Cerca

Bersani strizza l'occhio a Fini: unire opposizioni

Il leader del Pd richiama all'unità contro Berlusconi e la Lega e prepara il terreno per un'alleanza allargata con gli ex An: "Quando parliamo di patto repubblicano per evitare la deriva ci rivolgiamo anche a persone, a forze che sono oltre il centrosinistra". La replica di Bocchino: "La nostra casa è il Pdl"

Bersani strizza l'occhio a Fini: unire opposizioni
Le opposizioni si uniscano contro la deriva. Così il leader del Pd, Pierluigi Bersani, cogliendo l'imperdibile occasione dello scontro interno al Pdl, si prepara il terreno per un'eventuale alleanza allargata. Le "forze" di centrosinistra non bastano a mandare a casa il Cavaliere, serve "un impegno più forte a discutere e concertare l'azione parlamentare e un lavoro per stringere i contenuti dell'alternativa. Le tensioni nella maggioranza in futuro sono certe, gli esiti imprevedibili. Le forze di opposizione non possono sottovalutare i rischi che Berlusconi per un verso e la Lega per l'altro possono dare per accelerare una situazione che non riescono ad affrontare. Serve una responsabilità nuova".

"Alternative", "responsabilità nuove" e "accelerazioni al confronto" hanno tanto l'aria di essere giri di parole per evitare di pronunciare un nome, quello dell'ex di An e quasi ex del Pdl, Gianfranco Fini. Il presidente della Camera "con i suoi ha sostenuto e votato tutte le decisioni di questo e degli altri governi del centrodestra, ma ora propone con nettezza un'altra piattaforma: nella politica economica, nei rischi di deriva plebiscitaria, nel tema dell'unità del Paese". Temi, ribadisce il segretario Pd, "assolutamente veri e assolutamente irrisolvibili nel Pdl e nella maggioranza dove Fini si trova".
Per Bersani "siamo di fronte ad una situazione estremamente confusa. Il Paese, pieno di problemi, assiste attonito a lacerazioni molto profonde nella maggioranza che in un colpo solo ha distrutto tutta la retorica berlusconiana dei cieli azzurri e dei mondi felici". In tutta questa confusione, Bersani vorrebbe forse far risorgere il centrosinistra con l'aiuto dei finiani.

Un patto largo - Il leader del Pd, che nei giorni scorsi ha già incontrato il numero uno dell'Idv, Antonio Di Pietro, ha annunciato che continuerà "colloqui e verifiche" con le altre forze di opposizione dentro e fuori il parlamento: "Dalle opposizioni deve arrivare un appello ad altre forze ma anche a energie sociali ed economiche su due questioni fondamentali: cambiare l'agenda della politica per occuparsi di questioni sociali e un confronto in Parlamento per dare al bipolarismo una forma efficace, più moderna e saldamente costituzionale che blocchi i rischi di derive plebiscitarie. Bisogna rivolgersi ad altri partiti ma anche a forze sociali ed economiche perché reagire ad una democrazia plebiscitaria, che ha dimostrato di non saper decidere, non è solo questione di opposizioni. Serve un patto largo in Parlamento".
Libero-news.itLibero-news.it

Stiamo cercando di stringere i bulloni come forze di opposizione e di dare messaggi non solo all'opposizione, perché quando parliamo di patto repubblicano per evitare una deriva plebiscitaria e per cambiare l'agenda del Paese, ci rivolgiamo anche a persone, a forze che sono oltre il centrosinistra



Oltre il centrosinistra - Le dichiarazioni di oggi si aggiungono alle mezze frasi di ieri. Da Genova a margine della commemorazione del 25 aprile allo stabililmento di Ansaldo Energia, Bersani aveva già strizzato l'occhio a Gianfranco: "Stiamo cercando di stringere i bulloni come forze di opposizione e di dare messaggi non solo all'opposizione, perché quando parliamo di patto repubblicano per evitare una deriva plebiscitaria e per cambiare l'agenda del Paese, ci rivolgiamo anche a persone, a forze che sono oltre il centrosinistra". Poi, a fine giornata alla richiesta di ulteriori chiarimenti, Bersani aveva avanzato una debole smentita: "Non stiamo facendo tatticismi, stiamo dicendo che se non sono in grado di governare lo dicano. È l'ora per noi di presentare una proposta positiva di alternativa alla politica del Pdl e della Lega. Fini alleato insospettabile? Questi sono politicismi. Fini ha sollevato problemi reali nel contesto di un partito padronale che non è in grado di affrontare la discussione perché la trasforma in rissa come si è visto".

La replica di Bocchino - A sorpresa, il primo a replicare a Bersani è Italo Bocchino, il vicepresidente dei deputati del Pdl e fedelissimo di Fini, che con un acceso diverbio in tv con il berlusconiano Maurizio Lupi, aveva già anticipato la frattura insanabile nel partito dell’amore.
Libero-news.itLibero-news.it

Bersani è un nostro avversario politico. La nostra casa è il Pdl che insieme alla Lega deve continuare a sconfiggere il centrosinistra

Per Bocchino il “patto largo” è "un’ipotesi lunare, che appartiene alla fantapolitica, una proposta che va respinta al mittente senza se e senza ma. Bersani è un nostro avversario politico. La nostra casa è il Pdl che insieme alla Lega deve continuare a sconfiggere il centrosinistra".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    20 Novembre 2010 - 10:10

    Ma come pensa,il Grande Tabaccaio di poter governare l'Italia quando non saprebbe gestire nemmeno un rivendita di Sali eTabacchi?Ma ce li vediamo assieme i verdi antinuclearisti con i favorevoli al nucleare,i comunisti radicali con un ex fascista,Casini che non puo' vedere Di Dietro,Vendola che odia Fini e Casini....Come faranno a governare se uno la vuole cruda,l'altro la vuole al sangue,quell'altro ancora la vuole carbonizzata..Dense nubi portatrici di cattiva novella si profilano all'orrizzonte...Speriamo che si levi il vento del Nord che spazza via tutto quanto.Mi sembra che voglia chiuere la rivendita di sale e Tabacchi associandosi ad un truffatore di professione...ed aprire un nuovoSalumificio.Peccato che la merce che tenterebbe di vendere è avariata in partenza e nessuno la voglia perchè puzza alquanto.Non ha ancora inteso che sarebbe meglio chiudere baracca e burattini e ritirarsi a meritato riposo.Ha già fatto troppi danni al Paese con la sua mentalità ferma al 1949.

    Report

    Rispondi

  • r.rennis

    15 Novembre 2010 - 21:09

    Altro che prostituzione e scandali sessuali, notti brave,omosessuali,trans e combriccola.Una Ammucchiata oceanica,mai visto.Come è possibile pensare ad una ammucchiata per il bene del paese che comprende Casini,Fini,Vendola,Veltroni,Bindi,Bersani ecc. cosa potrebbero fare per il bene del paese.................se non per il bene dei propri sederi?

    Report

    Rispondi

  • z.signorini

    26 Aprile 2010 - 14:02

    Vorrei semplicemente fare una domanda: che credibilità a il PD nel preparasi per le elezioni organizzando un Clubs Prive di scambi e ammucchiate, quando non più di un mese fa la preso in quel posto? Se ha perso questa credibilità credo che ci sia una motivazione, se loro non vogliono capirla o vogliono far finta di niente è una cosa, ma che non si permettano di voler prendere per il culo il popolo italiano. Credo che il popolo italiano abbia dimostrato una cosa: d'ora in avanti, politico, fai quello per cui hai avuto mandato altrimenti a casa.

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    26 Aprile 2010 - 14:02

    La cosa vergognosa è che fino ad ieri fini era il nemico pubblico n°1, era il fascista! Oggi diventa l'alleato. Potenza della coerenza!! Ma cosa ci si può aspettare da queste persone che un giorno considerano uno un nemico e poi lo vorrebbero come alleato? Che credibilità possono mai avere? Dire che fanno schifo, è dir poco. E poi come mai vanno a cercare i dissensi nel Pdl quando in seno al pd non si sa come destreggiarsi tra dissensi e contrapposizioni? Basta guardare: franceschini è contro bersani, bersani è contro veltroni, d'alema è contro tutti, fioroni non si sa per chi parteggia, prodi dice che è tutto da rifare, vendola che fra l'altro non è del pd ma ha vinto le elezioni in puglia contro il candidato del pd si presenta come outsider, marini tace, rutelli se ne è uscito, direi con dignità, ma insomma che lezioni possono pretendere di dare? Facciano un poco di chiarezza fra di loro prima di osare criticare chi è meglio di loro!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog