Cerca

Berlusconi: "Più poteri al premier"

Il presidente del Consiglio torna sulla riforma costituzionale. E assicura: "Sarò a fianco degli italiani finché vorranno"

Berlusconi: "Più poteri al premier"
Più poteri al premier. Così, annunciando il suo prossimo obiettivo, il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, torna sulla questione ancora irrisolta della riforma costituzionale e del presidenzialismo. E lo fa dalle pagine dell'ultimo libro di Bruno Vespa, Nel segno del Cavaliere, rispondendo alle domande del giornalista.

Nella riforma costituzionale meglio maggiori poteri al primo ministro o un capo dello Stato con poteri operativi come in Francia? 
"Presidenzialismo o no, toccherà agli organi direttivi del mio partito assumere una decisione. Io mi adeguerò". E' la maggioranza che dovrà fare la prima proposta. Ma il problema centrale delle riforme è in ogni caso l'aumento dei poteri del premier. "Fa parte della riforma della seconda parte della Costituzione che abbiamo in programma, riforma necessaria per rendere efficace ed incisiva l’azione del governo, dotando il presidente del Consiglio di poteri che oggi non ha, mettendolo sullo stesso piano dei suoi colleghi in tutto il mondo".

Più poteri al premier - Berlusconi ribadisce che, per rafforzarne il ruolo, si dovrebbe consentire a un presidente del Consiglio di "nominare i ministri, dar loro istruzioni vincolanti e sostituirli se non funzionano. Oggi il premier è appena un 'primus inter pares'. Soltanto con l’autorevolezza personale riesco a supplire a poteri che si limitano di fatto soltanto alla stesura dell’ordine del giorno delle sedute del Consiglio dei ministri". In Gran Bretagna il primo ministro può decidere la data di scioglimento della Camera e scegliere la data delle elezioni. E' immaginabile da noi qualcosa del genere?, chiede Vespa. "Soltanto in questo modo il premier ha un potere reale di condurre la politica del suo governo - risponde Berlusconi -  Sarebbe un passaggio forte, ma non voglio creare problemi con l'opposizione e perciò non insisto".   Quale sistema la convince di più tra quelli europei?. "Sono aperto a qualunque soluzione possa rendere il Paese più governabile. Mi limito a chiedere di poter operare, visto che ogni giorno devo constatare di non poterlo fare".

A fianco degli italiani - Un dato è certo. il Cavaliere nonlascerà la vita politica prima che finisca il suo mandato. "Finché gli italiani mi vorranno alla loro testa, al loro fianco per combattere in nome della libertà e della democrazia è mio dovere rispondere a così tanta fiducia dedicando a questo tutte le mie energie. Credo di aver compreso la spinta dal basso della nostra gente del nostro popolo, prima e meglio di altri. Gli italiani me ne danno atto di continuo, perfino oltre i numeri del risultato elettorale del nostro movimento, come attestano tutti i sondaggi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blizzard

    12 Agosto 2010 - 14:02

    altro che centralizzare e riunire i poteri, dobbiamo assolutamente decentralizzarli, utilizzare lo strumento del plebiscito perchè ogni popolo decida da solo ogni volta come vuole essere "governato".

    Report

    Rispondi

  • stagnino

    31 Maggio 2010 - 23:11

    Finalmente anche noi all´estero respiriamo un pò di più degli anni passati. Tu Silvio insieme a Bossi finalmente state pulendo poco a poco quel marciume che da tanti anni ci ha girato e rigirato nella merda . Portate avanti il vostro programma perché finalmente ci siamo liberati della immondizia .o meglio (Monnezza) Questa minoranza che la smetta una volta per tutte ,non vi vogliamo piú noi che abbiamo voluto e vogliamo questo governo siamo pienamente d´accordo come fate resta ben fatto .Il fatto che a questa minoranza si oppongono perché hanno finito la cuccagna e la rivogliono anche con prepotenza e violenza . E il signor Di Pietro la smetta con questi referendum ma queste spese perché non se le paga di tasca sua?che rompe ancora? Perché il signor Bersani D´Alema e Di Pietro il giustiziere tutti gli altri non si interssano della RAI ,che regala milioni a tanti vermi affamati? e nessuno di loro apre la bocca .Oppure gli conviene stare zitti?

    Report

    Rispondi

  • powerinvest

    27 Maggio 2010 - 12:12

    Gentile Presidente, in questo specifico momento Lei ha un'occasione unica per dimostrare di saper usare il potere. L'UE lo chiede, l'economia lo chiede, i cittadini lo chiedono: faccia una "manovra" (cosa vuol dire?) UNCISIVA. Nessuno la può ostacolare realmente, ci saranno i mugugni di forse 500.000 soggetti, ma ci sono 55milioni che sono con Lei !!! Presidente OSI! Only the brave! Cito l'esempio più semplice, abolire 500.000 vetture blu e tutti i benefit e privilegi dei Politici, pranzi e barbieri suvvenzionati etc.etc. e come dice Tremonti anche piccoli numeri fanno grandi numeri e siccome Tremonti dice anche che questa "manovra" è SUA, allora la faccia SUA per davvero ed OSI! Coraggio Presidente, ascolti i cittadini di dx e sx, che hanno bisogno di gesti forti per poter dire: però! Auguri e buon lavoro!

    Report

    Rispondi

  • stagnino

    26 Maggio 2010 - 18:06

    Ai dirigenti ed ai suoi scagnozzi giornalisti paparazzi e conduttori di qualsiasi programmi della RAI, sangue suga dei poveri Italiani é da oltre 50 anni sfruttato i nostri padri e adesso i nostri figli. Adesso il Sant´Oro con il Travaglio, Annunziata,e tutti gli altri. Voi dirigenti della RAI siete la (cupola) è inutile che la polizia arresta ai mafiosi di tutte le cosche quando la (cupola) è intoccabile. Avete offerto un contratto non certo pulito al Signor Sant´Oro una cifra di due milioni cinquecento mila euro; pari a 3500 euro al giorno. In più tre milioni di euro di buona uscita, pari a 180 anni di lavoro di un onesto operaio; Ma all´ora siete proprio Voi I Ladri. E la polizia cerca l´Ago nel pagliaio. Voi della RAI siete L´alimento di tutte le cosche mafiose cioè gomorra, la piovra, Montalbano, camorra, ndrangheta, cosa nostra, sacra corona, eccetera eccetera. Un piccolo esempio il 2008 per il festival san Remo sono state pagate un milione di euro ad un solo conduttore

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog