Cerca

Napolitano bacchetta il governo sulla carceri. Alfano."Stiamo provvedendo"

Nella giornata del Corpo di Polizia Penitenziaria, arriva il monito del Capo dello Stato

Napolitano bacchetta il governo sulla carceri. Alfano."Stiamo provvedendo"

Piaccia o no, il Governo deve andare avanti nella riforma del sistema carcerario. Il monito è arrivato direttamente dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il quale ha partecipato insieme al ministro della Giustizia Angelino Alfano che il capo del Dap e commissario straordinario per l’emergenza carceri Franco Ionta al 193° anniversario della nascita del Corpo di Polizia Penitenziaria.
"E' ormai ineludibile l’attuazione di interventi normativi e organizzativi per il superamento delle molte criticità ormai manifeste del sistema carcerario", ha detto il titolare del Quirinale.
Un invito immediatamente accolto dal ministro Alfano, il quale ha assicurato gli agenti presenti e il Presidente della Repubblica
Napolitano che il piano del governo "andrà avanti".

Del resto, i numeri forniti dal ministero della Giustizia sanno già di sentenza netta. Per quanto gli ingressi rispetto al 2008 siano diminuiti, nelle carceri italiane sono detenuti al momento 67.593 persone, a fronte di una capienza fissata in 44.218 posti. Persino il limite di tollerabilità è stato fissato, essendo stimato intorno ai 66.905 detenuti.
Tuttavia Alfano vuole guardare con ottimismo al futuro, rivendicando anche ciò che è stato fatto negli ultimi anni.
"Dal giugno del 2008 a oggi sono stati creati 2.223 nuovi posti detentivi, ottenuti attraverso la ristrutturazione di padiglioni preesistenti e la costruzioni di nuovi - ha ricordato il ministro della Giustizia -. Inoltre nell’anno appena trascorso si è registrata
un’importante inversione di tendenza nel flusso di ingressi in carcere, con un calo del 17% dal 2008 al 2009.
"Inoltre - ha chiuso il ministro -, l’azione anticrimine del governo, incentrata nella lotta alla criminalità organizzata, sta cominciando a dare i suoi frutti, tanto è vero che sono in aumento i detenuti ristretti al carcere duro. Attualmente sono 671, di cui 576 appartengono ad associazioni a delinquere di stampo mafioso di vario tipo (258 camorristi e 209 mafiosi)".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rebarbaro

    23 Maggio 2010 - 03:03

    COMMENTI FORSE INUTILI PERCHÉ NON CREANO NEANCHE TESTA D'OPINIONE E QUELLI NON PRESI IN CONSIDERAZIONE SPARISCONO E NON VENGONO NEANCHE ARCHIVIATI NELLA PAGINA PERSONALE. CAPISCO PER GLI INSULTI DI SINISTRA MA PER LE IDEE CHE POTREBBERO ESSERE UTILI ALL'OPINIONE PUBLICA MI SEMBRA UN ARROGANZA IMPERDONABILE. COMUNQUE PER LE CARCERI SEGUIRE I DETTAMI DI UNA SINISTRA ABARBICATA AL GARANTISMO AD OLTRANZA PER I SUOI SCHIAVIZZATI ELETTORI MAZZACANAGLIA É MORTALE : SI COMINCI A VENTILARE L'OPPORTUNITÁ DI SOPPERIRE INTANTO CON CAMPI DI CONCENTRAMENTO, BARACCHE RESIDUATE DAI TERRITORI TERREMOTATI E FILO SPINATO. MA VERAMENTE CREDE IL CAVALIERE CHE I SINISTRISTI LO LASCEREBBERO IN PACE ?

    Report

    Rispondi

  • PALTE

    21 Maggio 2010 - 13:01

    TUTTI GLI STRANIERI CONDANNATI DOVREBBERO SCONTARE LA PENA NEL LORO PAESE DI ORIGINE DANDO ANCHE UN CONTRIBUTO MINIMO PER LA LORO DETENZIONE ..... RISOLTI IMMEDIATAMENTE I PROBLEMI DEL SOVRAFOLAMENTO E BUROCRAZIE VARIE PER ESPULSIONE ......

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    18 Maggio 2010 - 22:10

    Ma....vada via i ciap!

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    18 Maggio 2010 - 21:09

    Se continuano ad arrestare camorristi e mafiosi vari bisognerà creare dei campi tipo lager (che vuol dire appunto campo in tedesco) per riuscire a contenerli tutti; le carceri nostrane sono di nuovo strapiene dove altro si può metterli?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog