Cerca

Intercettazioni, il popolo viola in piazza

Dopo il colosso Sky, anche l'Ordine nazionale dei giornalisti "assumerà tutte le iniziative utili, in ogni sede, per garantire ai cittadini il diritto di essere informati". E gli Usa ci mettono il naso: "Sono uno strumento essenziale per le indagini"

Intercettazioni, il popolo viola in piazza
Tutti contro la cosiddetta “legge bavaglio”. Persino il dipartimento di giustizia Usa, per voce del sottosegretario Lanny Brauer, ha espresso il suo veto... Non è bastato il piccolo passo indietro del Governo sulle pene ai giornalisti per placare una polemica che sembra dover proseguire fino all’approvazione del provvedimento in Senato.
Dopo il colosso Sky (che si era detto pronto a rivolgersi alla Corte europea dei diritti dell’Uomo), anche l'Ordine nazionale dei giornalisti, su decisione unanime del suo esecutivo nazionale, ha già sentenziato che “assumerà tutte le iniziative utili, in ogni sede, per garantire ai cittadini il diritto di essere informati”.
Per l'Odg, infatti, "la decisione della maggioranza di ritirare l'emendamento che prevedeva il raddoppio delle pene detentive e pecuniarie per i giornalisti che rendono pubblici i particolari di inchieste di interesse sociale non è la risposta alle quale i cittadini hanno diritto. I cittadini, non i giornalisti, perché sono loro - i cittadini-elettori - che hanno il diritto di sapere per capire, decidere e scegliere in maniera consapevole e responsabile".
 

E alcuni di questi cittadini-lettori-elettori (circa 120 mila) sono già pronti a scendere nuovamente in piazza questo pomeriggio contro la legge.
Il popolo della rete, infatti, si è dato appuntamento alle 14 davanti a Montecitorio, per protestare contro una legge che avrebbe impedito l’emergere di grane come quelle di Parmalat,del G8 di Genova e di tante altre inchieste esplose in questi anni.
Critici con la legge anche politici, giornalisti e uomini di spettacolo passano all’attacco.
Se, ovviamente, PD e IdV si preparano alla lotta tra i banchi del Senato e non solo, anche Striscia la Notizia, a modo suo e con le facce sorridenti dei conduttori Ficarra e Picone, si è detta contraria al provvedimento; discorso analogo per il direttore de “Il Giornale” Vittorio Feltri, il quale ha etichettato la norma come “liberticida”. Ancor più duro l’attore Carlo Verdone: “sono norme di tipo iraniano”.
Sull’altro fronte, invece, sposano l’impostazione del provvedimento non solo i rappresentanti del Governo (il ministro Frattini ha affermato che la barbarie di sbattere gli italiani sulle prime pagine dei giornali senza nessun filtro deve finire), ma anche Luca Cordero di Montezemolo, a sua volta concorde nel fatto che l’uso delle intercettazioni abbia preso la piega sbagliata.


Stati Uniti contro - Obama non ha certo
il potere di influire sull'approvazione di una legge italiana. Un parere, però, non si nega a nessuno. E per voce del sottosegretario al dipartimento di giustiza Usa, Lanny Brauer, gli Usa si dicono nettamente contrari alla discussa legge sulle intercettazioni in Italia. "Non vorremmo mai che succedesse qualcosa che impedisse ai magistrati italiani di fare l'ottimo lavoro svolto finora: le intercettazioni sono uno strumento essenziale per le indagini", soprattutto nella lotta alla mafia, ha detto in una conferenza stampa all'ambasciata degli Stati Uniti a Roma il sottosegretario al Dipartimento di Giustizia degli Usa con delega alla criminalità organizzata internazionale Lanny A. Brauer. "L'Italia ha fatto dei grandi progressi nelle indagini e nel perseguimento dei gruppi mafiosi operanti entro i suoi confini", ha aggiunto il sottosegretario, precisando di "essere consapevole che possiamo e dobbiamo fare di più".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ed7

    22 Maggio 2010 - 19:07

    Cianno moscio...ricordati che ''fa'' si scrive senza accento. Pistolotto!!! Sinistro incompetente.

    Report

    Rispondi

  • ed7

    22 Maggio 2010 - 19:07

    sai usare anche la terza persona singolare!! però! secondo me...sei molto più intelligente del resto dei sinistri...e questo mi preoccupa...potresti diventare un serpentello alla fini. Ricordati di evacuare ciò che è solo tuo...altrimenti qualcosa te lo avranno infilato.....e ricordati di votare...e poi pagare sempre le tasse per me. W le intercettazioni W le intercettazioni...abbasso i sinistri cianni secchi

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    22 Maggio 2010 - 18:06

    Sono perfettamente d'accordo con agosman, non servono nuove leggi e leggine, ne abbiamo già tante e come dice giustamente esiste già il divieto di divulgazione di notizie coperte dal segreto istruttorio quindi...a cosa serve un nuovo decreto? Piuttosto il problema centrale è individuare il colpevole delle soffiate e sanzionarlo, se non si riesce torno a concordare con agosman, vanno puniti tutti gli addetti ai lavori, così tutti staranno attenti a chi e come. Ed è perfettamente inutile prendersela con i giornalisti, i quali fanno solo il loro mestiere che è quello di dare le notizie, mi sembra che si voglia sempre colpire la parte più debole per far intendere a suocera, si vogliono creare restrizioni e divieti, come se non ce ne fossero già abbastanza, non è con questi che si risolve il problema, basterebbe ripeto, far applicare la legge che già c'è e così nessuno avrebbe niente da ridire, ma forse il punto è proprio questo: chi applicherebbe quella legge? Forse gli stessi che l'hanno violata? Molto difficile solo a pensarlo.E qui si torna alla questione irrisolta della moralità e serietà dei nostri cari magistrati.già tante e come dice giustamente esiste già il divieto di divulgazione di notizie coperte dal segreto istruttorio quindi...a cosa serve un nuovo decreto? Piuttosto il problema centrale è individuare il colpevole delle soffiate e sanzionarlo, se non si riesce torno a concordare con agosman, vanno puniti tutti gli addetti ai lavori, così tutti staranno attenti a chi e come. Ed è perfettamente inutile prendersela con i giornalisti, i quali fanno solo il loro mestiere che è quello di dare le notizie, mi sembra che si voglia sempre colpire la parte più debole per far intendere a suocera, si vogliono creare restrizioni e divieti, come se non ce ne fossero già abbastanza, non è con questi che si risolve il problema, basterebbe ripeto, far applicare la legge che già c'è e così nessuno avrebbe niente da ridire, ma forse il punto è proprio questo: chi applicherebbe quella legge? Forse gli stessi che l'han

    Report

    Rispondi

  • giureca

    22 Maggio 2010 - 13:01

    E' gogna mediatica....si esagera sempre...gli USA pensino ai ratti in Casa Bianca ch'è meglio!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog