Cerca

Nessuna richiesta di arresto per Lombardo

La procura di Catania smentisce la notizia pubblicata da Repubblica su un provvedimento a carico del governatore della Sicilia

Nessuna richiesta di arresto per Lombardo
Nessuna richiesta di arresto a carico di Raffaele Lombardo. Così la procura di Catania smentisce la notizia pubblicata e diffusa oggi dalla stampa su un presunto provvedimento contro il governatore della Regione Sicilia, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, il fratello Angelo e altri politici coinvolti nell’inchiesta su mafia e appalti.

In un comunicato ufficiale i magistrati etnei precisano: "Con riferimento alle notizie pubblicate sull'edizione odierna del quotidiano La Repubblica al fine di evitare inopportune strumentalizzazioni dell’attività dell’ufficio in vista di finalità che le sono assolutamente estranee e alle quali non intende prestarsi, la procura distrettuale precisa che l’ufficio non ha avanzato alcuna richiesta nei confronti del governatore Lombardo o di altri politici, ogni differente notizia al riguardo, comunque diffusa, e a qualunque personaggio politico riferita, è pertanto del tutto priva di ogni fondamento". Conclude la procura: "Allo scopo, infine di evitare che attraverso iniziative mediatiche, anche dal doveroso riserbo dell’ufficio si tenti di trarre illazioni circa gli orientamenti, le valutazioni o le determinazioni del medesimo, le procura non interloquirà più in alcun modo sull'argomento".

E prima ancora della smentita ufficiale, Lombardo, che ha convocato d'urgenza una conferenza stampa, ha scritto sul suo blog: "La mafia reagisce come può. Talvolta può fare pervenire alle persone giuste le informazioni sbagliate o quelle che le convengono. Credo che magistrati e cittadini debbano guardare ai fatti. Ne cito uno: la mia giunta ha fatto saltare il più grande affare che la mafia si apprestava a fare, quello collegato al sistema dei rifiuti".

"Come ha detto Scarpinato nella sua relazione alla commissione per la lotta alla criminalità Cosa nostra aveva precisi interessi e puntava a infilarsi nel sistema dei rifiuti che gli avrebbe consentito di lucrare 5-7 miliardi di euro e una rendita annua di centinaia di milioni di euro per i prossimi 20-30 anni, e forse più, tutti sulla pelle e sul sangue dei siciliani". Lo stop imposto dal suo governo, conclude, "è stato un colpo abbastanza forte, anche perché a fronte dei vantaggi ci sono state più che aspettative, forse anche spese anticipate. Noi abbiamo avuto il coraggio, l’onestà, il senso del dovere per bloccare questa porcheria. Il resto sono solo chiacchiere, fandonie, infamie".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ego1

    14 Maggio 2010 - 13:01

    Sono siciliano e l'unica speranza che vedo per la salvezza della Sicilia è costituita da un ricambio integrale di tutti i politici siciliani con politici principalmente leghisti. E' utopistico, lo so, come forse è altrettanto utopistica la salvezza della Sicilia.

    Report

    Rispondi

  • FrancoPo.

    14 Maggio 2010 - 08:08

    L'ennesima bufala di Repubblica.

    Report

    Rispondi

  • kartuno

    14 Maggio 2010 - 06:06

    Perora....................

    Report

    Rispondi

  • biasini

    13 Maggio 2010 - 17:05

    Peccato, quasi quasi ci speravo. Sarà per la prossima volta. Avete visto il servizio di ieri su LA7D-3? Dovrebbero vederlo tutti gli italiani. Il Lombardo confessava che la regione, la sua, aveva poche entrate (si riferiva con tutta evidenza a quelle "indigene") Il servizio diceva che in modo diretto o indiretto, la regione Sicilia ha quasi 100.000 dipendenti. Ha fatto vedere una manifestazione di "precari" che chiedevano la "stabilizzazione" del posto. Alcuni dei "pretendenti", i più vocianti, erano chiaramente analfabati o giù di li. In meno di un'ora il consiglio regionale ha deciso qualche migliaio di nuove assunzioni. Ho il sospetto che i promotori delle manifestazioni siano proprio quelli dentro il palazzo che, fingendosi costretti da motivi sociali e di ordine pubblico ecc. ecc. , devono necessariamente assumere. Magari parenti, amici e mafiosi. Ho regolarmente conati di vomito a vedere certe facce.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog