Cerca

Federalismo fiscale, gli italiani dicono sì

Il sondaggio dell’Osservatorio di Mannheimer: a favore della riforma il 56% degli italiani

Federalismo fiscale, gli italiani dicono sì
 La maggioranza degli italiani dice sì al federalismo fiscale. E’ quanto è emerso dall’Osservatorio di Mannheimer:  i dubbiosi restano  i più giovani e gli elettori del centrosinistra.

 All’affermazione che "il federalismo fiscale è necessario per migliorare lo sviluppo del paese", la gran parte degli italiani (il 56%) ha risposto positivamente. Gli atteggiamenti più critici provengono dai giovani, da chi possiede un titolo di studio più elevato e, specialmente, da chi dichiara l’intenzione di votare per un partito di centrosinistra.

I dubbi sono ancora più diffusi tra gli abitanti delle regioni meridionali: lì il 63% si dichiara totalmente d’accordo con l’idea che "il federalismo fiscale danneggerà le regioni del sud".  Altra perplessità diffusa riguarda il possibile costo eccessivo della riforma. Per la metà degli italiani, infatti, "il federalismo fiscale costituisce un modo di spendere i soldi dello Stato, che potrebbero essere risparmiati o utilizzati per altro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • VICTORY42

    18 Agosto 2011 - 15:03

    Come ho scritto nel titolo la riforma sarebbe stata giusta e sacrosanta,ma,c'è un ma. Il ma sarebbe: che se la classe politica fosse costituita da persone di buon senso e intellettualmente oneste ,questa riforma l'avrebbe attuata 20 anni fà,Ma siccome pensano tutti ma proprio tutti ai propri interessi la hanno detta ,spiegata ,approvata in parte ,e mai attuata ,perché? Ci sarebbero troppi di lor signori che ci rimetterebbero la sedia con annessi e connessi .Mica sono fessi LORO .Noi cittadini purtroppo sì e ci insultiamo a vicenda per campanilismo , per convenienza partitica ,per ignoranza ,per egoismo ,chi più ne ha più ne metta.Stà di fatto che i deputati e senatori gioiscono e si danno pacche sulle spalle alla faccia nostra

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    21 Gennaio 2011 - 10:10

    Se il federalismo fiscale è inteso come in Svizzera mi va perfettamente bene.Nel senso che se il conto del dentista o il mutuo me lo scarico sulle tasse al 100%,intendendo che se ad esempio ho guadagnato 100.ooo e ne ho spesi 90.000,le tasse le pago sulla differenza,cioè 10.000 euro,e sarebbe semplicemente perfetto,in quanto nessuno avrebbe convenienza ad evadere fiscalmente,cosa che ALLO STATO ATTUALE DELLA REALTA' ITALIANA, accade normalmente in quanto è lo STATO che la incentiva.Diversamente,e qui lo ribadisco ancora una volta,se il federalismo fiscale è inteso come la famosa manna caduta dal cielo....nel senso che oltre allo stato sulla mia busta paga ci mangiano in due,oltre allo STATO,allora sarebbe meglio restituire la tessera all'ufficio elettorale comunale in busta chiusa ed affrancata,non partecipando piu' di fatto a qualsiasi evento elettorale in Italia.Saluti.

    Report

    Rispondi

  • nuvola grigia

    12 Settembre 2010 - 22:10

    Si, ma gli anziani lombardi e veneti e piemontesi; quando vengono in Liguria devono portarsi dietro i soldini per pagare l'ospedale!!!! (si ricordino che un giorno di ospedale costa circa 500 euro!!!

    Report

    Rispondi

  • marcello.favale

    30 Aprile 2010 - 09:09

    Il 56% degli italiani avrebbero votato per le riforme ed in questa - naturalmente - è inserito anche il federalismo fiscale. A parte il fatto che 56% significa che metà degli italiani dissente da questa idea pazza, è qualunquistico e di parte fare di tutte le erbe un fascio: si alle riforme che snelliscono la politica ( perché due camere? perché tanti deputati e senatori da retribuire?), si alla soppressione delle province di cui non si riesce a capire a cosa servono, si alla riforma della politica (presidnzialismo alla francese o altro) purchè serva a ridurre le spese, si al contenimento delle spese di appannaggio della Presidenza della Repubblica (siamo il terzo stato in europa in quanto a entit di spesa), si alla vendita di quel patrmonio d'immobili fra cui la tenuta di Castel Porziano (che non serve e non la usa nessun Presidente) e di tante caserne situate nel pieno centro cittadino. Ma non al federalismo senza una prevsione di spesa he non sia ridicola (ma non c'è nemmeno quella

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog