Cerca

Aldo Brancher ministro del Federalismo

Il Bellunese del PdL è stato promosso a ministro senza portafoglio. Il giuramento davanti a Napolitano

Aldo Brancher ministro del Federalismo
Qualcuno ipotizza un Federalismo fermo al palo? Ed ecco la risposta del Governo Berlusconi che, in mattinata, ha nominato Aldo Brancher come il nuovo ministro per l’Attuazione del Federalismo.
Un incarico che era nell’aria già da qualche giorno ma che è stata ufficializzato oggi, quando il Capo dello Stato Giorgio Napolitano ha firmato il decreto proposto dal premier.
Brancher, che ha giurato nelle mani del Capo dello Stato, è stato dunque “promosso” da sottosegretario alla presidenza del Consiglio a ministro senza portafoglio con delega specifica al federalismo fiscale.

Uomo per ogni maggioranza –
Aldo Brancher, già membro del governo quale sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alle riforme, è un bellunese di 67 anni capace di rappresentare un valido raccordo non solo tra le varie parti del PdL (è molto vicino al ministro Giulio Tremonti e allo stesso Presidente del Consiglio), ma i suoi rapporti sono ottimi anche con il Senatur leghista Umberto Bossi.
Non a caso alla cerimonia di investitura erano presenti Berlusconi, il ministro dell'Economia e delle finanze, Giulio Tremonti, il ministro per la Semplificazione normativa, Roberto Calderoli e il sottosegretario di Stato alla presidenza del consiglio, Gianni Letta.

Polemiche – Non mancano, però, le voci contrarie. Il primo a esprimere la sua contrarietà è stato Lorenzo Cesa (UDC).
“C'è da rimanere sconcertati davanti alla nomina di un nuovo ministro per il Federalismo, quando già esistono tre dicasteri come quelli di Calderoli, Bossi e Fitto. Se di fronte ai drammatici problemi degli italiani, la risposta del governo è un ministero c'è da mettersi le mani nei capelli".
Discorso simile anche quello di Claudio Martini (PD).
“Non sarà una mossa come questa a cambiare il corso delle cose, che sulle riforme vede Berlusconi inesorabilmente al palo da quindici anni. Ed è anche inaccettabile perchè è un’inutile moltiplicazione di poltrone e quindi dei costi della politica”.
Ancor più severo il commento di Antonio di Pietro (IdV), il quale ricorda il tribulato passato di Brancher con la Giustizia Italiana.
"Abbiamo già depositato un’interrogazione urgente al Governo per spiegare tale decisione. Brancher è stato coinvolto in più processi. In uno, deve essere stato condannato in primo e secondo grado. Se l’è cavata in Cassazione - ha continuato Di Pietro - in parte perchè prescritto in parte perchè, nel frattempo, il Presidente del Consiglio ha fatto una legge che ha consentito di depenalizzare il reato che aveva commesso. Inoltre è sotto processo per la vicenda di Fiorani della Banca Antonveneta".

Replica Brancher: "Non ho mai avuto nessuna condanna. Chi mi ha inquisito ha fatto buttare i soldi allo Stato. Le imputazioni che mi sono state addebitate sono cadute perchè il fatto non sussisteva e Di Pietro dovrebbe saperlo bene".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberovero

    21 Giugno 2010 - 19:07

    non serve, è solo un'altra spesa inutile che dobbiamo sopportare per evitare guai giudiziari al sig. Brancher che, diventato ministro, potrà usufruire della legge salvaimputati chiamata legittimo impedimento. Un ministro per le riforme c'è già, anche se non fa le riforme comunque c'è, un altro ministro per NON FARE il federalismo è davvero troppo. Come direbbe Totò: ED IO PAGO.

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    21 Giugno 2010 - 11:11

    bello potere nominare una persona con un ministreo nuovo di pacca ogni volta che si devono far tacere i rumori interni alla maggiornaza; ma tutto questo scatenerà le ire di Bossi.....ne son certo. Uno che deve cercare di recuperare immagine perduta per strada (Berlusconi9 dovrà far fare salti mortali alla sua capacità di convincimento per far sapere al suo alleato preferito, Bosii, che il nuovo entrato non intralcerà le sue mansioni, che non andrà ad interferire con il suo lavoro...ed allora sorge la domandona spontanea: a che serve? Tremonti dovrebbe essere il ministro delle finanze, quindi l'aspetto economico del progetto federale deve passare da lui, Bossi è quello delle riforme.....quindi questa new entry nella grande famiglia degli sprechi a che pro? Diciamoci chiaramente che Silvio si sta suicidando perchè ha perso lucidità. La cosa ormai è palese, e se poi si fan correnti interne a iosa, tutto sa di puttanaio legalizzato. E a sinistra vien comunque da piangere.....

    Report

    Rispondi

  • interdetto

    21 Giugno 2010 - 04:04

    ribadisco per l'ennesima volta che voi che avete votato questa gentaglia siete la rovina di questo paese e mi consola solo il fatto che affonderete tutti quanti nello schifo a cui avete dato vita e si salveranno solo il papi e gli amici suoi come ben dimostrato da questa ultima fangata di nomina alla faccia vostra!!nn capisco come ancora argomentate,arrampicate specchi lisci come i vostri cervelli,bisognerebbe levarvi il voto visto i danni che avete fatto...(ovvio che è una provocazione ma credetemi che siamo alla frutta) in sintesi il vostro televenditore ha riempito il parlamento di delinquenti col vostro assenso,VERGOGNATEVI

    Report

    Rispondi

  • vvezzola

    19 Giugno 2010 - 10:10

    Berlusconi fa il brillante con i nostri soldi. Se proprio ci tiene a queste intercettazioni faccia una donazione alla lega di tasca propria.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog