Cerca

Giochi da Camera

Battaglia per i vertici. Italo Bocchino si dimette da vicepresidente e pretende che pure Cicchitto lasci l'incarico da presidente. Il Pdl: non è previsto. Poi si ricandida: "andiamo ai voti"

Giochi da Camera
Sta per scoppiare un bubbone virulento. Quello della presidenza del gruppo Pdl alla Camera. Ieri sera Italo Bocchino, come preannunciato, ha presentato le sue dimissioni da vicepresidente. Le ha consegnate, brevi manu, al presidente Fabrizio Cicchitto. Solo che il parlamentare "finiano" non ha certo intenzione di ritirarsi a vita privata. Prima di tutto pretende che Cicchitto lo segua e presenti a sua volta le dimissioni. "Il nostro destino è legato - spiega Bocchino - se si dimette il vicepresidente, deve lasciare anche il presidente. Ed è inevitabile il ricorso all'assemblea per rinnovare il gruppo parlamentare alla Camera". Ma soprattutto Bocchino è determinato a candidarsi come presidente del gruppo Pdl alla Camera. "Ho intenzione di candidarmi alla presidenza per dare la possibilità alla minoranza di contare le proprie forze e conseguentemente di rivendicare gli spazi corrispondenti al suo peso", scrive il vicepresidente vicario dei deputati del Pdl, dimissionario, nella lettera a Cicchitto.

Un incontro con Berlusconi - Bocchino chiede un incontro al premier Silvio Berlusconi affinché‚ "si possa dar vita ad un chiarimento politico che faciliti il difficile percorso che il gruppo dovrà fare" scrive nella lettera indirizzata al presidente del gruppo Pdl alla Camera Cicchitto, in cui chiede la convocazione di un'assemblea del gruppo al più presto per il rinnovo dei vertici. "Prima di convocare congiuntamente l'assemblea del gruppo, ti prego di favorire un mio incontro con il presidente Berlusconi anche alla presenza del coordinatore Verdini affinché‚ si possa dar vita ad un chiarimento politico che faciliti il difficile percorso che il gruppo dovrà fare".

Anche il finiano Menia pronto a candidarsi -
"Se per davvero l'onorevole Bocchino, vice capogruppo dimissionario del Pdl alla Camera, intende candidarsi a presidente dello stesso gruppo per consentire alla minoranza di esercitare il suo ruolo, allora lo farò anch'io. Non so quale consenso egli pensi di avere, ma non ha certo il mio né‚ quello di molti che con lealtà seguono Fini e con altrettanta lealtà sostengono il governo Berlusconi e non si prestano al gioco delle tre carte" ha dichiarato Roberto Menia, sottosegretario di Stato all'Ambiente.

Per l'ufficio stampa del gruppo parlamentare Pdl
non è vero che se si dimette il vicepresidente deve cadere anche il presidente. "L'articolo8 del regolamento del gruppo non lega affatto il destino del presidente e del vicepresidente vicario, a meno  che ovviamente non sia il primo a dare le dimissioni dalla sua caric".  "La situazione è totalmente diversa - spiega la nota- perchè,   invece, ci si trova davanti alle dimissioni del vicepresidente vicario  Italo Bocchino che, come è stato già rilevato, andranno esaminate con la dovuta attenzione anche a livello del gruppo dirigente del partito".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • powerinvest

    02 Maggio 2010 - 11:11

    Il Sig. Bocchino si sta rivelando ulteriormente: sta minacciando e ricattando il PDL. Le sue affermazioni sono deprimenti e squallide, perciò diamoli il giusto peso: ignoriamolo!

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    28 Aprile 2010 - 14:02

    Questa posizione mi sembra del tutto demenziale. Sarebbe come dire che se si dimette un vice presidente del consiglio, si debba dimettere anche il Presidente! Credo che le "cattive" frequentazioni gli abbiano ridotto il cervello in pappa. Forse che se si dimette un presidente di una delle Camere, cade il governo? O se si dimette uno dei collabboratori di Napolitano si debba dimettere anche il presidente della Repubblica? Io credo che bene farebbe il gruppo parlamentare della Camera ad accettare le dimissioni di bocchino senza neanche pensarci un pò. Poi magari faccia causa a non si sa chi. Tanto di danni in questi ultimi mesi ne ha fatti anche di troppo. Non è che con questo suo nuovo attivismo voglia prendere il posto dello stesso fini?

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    28 Aprile 2010 - 13:01

    Sì al voto turandosi il naso altrimenti la gente non capisce un Fini che vuole essere premier senza avere la stoffa e nemmeno la storia visto che per essere sdoganato sé usato lo sbianchetto come fece qualcuno! Io sono dell’avviso che il lupo perde il pelo non il vizio di caserma! Fini non solo ha esagerato remando contro l’elettorato, ma continua a fare il solone scoprendo non l’acqua calda ma bollente, tanto di scottare non solo il Pdl come Partito, ma l’elettore che non ne può più di sentirlo solonerie: ma ci crede, ci fa a prenderci pure per il c**? Giusto che Bocchino cacciarlo ce sempre il Pd in cerca d’autore e, per chi esce dal Pdl, riscriverà un’altra Politica, fatto di soloneria o meglio chiamarla macelleria dell’elettore che non saranno teneri nemmeno con loro, visto che sono stati ingannati senza avere ottemperato il programma della Legislativa e con i tempi di crisi mondiale quest’affair non ci voleva: questo lo sa un bambino ma Fini e suoi lo sono o lo vorrebbero?

    Report

    Rispondi

  • dondolino

    28 Aprile 2010 - 12:12

    sono come una scorreggia di vecchia un poco di puzza ma nessun rumore.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog