Cerca

Scajola diventa un tormentone

Nascono gruppi e barzellette sulla casa "pagata da altri a mia insaputa"

Scajola diventa un tormentone

Il ministro dimissionario Scajola e la vicenda della sua abitazione a Roma-vista Colosseo diventano un tormentone su internet. Il popolo di Facebook si è infatti scatenato: fanpage, gruppi e anche barzellette sulle parole del ministro.

Il blogger della pagina “Viodio” ha pubblicato come 109° cosa da odiare: “Tu che non compri a mia insaputa una casa anche me. Ti odio”. Una fan page divertentissima nata da poche ore invece recita: “Non so chi abbia comprato le mie cose, ma comunque grazie”. Attualmente “piace” a 165 iscritti al social network, ma il tam tam è iniziato e c’è da scommettere che i fan aumenteranno presto.

Gli sfottò sono diversi: “chi mi paga il cinema domani?”, ma anche: “Perché tante polemiche su Scajola? Chi fra di noi non ha avuto la casa pagata da uno sconosciuto? Chi fra di noi non ha trovato per strada un rogito?”. Gli iscritti a Facebook fanno appelli: “Mi dimetto anch'io da qualsiasi incarico SE QUALCUNO MI PAGA IL MUTUO !!!!”, e raccontano barzellette: “Un uomo è contattato dalla banca, che gli spiega che il suo mutuo è stato estinto da un anonimo benefattore, il quale ha anche versato sul conto 25 mila euro. L’uomo stupito: Allora Scajola aveva ragione.” Infine, una delle pagine di fan dell'ex ministro conta in queste ore zero iscritti, evidentemente i sostenitori on line di Scajola hanno preferito cancellarsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    09 Maggio 2010 - 11:11

    In sintesi, dopo il tuo intervento non ho capito come giudichi Scajola. Bugiardo, in mala fede, stupido, solo disinformato o cos'altro? Cioe' e' chiaro che critichi l'ultima sua frase, ma critichi solo quella? ^^

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    05 Maggio 2010 - 17:05

    Costume consodidato è acquistare una casa o appartamento e mettersi d'accordo con il venditore di andare al notaio a dichiarare il meno possibile. L'accordo prevede la dazione di danaro brevi manu e pagare il rogito il meno possibile. Anche a me , il costruttore, quando acquistai casa mi chiese del danaro in nero, in modo da dichiarare meno dal notaio. Non per farmene un vanto, ma io preferii pagare la somma reale e non quella virtuale, mentre molti dei colleghi condomini, si recarono dal costruttore con valigette 24ore piene di banconote. Questo per dire che nessuno controlla in questa nazione e che tutto è lasciato al caso. Dovremmo dedurne che siamo governati da una serqua di incapaci o quantomeno di furbacchioni. SCAJOLA NELLA SUA DICHIARAZIONE DIMISSIONARIA, HA TOPPATO DI BRUTTO NEL DIRE CHE FORSE QUALCUNO HA PAGATO LA SUA CASA A SUA INSAPUTA. COME DIRE ALLA PROFESSORESSA CHE TI CHIAMA A RIPETERE, HO DIMENTICATO IL QUADERNO A CASA. RIDICOLO PER UNO CHE FA IL MINISTRO.

    Report

    Rispondi

  • orietta.prevignano

    05 Maggio 2010 - 16:04

    Io più che arrabbiata , più che disgustata, più che indignata sono attonita! Ovviamente prima bisogna capire se il fatto di cui parliamo è vero, siamo abituati a vedere persone diffamate , indagate , rovinate dai processi e poi prosciolti.... Ma sono attonita perchè non capisco come sia possibile tanta avidità, sinceramente, senza falsa retorica , non comprendo perchè gente che già guadagna somme che noi comuni mortali neanche possiamo immaginare, ebbene queste persone già fortunate devono anche fottere il prossimo! Francamente non capisco.

    Report

    Rispondi

  • DantesInferno

    05 Maggio 2010 - 14:02

    Pagina ufficiale http://www.facebook.com/pages/Claudio-Scajola/46699820729?v=info iscritti 2000 circa...... Non cascatemi anche voi di Libero su piccoli dettagli...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog