafia che lo vede coinvolto, dice "si tratta di calunnie, oltraggi, infamanti accusen che mi sono state rivolte da una sorta di magistratura parallela, è questo il ruolo di  certa stampa". Per Lombardo dovrà essere "la magistratura, quella vera a svelarcelo". 
 
L'appello ad Alfano perché non abolisca le intercettazioni - "Mi rivolgo al ministro della Giustizia, Alfano, affinché‚ non venga abolito questo utile strumento che sono le intercettazioni telefoniche".  "Proprio le intercettazioni - sottolinea Lombardo - hanno consentito ad oggi i più importanti risultati nella lotta alla piccola, media e grossa criminalità".

"Colpi micidiali a Cosa Nostra" - Questo governo ha assestato colpi micidiali a Cosa nostra e dovrà continuare a farlo con sempre maggiore operatività", ha detto Lombardo.

Ascari e pupi -
"Non ci faremo intimidire dai mille sicari che questi ascari e pupi assolderanno. Infangando me, hanno infangato l’onore della mia terra. Io tengo al mio onore, tengo alla mia libertà e in terza istanza tengo alla mia vita", ha concluso il presidente Lombardo nel suo intervento in Aula all’Ars.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sarame

    14 Aprile 2010 - 16:04

    vedi di farla finita ,invece di mandare minacce velate ,vedi di lavorare . e se non ne sei capace fallo fare a chì lo sà fare

    Report

    Rispondi

  • fortuna24

    14 Aprile 2010 - 11:11

    omo e m....a dice un detto.... se da anni , sai nomi di collusi con la mafia- perche' non hai parlato prima?'''?? mi viene da pensare, perchè ti faceva comodo tacere- ora , si dovrebbe credere, a quello che dici??? solo perchè ,ti hanno pestato i piedi??? ma quale uomo d'onore?? sei un mafioso pure tu..... e non mi stupirò se tra qualche ora, farai il nome, di berlusconi che ti ha mandato a quel paese, perchè non ha accettato, i tuoi ricatti- la formicuzza

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    14 Aprile 2010 - 11:11

    aggressione mediatica....magistrati comunisti.......cercano di buttare giù il governo con metodi golpisti......tutto normale, Silvio insegna!!!!E intanto li votano...mah.........

    Report

    Rispondi

  • gaetany

    13 Aprile 2010 - 20:08

    Le famose parole del grande Sciascia mai potrebbero calzare meglio di ogni altre nel caso dell'on. Lombardo. La giustizia (per quel poco che ne rimane) farà il suo corso e stabilirà il coinvolgimento o meno dell'onorevole succitato, ma da uno che ha barattato il suo pacchetto di voti da una parte all'altra rilanciando la posta al migliore offerente cosa ci si aspetta? Un detto siciliano dice: "ahime povera quella pecora che é costretta a donare la sua lana!" ... in questo caso la sicilia é stata chiamata a far da pecora! Povera lei in mano a "pastori" di tal genere.

    Report

    Rispondi

blog