Cerca

D'Alema contro De Benedetti: "Un Berlusconi di serie b"

L'editore di Repubblica lo ha accusato di non aver fatto niente nella vita: solo politica

D'Alema contro De Benedetti: "Un Berlusconi di serie b"
Una risposta al veleno doveva arrivare. D'Alema non è certo uno che si fa insultare e resta zitto. E oggi l'occasione è arrivata. Durante la presentazione di un libro, il leader della sinistra ed ex segretario di partito ha risposto punto per punto alle accuse di Carlo De Benedetti, editore di Repubblica. Per D'Alema,  De Benedetti è "come Silvio Berlusconi"; anzi, e forse è peggio, un "Berlusconi di serie B".
De Benedetti, in un libro-intervista realizzato con il giornalista Paolo Guzzanti, lo aveva criticato accusandolo di avere fatto solo politica nella sua vita. Per l'imprenditore e editore del gruppo l'Espresso, inoltre, D'Alema con i suoi comportamente "ammazza il Pd".

D'Alema, che non ha mai nominato il nome di De Benedetti, ha aggiunto "In Francia nessuno direbbe a Sarkozy che non ha combinato niente nella vita perchè ha fatto solo politica. In nessun paese del mondo si oserebbe dire di un uomo politico che non ha combinato niente perchè ha fatto solo politica". Secondo l'onorevole del Pd, del resto, tutto parte dalla deligittimazione della politica. "Berlusconi non si è inventato niente, si è mosso in un terreno già arato". "La deligittimazione della politica - spiega D’Alema - è un processo che va avanti da anni condotto anche dai giornali e dai commentatori politici " e ci sono anche nel nostro campo tanti imprenditori che vogliono fare i Berlusconi di sinistra, che vogliono condizionare la politica. Ma sono dei Berlusconi di serie B, dei berluschini".
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Milo

    24 Maggio 2010 - 19:07

    Se la memoria non mi tradisce non molto tempo addietro in un noto studio legale di Parigi fu recapitato un pacco bomba. Dopo le prime indagini fu avanzata l'ipotesi che il pacco fosse stato inviato proprio a quello studio perché lì aveva lavorato il presidente (avvocato) Sarkò.

    Report

    Rispondi

  • violacea

    24 Maggio 2010 - 11:11

    che pena che fanno sentirli insultarsi fra di loro xchè sanno tutte e due che sono solo dei parassiti che succhiano soldi alla spesa pubblica italiana, uno con i giornali e uno con la politica. sapete xchè odiano tano berlusconi:::: invidia solo invidia e gelosia, xchè non hanno il suo pèotere economico e scusatemi ma anche il suo potere politico, xchè la gente ha fiducia del nostro premier più di sti fannulloni di sinistra e di questa magistratura che perde tempo solo a spiare i cittadini senza rispetto invece di fare il loro lavoro che sarebbe la giustizia x i cittadini!!!

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    21 Maggio 2010 - 14:02

    Quando un D'Alema si mette a disquisire in genere diventa accattivante; ha una parlantina sostanziosa, altrimenti avrebbe dovuto lavorare nella vita. Che poi abbia riconosciuto in De Benedetti un imprenditore di serie b, lo rende simpatico a tanti, se non fosse che lui, ultimamente, diciamo dieci anni, è allo stesso livello. Ricorda tanto, ma veramente tanto, quei giocatori che nella formazione primavera promettono di sfracellare mare e monti ed alla fine, dopo tantissimi anni di carriera (purtroppo per noi) rimane un giocatore di serie B! Ha avuto tra le mani un potere che non si sarebbe mai immaginato di avere in vita sua, con conseguenze che ancora paga.....altrimenti non sarebbe ai margini della vita politica, dalla quale assurge solo in casi simili:parlando male o provando a provocare reazioni. Declino di una promessa!

    Report

    Rispondi

  • sidereus40

    21 Maggio 2010 - 14:02

    Sono pienamente d'accordo con Lei, anche se più che due facce della stessa medaglia li definirei due facce di una stessa parte anatomica del corpo umano.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog