Cerca

Comunali a Bolzano, vince il centrosinistra

Il sindaco uscente Luigi Spagnolli si riconferma con un 52,45% rispetto al 32,73 di Oberrauch

Comunali a Bolzano, vince il centrosinistra
Spoglio completato a Bolzano dove vince il candidato del centrosinistra Luigi Spagnolli (Svp). Il sindaco uscente si riconferma al governo cittadino grazie alla coalizione con la Sudtiroler Volkspartei, superando il 52% dei consensi, nettamente in vantaggio rispetto all'aspirante sindaco del centrodestra Robert Oberrauch, ex capitano della nazionale di hockey, che si attesta al 32,73%.

Per il governatore Svp dell'Alto Adige, Luis Durnwalder, a pesare sul risultato è anche l'eccessiva frammentazione del Pdl, "dove in questi giorni è successo di tutto". Di fronte "a questa situazione mi sarei stupito se l'elettorato avesse ancora sostenuto i partiti di questa destra". Il Pdl, in effetti, si è presentato alle elezioni profondamente diviso tra l'ala dell'onorevole Michaela Biancofiore e quella del deputato Giorgio Holzmann, una frattura culminata giovedì sera in una rissa tra i rappresentanti dei due schieramenti.

A proposito della fallimentare performance della destra di lingua tedesca, con i Freiheitlichen che non sembrano superare il 2%, Durnwalder aggiunge che "evidentemente gli elettori si rendono conto della differenza che c'è tra le promesse e la realtà dei fatti". Tutto sommato, a livello provinciale, il bilancio è positivo: "Le comunali sono andate molto bene, anzi benissimo. La Svp ha perduto 2 sindaci in periferia, ma in cambio ne ha guadagnati altri 4. Si tratta di un segnale positivo perché è un segnale che va nel senso della stabilità politica".

Il risultato del Popolo della libertà porta Alberto Sigismondi, co-coordinatore del partito in Alto Adige,  a riflessioni amare: "È un disastro. Roma si dovrà rendere conto che il Pdl in Alto Adige così non può andare avanti. A Bolzano il nostro candidato sindaco attualmente è al 34%, a Merano la candidata voluta dalla co-cordinatrice Biancofiore è al terzo posto dietro alla verde Kury e a Bressanone il candidato del Pdl Vezzali è penultimo solo davanti a Eva Klotz. Ad Appiano siamo scomparsi. È una sconfitta annunciata che impressiona". Sigismondi, tra i fedeli di Holzmann accusa infine la Biancofiore: "Alla co-coordinatrice non interessa la sconfitta del Pdl su tutti i fronti, ma solo di aver preso a Bolzano più preferenze di Holzmann".

Immediata la replica di Biancofiore, che ha dichiarato: "Ne parlerò con Berlusconi. Non mi dimetto, almeno non oggi. Qui in Alto Adige il Pdl non è un partito unito, ma ci sono due". E poi ha rimandato le accuse al mittente: " E' colpa del co-cordinatore Sigismondi e di Holzmann, che non hanno fatto niente per il partito, ma hanno solo pensato a portare avanti i loro candidati. Lo stesso vale per Merano, dove il Pdl per colpa di Holzmann è rimasto fuori dal ballottaggio". In merito alla rissa ha commentato: "Sono scene d'altri tempi che sembravano ormai superati e appartenenti alla storia". Infine la co-coordinatrice, esprimendo solidarietà a Oberrauch, ha ricordato che il suo candidato ideale sarebbe stato il medico e sindacalista Mario Tagnin, ma di aver rinunciato a causa dell'opposizione di Holzmann.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • powerinvest

    19 Maggio 2010 - 21:09

    Nel Sudtirolo non si ruba, le scuole funzionano, le strade sono pulite, il servizio sanitario è eccellente, i trasporti pubblici funzionano, disoccupati 2% fisiologico, rispetto ecologico massimo. Terra magica? Ricca? No, lavoro duro, costante e niente ruberie "serie". Punto.

    Report

    Rispondi

  • powerinvest

    19 Maggio 2010 - 21:09

    Ha vinto la SVP, cioè è la Suedtiroler Volkspartei che decide chi vince, sono i cruccki come dice "franciscus" che tengono la rotta. L'unica ragione perchè la SVP non si è alleata con il PDL, che è la sua vera casa, è perchè il Sig. Fini viene a Bolzano a ricordare che l'Italia ha vinto la guerra. La casa della SVP un Europa è il Partito popolare Europeo, ma a Bolzano il MSI crede ancora di esistere e questo è l'unico ostacolo perchè la SVP non si allea con il PDL della Biancofiore e non di Holzmann. Il giorno che il "residuo" del MSI sarà cancellato, alla sx non rimangono neanche i bricioli!

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    18 Maggio 2010 - 15:03

    Mi sento di dare ragione a leonida in molto di quello che afferma; primo: perchè gli abitanti di lingua Italiana non imparano anche loro il tedesco come fanno gli altri di madrelingua tedesca con l'Italiano? Anche io stesso quando ero là per lavoro, per poter comunicare con le amministrazioni locali, i fornitori, insomma con il mondo che mi circondava, ho fatto uno sforzo e mi sono studiato un po' di tedesco, dopodichè ero portato in palmo di mano da tutti, del resto anche noi pretendiamo che gli extra comunitari imparino la nostra lingua per dargli la residenza o la licenza per un'attività commerciale, quindi nulla di strano, quando si è in casa d'altri bisogna adeguarsi e ricordiamoci che il Sudtirolo è stato occupato con la forza delle armi dopo una guerra perduta (e duramente umiliato dall'Italia durante il fascismo), nè più nè meno come la Germania, il Giappone o l'Italia nel dopoguerra o come la Palestina attualmente e non c'è mai stato un referendum per far decidere al popolo dove voleva stare. Tornando alla politica, la SVP è supportata in massima parte dai "bauer" la forte corporazione dei contadini che è pilotata dalla compagine di governo, vale a dire l'onnipresente governatore Durnwalder e soci, a cui bisogna dare atto del suo attivismo, alle sei di mattina è già nel suo ufficio a ricevere la gente che poi va a lavorare e si dice che alle dieci di sera sia ancora al suo posto a sbrigare il lavoro. Quindi la gente si fida di costoro, non va a vedere se di destra o di sinistra basta che li faccia stare bene, sono strapagati sì, ma non rubano o almeno non si è mai sentito ed hanno ancora la visione della sana amministrazione di stile asburgico come era nel Veneto fino al 1866, questa è la filosofia vincente, che piacerebbe fosse applicata anche da noi.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    18 Maggio 2010 - 12:12

    A me stanno sommamente sulle balle i cruccki dell alto adige perchè sono RAZZISTI, io come italiano mi sono sentito peggio di uno straniero quando sono stato in quelle zone. Li chiamo cruccki per questo, non chiamerei cruccki gli austriaci perchè in Austria mi sono sentito più a casa mia (Europa) che non tra i cruccki dell' alto adige. Per quanto riguarda i trentini li ammiro per come gestiscono il loro territorio e per l' ospitalità e la benevolenza che mostrano verso i turisti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog