Cerca

Fini sta con Bocchino: "Cacciato senza motivo"

Il vice capogruppo alla Camera si dimette e fa la vittima: "Mi hanno epurato". Poi spara contro Berlusconi: "Chiedeva la mia testa da un anno". Il premier: "Basta sputtanare il Pdl". Fini: ha la mia solidarietà. Ma ieri ha annunciato lui le dimissioni a Cicchitto

Fini sta con Bocchino: "Cacciato senza motivo"
Uno si dimette e poi dice che è stato epurato. L'altro gli dà man forte. La coppia Fini-Bocchino  è più legata che mai. L'ormai ex vice capogruppo alla Camera, dopo aver fatto volontariamente un passo indietro per sedare la tensione nel PdL, ieri s'è definitivamente  trasformato in vittima. Il gioco funziona sempre, così  ecco che anche per Bocchino Berlusconi è diventato il dittatore che zittisce con metodi d'altri tempi: l'epurazione. E oggi Fini, anziché glissare, rincara con il suo sostegno: "E' evidente che l’onorevole Italo Bocchino sia stato dimissionato senza che ce ne fossero le ragioni, perché non mi risulta che avesse fatto male il suo lavoro, ha la mia solidarietà". Dimissionato e non dimissioni, insomma. L'ultima vittima del dittatore ha il sostegno di chi vuole fare il secondo leader del PdL. Andiamo bene.
Libero-news.itLibero-news.it

"Risulta che sia stato direttamente Gianfranco Fini a chiamare Fabrizio Cicchitto per annunciare le dimissioni dell’on. Italo Bocchino e la contestuale richiesta di non tenere più la riunione del gruppo del Pdl alla Camera prevista per ieri mattina", sostiene Michele Traversa, parlamentare del Pdl. Quindi non si comprende di quale epuraione si stia parlando:  "Dopo aver avanzato una richiesta di questo tipo - aggiunge - è singolare che si dica che Bocchino è stato dimissionato".



Ieri Bocchino si è dimesso in via definitiva. Lo ha reso noto un comunicato del Pdl con cui veniva revocata l'assemblea del gruppo parlamentare che avrebbe dovuto discutere "sulla lettera di dimissioni e su quella successiva di ritiro delle stesse firmate dal vicepresidente vicario". La riunione è stata annullata "essendo venuto meno l'oggetto della stessa in seguito alle dimissioni definitive dalla carica consegnate stamattina da Bocchino al Presidente del gruppo".  "Risulta che sia stato direttamente Gianfranco Fini a chiamare Fabrizio Cicchitto per annunciare le dimissioni dell’on. Italo Bocchino e la contestuale richiesta di non tenere più la riunione del gruppo del Pdl alla Camera prevista per ieri mattina", sostiene Michele Traversa, parlamentare del Pdl. Quindi non si comprende di quale epuraione si stia parlando:  "Dopo aver avanzato una richiesta di questo tipo - aggiunge - è singolare che si dica che Bocchino è stato dimissionato".

Epurato
- Commentando le dimissioni, liberamente presentate, il finiano ha lanciato una pesante accusa contro il premier: "C'è stata una direttiva di Berlusconi durante Ballarò che chiedeva la mia testa. Berlusconi commette il grave errore di colpire il dissenso, colpire cioè chi è in vista per educarne cento, ma questo non porta lontano il partito. Continuiamo la lotta dall'interno". E ancora: "È evidente il tentativo di arrivare ad una epurazione mia per colpire l'area a me vicina, essendoci stata una sua direttiva. Ho confermato le mie dimissioni per far comprendere che il problema è politico e non di posti. Questo permetterà di contrastare il centralismo carismatico che dà prova della sua esistenza". E' un'ondata di fango inarrestabile: "Chi ha voluto chiamare il proprio partito Popolo della Libertà e l’ha addirittura definito il partito dell’amore, non fa oggi una bella figura, dando vita ad una epurazione figlia di una ossessione che lui ha portato avanti da molto tempo. Berlusconi è ossessionato da me. È da almeno un anno che chiede a Fabrizio Cicchitto la mia testa, perché ritiene che non possa esserci uno non allineato. Mi ha pure chiamato per dirmi di non andare in televisione. Che un leader chiami un dirigente per dirgli questo, è una cosa che non esiste al mondo. In una telefonata, con toni concitati, mi ha pure detto: "Farai i conti con me".

La replica del Cav
- "Ho chiamato Bocchino l’altra sera quando doveva andare a Ballarò. Con me, devo dire, è stato anche un po' insolente. Gli ho detto che non si può andare in tv a fare sceneggiate coinvolgendo il partito. Tutti nel Pdl devono capire che non si può sputtanare il partito". Il premier, raccontando di quanto sia stata difficile la sera prima la mediazione, durante la tradizionale cena con i senatori a palazzo Grazioli, affinché non si arrivasse a una votazione che avrebbe spaccato ulteriormente il partito, ha commentato: "A volte mi verrebbe voglia di mollare tutto, non si può passare tutta una giornata a discutere per questioni di partito. Io ho un Paese da governare e dei problemi da affrontare e francamente è deprimente perdere così tanto tempo per certe cose...".

La lealtà di Fini - Il Cavaliere avrebbe poi parlato a lungo del cofondatore del partito: "Sono rimasto deluso dal punto di vista umano, mi ha tradito e non me lo aspettavo. E’ stato come ricevere una coltellata, pensavo di avere un buon rapporto con lui e invece... Abbiamo constato che tra di noi non c’è più amicizia, ora vediamo se c’e lealtà da parte sua. Lealtà nei confronti del Pdl, ma soprattutto degli elettori. Vedremo se sarà leale in parlamento. È chiaro che se qualcuno vuole assumersi la responsabilità di far cadere questo governo lo si vedrà in parlamento e a quel punto la strada per le elezioni sarà l’unica possibile".

Una soluzione indolore - "Stiamo cercando una soluzione che sia indolore per tutti". Così il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, si era espresso sulle dimissioni del finiano nel giorno della riunione decisiva. A convocare l'assemblea era stato il capogruppo Fabrizio Cicchitto, che, in una lettera inviata al vice, aveva spiegato che sarebbero stati i deputati a decidere se accettare o meno le dimissioni. “A questo punto, credo di non poter più, autonomamente, risolvere la questione, sulla quale ovviamente chiarirò il mio pensiero. La responsabilità del mio ruolo mi impone di convocare il gruppo per affrontare serenamente la vicenda e, con il  metodo più democratico, lasciare ai deputati del Pdl il compito di accettare o meno la prima o la seconda delle tue lettere”.

Ripensamenti - Il riferimento è una seconda missiva firmata Bocchino con cui il deputato cercava di fare marcia indietro: “Alla tua lettera di dimissioni fa oggi seguito una nuova tua lettera (anch’essa preceduta e seguita da pubbliche dichiarazioni non proprio distensive) con cui pretendi semplicisticamente e con motivazioni astruse e non condivisibili di ritirare le tue dimissioni, apparse su tutti i principali giornali e tv con voluto effetto mediatico”. Da qui la necessità di convocare deputati. A loro l'ultima parola.

La tensione era alle stelle. Lo stesso Gianfranco Fini, interpellato sull'assemblea aveva dichiarato: "La riunione del gruppo di domani? Domani rischiamo di fare il bis della Direzione, anzi peggio, non vorrei che volasse qualche sedia...".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lectiones

    19 Settembre 2010 - 22:10

    Per cacciare Bocchino, cosa si sarebbe dovuto attendere? La sparatoria col morto? Che vada per la sua strada e non rompesse l'anima a chi l'ha fatto deputato. CF

    Report

    Rispondi

  • goodman

    03 Maggio 2010 - 09:09

    Essere cacciato senza motivo è il colmo della modestia.

    Report

    Rispondi

  • lozzaVAitalia

    03 Maggio 2010 - 07:07

    Qualche dubbio di pena lo suscita La Russa che crea un movimento alternativo (La Nostra Destra, forse la sua personalissima destra) solo per contrastare FINI, certamente col beneplacido del Berlusca. Che Pena!!

    Report

    Rispondi

  • TOSCANOROSSO

    02 Maggio 2010 - 18:06

    E' buona regola non insegnare ai pesci a nuotare (così almeno dicevano i greci). La congiunzione coordinante copulativa “e” si può scrivere, quando precede un sintagma iniziante per vocale, con l’aggiunta della lettera “d” ad addolcirne il contatto es.: ed ora, ed era, ed intanto. E’ opportuno sottolineare che, le più recenti teorie linguistiche, danno la preferenza all’uso della “e” senza associazione della “d” ritenendo la “e” semplice più in linea con lo stile asciutto e privo di orpelli verso il quale sembra orientarsi l’italiano moderno. In parole semplici la sola “e” appare di gusto migliore mentre la “ed” denota una certa tendenza al retorico. Riprova sarai più fortunato (forse).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog