Cerca

Calderoli: "L'Udc non entrerà nella maggioranza"

"Sino ad oggi l'Udc si è sempre schierata contro il federelismo fiscale, ora vedremo la loro volontà"

Calderoli: "L'Udc non entrerà nella maggioranza"
L'Udc non entrerà nella maggioranza, i cittadini hanno votato «un presidente del consiglio, una coalizione e un programma» che non comprendevano i centristi. Risponde così il ministro Roberto Calderoli, sulla possibilità di un’alleanza di governo che comprenda l’Udc.
Il ministro leghista però apre un terreno di prova all'Udc, a proposito del federalismo: «Sino ad oggi l'Udc si è sempre schierata contro il federelismo fiscale, ora ci sono i decreti attuativi e vedremo la loro volontà o meno di concorrere al percordo delle riforme, ma ovviamente non certo nel governo».

Il ministro torna poi sulla riforma finaziaria
e sul regime di austerità che si prospetta per gli italiani: «Io ho parlato di un intervento che abbia al suo interno anche il taglio del 5 per cento. È chiaro che servono una serie di altri interventi, ma intanto cominciamo da qualcosa evitando di dire troppo poco per poi non far niente» spiega Calderoli, a proposito della sua proposta per il taglio del 5 per cento degli stipendi ai parlamentari, che alcuni giudicano insufficente.

«Io ho parlato di alti papaveri con stipendi più alti
del presidente del Consiglio», ai quali ministro Calderoli vorrebbe imporre i tagli maggiori. Tagli che nelle intenzioni del ministro leghista colpirebbero anche alcune fasce di magistrati: «All'interno del mondo dei magistrati ci sono stipendi molto alti».
Calderoli rassicura infine gli elettori: «Tanto più cercheremo di tagliare aree di privilegio, tanto più tranquilli possono stare i cittadini italiani».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • powerinvest

    20 Maggio 2010 - 22:10

    Calderoli qualche volta le spara grosse, sapendo di provocare, ma le sue affermazioni a proposito di UDC sono giuste. Gli elettori hanno scelto un presidente del consiglio, una coalizione e un programma! Casini è pericoloso, più di Fini, la dimostrazione la ha data, nel caso ci fosse stato bisogno alla Regionali, o no? Spero che B. non faccia l'errore di creare "casini" ulteriori di quelli che già abbiamo. Si mancano solo le liti Bossi - Casini in aggiunta!

    Report

    Rispondi

  • t0p0_gigi0

    19 Maggio 2010 - 12:12

    Berlusconi alla fin fine si farebbe impapocchiare da questi quattro guitti zero politica ma solo posti a tavola. Prima di CACCIARLI teneteli a distanza di massima sicurezza o finirete con dipietro-learc casini-rutello-epifani e vari pappagalli che sanno soltanto dire nain. Il PDL è in bilico, se l'incamera poco male per noi. Voteremo Lega dall'alpi alle piramidi. Altro che nord e sud!

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    18 Maggio 2010 - 16:04

    Io penso che Casini, sponsor ex democristiano del partito del sud, abbia capito che il federalismo sta andando anche se faticosamente in porto o almeno sta facendo breccia nella coscienza degli italiani, così cerca di entrare nella coalizione di governo per riuscire a bloccarlo dall'interno, strategia che anche Fini sta cercando di mettere in atto, così magari fra tutti e due teneramente uniti riusciranno a bloccare tutto l'iter delle riforme che vedono come il fumo negli occhi.

    Report

    Rispondi

  • mallmfp

    18 Maggio 2010 - 07:07

    Un vero opportunista. Pur di non lavorare se ne inventa tutte. Se osserviamo le frasi che ha rilasciato alla televisione negli ultimi 20 anni ha detto sempre le stesse cose. Per lui l'importante è assicurarsi la cadreghina. Ha ragione bossi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog