Cerca

Bertolaso: nessuna fuga anticipata

Il capo della Protezione civile smentisce le voci sulle imminenti dimissioni: "Nessun abbandono improvviso. C'è ancora un piano da portare a termine"

Bertolaso: nessuna fuga anticipata
Giallo attorno al capo della Protezione civile Guido Bertolaso. Voci di corridoio avazano l'ipotesi di imminenti dimissioni, dopo il coinvolgimento nella vicenda giudiziaria sugli appalti per il G8 alla Maddalena e la delusione per una mancata archiviazione del caso. Le fonti ufficiali smentiscono catagoricamente: "Non c'è nessuna intenzione o possibilità che Bertolaso intenda lasciare il suo incarico a breve". A confermarlo sarebbero i numerosi impegni in agenda, a partire da quello in programma oggi a Monteacuto dove il Capo della Protezione civile si è recato per un sopralluogo sulla frana. D'altra parte è stato lo stesso Bertolaso alla fine del 2009 a manifestare l’intenzione di mollare l'incarico e il mancato stralcio sul caso giudiziario avrebbe potuto accelerare la decisione.
Libero-news.itLibero-news.it

Esiste un percorso già disegnato da tempo e condiviso con il Presidente del Consiglio: quando sarà portato a termine allora finalmente potrò togliere il disturbo


Oggi però, dai luoghi della frana, il sottosegretario scioglie ogni dubbio: "Nessuna fuga anzi tempo, quindi, nessun abbandono improvviso, né dimissioni improvvise, solo il desiderio di far crescere sempre più i nostri giovani e la voglia di mettersi in discussione su altri terreni, forse ancora più problematici di quelli coltivati fino ad oggi. Sono anni che sostengo la necessità di immaginare tempi definiti per chi riveste compiti di grande responsabilità a livello istituzionale. Ho sempre augurato che nessun funzionario dello Stato potesse rimanere sulla stessa sedia per più di cinque anni e che non era immaginabile superare quella soglia di sette che la Costituzione attribuisce per la massima carica dello Stato. Dalla fine del 2008 avevo pertanto chiesto di affidare ad altri il privilegio di servire il Paese come capo della Protezione civile, c'ero quasi riuscito nei primi mesi del 2009, quando risolta l’emergenza rifiuti in Campania intendevo avvalermi della norma che prevede la pensione anticipata per chi abbia lavorato per oltre 35 anni ed intende dedicarsi alle attività di volontariato. Il terremoto del 6 aprile ha fermato le lancette di quell'orologio che oggi possono rimettersi in moto".   Per il Capo della Protezione Civile, "esiste un percorso già disegnato da tempo e condiviso con il Presidente del Consiglio: quando sarà portato a termine, con l’assunzione dei giovani precari, la nomina dei dirigenti e la definizione di una road map per la missione di una realtà ammirata e rispettata a livello internazionale, allora finalmente potrò togliere il disturbo".

Nel prossimo consiglio dei ministri, intanto, potrebbe essere nominato come suo vice l’ex prefetto dell’Aquila ed ex numero uno del Sisde, Franco Gabrielli,
successore designato al vertice della Protezione civile dopo Bertolaso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • junpy1968

    13 Maggio 2010 - 00:12

    Ciao Ciao Bertolaso. Lascia adesso prima che scoprano tutte le magagne...

    Report

    Rispondi

  • paolocasabianca

    11 Maggio 2010 - 00:12

    Il potere di dirigere somme altissime per scopi di pubblica utilità nell'emergenza deve essere tenuto a distanza siderale da ogni questione, interesse, beneficio personale. Cose megagalattiche per lui! Falegnami! Giardinaggio! Fatture alla moglie! Per tutto questo un solo nome: Anemone. Il generoso compratore di casa Scajola. Anemone, la trasparenza e l'ubiquità, un tipo limpido. L'elettore di destra è rassicurato, vai avanti Bertolaso, tienila con le unghie la poltrona.

    Report

    Rispondi

  • delusodasilvio41

    10 Maggio 2010 - 20:08

    Sarebbe come dire che un giudice può condannare un assassino solo se ha assistito personalmente all'omicidio. Ha mai sentito parlare di prove? Anch'io posso avere dei dubbi sulla colpevolezza di Bertolaso, ma non è sicuramente questo il modo di stare dalla sua parte. Personalmente sospetto che qualche colpa ce l'abbia, ma che, soprattutto, si sia trovato invischiato in una cosa più grande di lui, Però dopo ingenuità varie, decisioni sbagliate, favori parentali , onnipotenza nell'uso del denaro pubblico, sarebbe meglio che si defilasse e si difendesse da comune cittadino.

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    10 Maggio 2010 - 15:03

    I giudici non sbagliano per assunto. Bertolaso è accusato di aver fruito di una prestazione sessuale pagata da terzi. Il giudice assisteva da perfetto guardone. Asvedommia

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog