Cerca

Inchiesta G8, si indaga su una nuova casa

Spunta una quinta compravendita perfezionata con i fondi neri di Anemone. Il proprietario è il capo della struttura tecnica di missione del ministero delle Infrastrutture

Inchiesta G8, si indaga su una nuova casa
Nell'inchiesta sugli appalti del G8 spunta una nuova casa e una quinta compravendida. Le indagini si concentrano adesso su altri assegni dal valore complessivo di 562mila euro, firmati da Angelo Zampolini, architetto di fiducia dell'imprenditore Diego Anemone, e sul capo della struttura tecnica di missione del ministero delle Infrastrutture, l'ingegner Ercole Incalza, che avrebbe acquistato per soli 390mila euro un appartamento di cinque camere a due passi da piazzale Flaminio, in via Emanuele Gianturco 5 a Roma. A vendere sono Maurizio De Carolis e Daniela Alberti, ufficialmente giardinieri, mentre a comprare è un dirigente, Alberto Donati, dietro cui si nasconderebbe, secondo gli inquirenti, Incalza. L'operazione, che risale al luglio del 2004, si aggiunge alle quattro operazioni sospette già venute alla luce: l'acquisto da parte dell'ex ministro Claudio Scajola dell'appartamento fronte Colosseo, le due case comprate dal generale della Gdf Francesco Pittorru e quella acquistata dal figlio di Angelo Balducci, Lorenzo.

Incalza è il suocero di Donati e sarebbe lui ad aver indicato al genero la figura di Anemone per trovare una casa a Roma. L'atto di compravendita è redatto dal solito notaio Gianluca Napoleone, lo stesso che ha firmato le altre quattro operazioni immobiliari realizzate con fondi portati da Zampolini. "Il 7 luglio 2004 (il giorno dopo il rogito firmato da Scajola) - si legge nell'informativa della Gdf - Zampolini si presenta nella filiale 582 di Roma della Deutsche Bank con 520mila euro in contanti e chiede l'emissione di 52 assegni circolari da 10mila euro intestati a Maurizio De Carolis". Lo stesso giorno, nello studio del notaio Napoleone, De Carolis vende la casa ad Alberto Donati, un appartamento "al piano secondo, distinto con il numero 12, composto da 5 camere ed accessori con annessa cantina posta al piano sotterraneo". La cifra ufficiale di vendita riportata sul contratto è di 390mila euro: 150mila la parte venditrice dichiara "di averli ricevuti prima d'ora dalla parte acquirente", mentre altri 240mila dovevano essere versati entro il 30 luglio.
L'ingegnere si dice sereno: "È una vicenda che mi lascia assolutamente tranquillo. Se mai sarò chiamato a spiegarla fornirò tutti i chiarimenti necessari alle autorità competenti".

In attesa che il tribunale del riesame decida se l'inchiesta sia di competenza di Perugia o Roma, i magistrati perugini Sergio Sottani e Alessia Tavarnesi continuano a indagare per ricostruire il percorso del denaro che - scrivono nella richiesta d'arresto per il commercialista Stefano Gazzani e per il funzionario pubblico Claudio Rinaldi - dalle mani di Anemone e attraverso Zampolini, che si occupava di "investimenti finanziari in immobili con intestazione a favore di terzi", era destinato alla "remunerazione dei pubblici ufficiali". Denaro proveniente dai conti di Zampolini ma anche dai 30 (di cui 23 ancora attivi) intestati nella banca delle Marche alla segretaria dell'imprenditore, Alida Lucci. In questo quadro gli accertamenti delegati al nucleo tributario della Guardia di Finanza hanno già dato i primi esiti e in procura a Perugia c'è la certezza che una nuova operazione da 562mila euro sia stata compiuta da Zampolini, trasformando denaro contante - secondo gli inquirenti sempre di Anemone - in assegni circolari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • andrea1966

    13 Maggio 2010 - 09:09

    Aspettiamo la fine delle indagini e la eventuale condanna dei delinquenti, che dovessere essere condannati spero sia per associazione a delinquere e non il solito cavolo di "peculato" "abuso d'ufficio", "atti privati,,,". Le solite c***** insomma. Sono innocenti fino alla condanna comunque. Mi permetto di aggiungere che non e' la destra che delinque. E' il personaggio che fa politica. Solo che quelli di destra sono proprio degli incapaci. Quelloi di sinistra sono sicuramente piu' furbi nel portare a termine le loro malefatte. Non e' Berlusconi, Borsani o chi altro si fregi del titolo. E' la categoria che fa schifo. Si ride degli inglesi, ma loro per il momento non fanno queste figurte di m... Mani pulite ha tolto dal sistema le tangenti da 5/10 milioni di lire. Ora sono rimaste quelle da 5/10 milioni di euro. Tanto per cambiare poi compare anche la chiesa. Da non credere. Ma la chiesa si sa...e' fatta da uomini e gli uomini sbagliano. Non sbagliano mai quando ci sono di mezzo i soldi

    Report

    Rispondi

  • marley64

    12 Maggio 2010 - 20:08

    Ma era questo il piano casa del governo?

    Report

    Rispondi

  • robe

    12 Maggio 2010 - 18:06

    dice il generale Pittoru (della Finanza!) a proposito dei soldi ricevuti da Anemone per comprare casa alla figlia, ricevuti secondo il generale come prestito, poi però restituito. Le ricevute vedi sopra. Siamo tutti dei grandissimi fessi a sopportare queste cose un solo minuto di più.

    Report

    Rispondi

  • maurnarg

    12 Maggio 2010 - 16:04

    Considerato il quadro oramai chiaro della diffusa corruzione anche nell'ambito di ministeri di questo governo ( il governo del fare...per gli italiani voglio sperare, il governo dei "non politicanti") non vorrei che alla fine gli italiani siano costretti a buttare il bambino con l'acqua sporca come unico rimedio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog