Cerca

Calderoli: se non ci sono i numeri in Parlamento si va al voto

Il ministro leghista replica a Gianfranco Fini. "Irresponsabile chi rischia di provocare elezioni"

Calderoli: se non ci sono i numeri in Parlamento si va al voto
"Irresponsabile non è chi parla di elezioni ma chi rischia di provocarle". Roberto Calderoli, ministro della Semplificazione, replica così a Gianfranco Fini in un’intervista a Repubblica a proposito dello scontro nel Pdl e della minaccia di elezioni anticipate. "I finiani per me non esistono - aggiunge l’esponente della Lega - Il Pdl dovrebbe essere uno solo. Bossi ci ha insegnato che quando si ha in mente un progetto bisogna attuarlo, anche con le maniere forti. In un partito non tutti possono pensarla allo stesso modo, ma se non ci si riconosce sulla sostanza delle cose, è meglio prendere atto e andare via".

Quindi rivolto a Fini Calderoli aggiunge: "Avete fatto la direzione del Pdl e vi siete contati, bene, adesso la conta si fa in Parlamento. Se i numeri dicono che il governo ha la forza per avviare il grande cambiamento, si va avanti. Se non ci sono si decide di conseguenza. E, obtorto collo, si va al voto".

L'esponente del Carroccio assicura che il dialogo tra il suo partito e il presidente della Camera non si è mai interrotto, "anche in una fase così convulsa. Così come con Schifani e Napolitano". Per Calderoli però anche se "il Parlamento non può sfiduciare il presidente della Camera" i problemi vanno risolti perchè "noi vogliamo un solo interlocutore, sia chiaro", quindi osserva che "l'ultima uscita di Fini forse rende le cose un pò più semplici, ma devo ripetermi: un chiarimento ci deve essere, e in Parlamento".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    28 Aprile 2010 - 18:06

    Quando un vaso è rotto diventa inutile incollarne i pezzi, il suo valore lo ha perso e pertanto, per levarselo di torno è bene finire di romperlo. Mandateli a pascere.

    Report

    Rispondi

  • lefcada

    26 Aprile 2010 - 19:07

    Perchè calderoli non ci racconta la storia VERA di Alessandro Patelli, quello che ha segato per fregargli il posto? Forse da lì che ha cominciato la semplificazione, con l'eliminazione del segretario amministrativo della Lega. Bossi ne è al corrente? se lo sapesse per calderoli sarebbero c..... amari.

    Report

    Rispondi

  • ed7

    26 Aprile 2010 - 17:05

    sono di sinistra ma penso le stesse cose che ha scritto garawal! Perché andare a votare ora che c'è la maggioranza? bisogna attuare le riforme, necessarie come aria (..anche se dubito saranno efficaci). Calderoli non è una cima. Onestamente dubito abbia la licenza superiore. Ecco perché fa quelle sparate. Neanche Di pietro! E comunque mi meraviglio del popolo lombardo!! Votare quell'asinone del Trota è un insulto alla bontà finora dimostrata dalle redditizie regioni del nord. Ma ormai è tutto un degrado!

    Report

    Rispondi

  • marino43

    26 Aprile 2010 - 17:05

    Speriamo che Calderoli, dopo la porcata, aiuti l'italia ed emergere dalla melma e semplifichi il lavoro di Fini...Ma forse questa semplificazione non gli è congeniale!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog