Cerca

Nucleare, appello degli scienziati a Bersani

"Occorre evitare il rischio che nel Pd prenda piede uno spirito antiscientifico, elitario e snobistico"

Nucleare, appello degli scienziati a Bersani
Il Pd non può lavarsi le mani sul nucleare o delegare opinioni e considerazioni in merito a qualche secco "no". E' necessario che anche il centrosinistra intervenga nel dibattito e si interessi di una questione così delicata e importante. A chiederlo non sono politici o rappresentanti del gioverno, ma chi può vantare conoscenze tecniche ed esperienza in materia, gli scienziati. In una lettera aperta al leader del Pd, Pierluigi Bersani, gli studiosi criticano la bocciatura dell'opposizione al piano della maggioranza sul nucleare e chiedono di discutere con maggiore "rigore intellettuale e scientifico. E con spirito concreto": "Riterremmo innaturale e incomprensibile ogni chiusura preventiva su un tema che riguarda scelte strategiche di politica energetica, innovazione tecnologica e sviluppo industriale così critiche e con impatto di così lungo termine per il nostro Paese. L'energia nucleare, quasi ovunque, nel mondo industrializzato è vista come un’insostituibile opportunità che contribuisce alla riduzione del peso delle fonti fossili sulla generazione di energia elettrica, compatibile con un modello di sviluppo eco-sostenibile".
 
Occorre evitare il rischio che nel Pd prenda piede uno spirito antiscientifico, un atteggiamento elitario e snobistico che isolerebbe l’Italia dalle frontiere dell’innovazione


La lettera - Nel testo si legge: "Dal punto di vista ambientale non vi è programma internazionale accreditato per la riduzione della CO2 che non preveda anche il ricorso all’energia nucleare e non vi è un solo studio internazionale che affidi alle sole rinnovabili il compito di ridurre il peso dei combustibili fossili. Ed invece tutti gli accenti che sentiamo oggi nel Pd prescindono dall’analisi di questi dati e fatti". L’avversione al reingresso dell’Italia nelle tecnologie nucleari è ingiustificabile, secondo gli scienziati, che non intendono tappare la bocca all'opposizione, ma, al contrario esortano ad una maggiore considerazione del tema, con una puntuale sottolineatura degli errori del governo: "E’ incomprensibile, invece, la sbrigatività e il pressapochismo con cui, spesso, da parte di esponenti del Pd, vengono affrontati temi che meriterebbero una discussione informata e con dati di fatto. Caro Segretario, occorre evitare il rischio che nel Pd prenda piede uno spirito antiscientifico, un atteggiamento elitario e snobistico che isolerebbe l’Italia, non solo in questo campo, dalle frontiere dell’innovazione. Ampi settori di intellettualità tecnica e scientifica, che un tempo guardavano al centrosinistra come alla parte più aperta e moderna dell’Italia, non ci capiscono più e guardano altrove. Noi ti chiediamo di prendere atto che il nucleare non è né di sinistra, né di destra e che, anzi, al mondo molti leader di governi di sinistra e progressisti puntano su di esso per sviluppare un sistema economico e modelli di vita e di società eco-compatibili. Noi ti chiediamo - conclude la lettera - di garantire che le sedi nazionali e locali del Pd, gli organi di stampa, le sedi di riflessione esterna consentano un confronto aperto e pragmatico".
Libero-news.itLibero-news.it

Caro Bersani, il nucleare non è né di sinistra, né di destra e, anzi, al mondo molti leader di governi di sinistra e progressisti puntano su di esso per sviluppare un sistema economico e modelli di vita e di società eco-compatibili

La missiva è firmata, tra gli altri, da Umberto Veronesi, direttore scientifico Istituto Europeo di Oncologia, Giorgio Salvini, presidente onorario Accademia Lincei, Margherita Hack, astrofisica, Carlo Bernardini, professore emerito di Fisica Università di Roma - Direttore di "Sapere", Enrico Bellone, ordinario di Storia della Scienza, Edoardo Boncinelli, professore di Biologia e Genetica, Gilberto Corbellini, docente di Storia della medicina - Università di Roma, Marco Ricotti, professore Politecnico di Milano, Ernesto Pedrocchi ,professore Politecnico di Milano, Roberto Vacca, scienziato e scrittore e Franco Debenedetti, economista.

La risposta di Bersani - Bersani replica precisando che in quel "no" fermo al programma del governo non c'è nulla di ideologico: "Noi contestiamo la velleità di un piano che non si occupa di dipendenza tecnologica, di condizioni di sicurezza, che non ha alle spalle soluzioni e gestione degli esiti del vecchio nucleare dalla decomissioning alle scorie francesi. Senza parlare delle procedure di delocalizzazione messe su un binario a dir poco complicato e incerto per finire al tema dei costi, perché è facile dire solo si risparmia". Dunque "nella situazione italiana e senza remore ideologiche per il Pd quella del governo è una scelta sbagliata che ci distoglie da quel che potremmo fare in termini di politica energetica".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Obiettore

    Obiettore

    21 Agosto 2010 - 11:11

    Credete che questo soggetto sia in grado di comprenderlo?

    Report

    Rispondi

  • Mimmo1988

    28 Maggio 2010 - 10:10

    Chiedo gentilmente a Bersani e a tutti i politici di destra e sinistra di ricordarsi la storia. L’Italia era già una potenza dell’energia nucleare e niente impedisce che il paese riconquista questa posizione di nuovo. Guarda cosa eravamo in grado di fare nel 1977: http://www.youtube.com/watchv=nwIPL6aymE&feature=PlayList&p=B46C2DD786ACB6F7&playnext_from=PL&index=8 Più informazione, più confronto, meno paure infondate!

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    15 Maggio 2010 - 22:10

    On. Bersani,dammi retta, fai a farti una foietta.

    Report

    Rispondi

  • 11stone

    12 Maggio 2010 - 16:04

    Ma bravo Bersani ...........continua a seguire il troglodita ermafrodito Vendola ...........e vedrai che l'Italia sara come il Bangladesh !!!!!!! .....Sula sostenibilita' del nucleare e delle scorie : 1) non vi pare che la BP nel Golfo stia gia rimettendo ampiamente il costo di una bella Centrale Nucleare ?? .........Poi chiedete ai Francesi se sono contanti o meno di essere energeticamente indipendenti dal Petrolio ed economicamente molto competitivi !!!! 2) Le cosidette scorie ..............possono essere riprocessate per fare nuova corrente a buon mercato tramite la " trasmutazione Nucleare " ......ovvero da Uranio a Plutonio , da Plutonio in qualcos'altro e cosi via ...........; alla fine cio che rimane puo' essere nutralizzato in molti modi diversi ............non ultimo quello di spedire le scorie via , nello spazio , possibilmente sul Sole .......che non se ne accorgerebbe per nulla visto che naturalmente e' composto da plasma incandescente iperradiottivo .....:)))))

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog