Cerca

Fondazioni liriche, ok del Senato al decreto Bondi

L'esame per la conversione in legge del decreto passa ora alla Camera

Fondazioni liriche, ok del Senato al decreto Bondi
Primo ok parlamentare al decreto Bondi sulle fondazioni liriche. A dare il via libera è stato il Senato: 142 i voti a favore della maggioranza, contro i 109 di opposizione e le 3 astensioni.

L’esame per la conversione in legge del decreto passa ora alla Camera. Sulle fondazioni il ministro per i Beni e le Attività culturali sarà ascoltato già domani in audizione dalla commissione Cultura di Montecitorio. Il provvedimento del Governo scade, infatti, il prossimo 29 giugno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudioF

    17 Giugno 2010 - 18:06

    ...Grazie la quale d'ora in poi dormirò sonni tranquilli. Grazie mille Ministro!!

    Report

    Rispondi

  • blues188

    17 Giugno 2010 - 13:01

    Bondi ministro della Cultura? A cosa serve? La Cultura non ha bisogno di ministri, ma di persone sapienti e capaci. La Cultura vive da sé (e infatti lo fa) mentre un ministero apre solamente la porta agli pseudo acculturati e ai manipolatori. Bondi si è già qualificato permettendo nuove tasse a favore della Siae che ha ricevuto un regalo enorme dalle imposte che questo incapace ha permesso e ora vuol regolamentare questo settore? Lascia spazio alla selezione naturale, invece di voler amministrare uomini e denaro a seconda della tua incapacità. Va a ciapà i ratt

    Report

    Rispondi

blog