Cerca

Gelmini: "Entro 2012 test a risposta multipla per maturità"

L'annuncio sulle novità per l'esame di Stato arriva durante la presentazione della Fondazione Liberamente

23
Gelmini: "Entro 2012 test a risposta multipla per maturità"
Nuova proposta  - Un nuovo esame di maturità: un test a risposta multipla come terza prova scritta all’esame. È questa la novità che sarà introdotta entro il 2012. La proposta viene dal Ministro all’Istruzione Maria Stella Gelmini, a margine della presentazione della Fondazione “Liberamente”, nata per diffondere il pensiero del Pdl e del suo fondatore Silvio Berlusconi. «È un processo inevitabile - ha spiegato il ministro - così come l'affermazione dei procedimenti di valutazione dei livelli di apprendimento».

Italia come l’Europa - Lo scopo dei test sarebbe quello di «misurare la qualità dell'istruzione e i livelli di apprendimento» durante l’esame di maturità, esattamente come accade in altri paesi europei: «In Ue sono sempre più diffusi i test standard per misurare i livelli di preparazione dei ragazzi e la qualità dell’istruzione e anche noi dobbiamo adeguarci».

Università – Nel suo discorso c’è spazio anche per la riforma universitaria che potrebbe essere approvata entro l’estate. La Gelmini ha ricordato che l’esame del testo è stato «già completato in commissione al Senato, che a breve verrà calendarizzato in aula e poi passerà alla Camera. L'iter procede - ha spiegato - non c'è nessuno stop. Si tratta di una riforma indispensabile per la qualità dell’università perché interviene sulla governance, sulla gestione delle risorse e introduce un ricambio generazionale e un diverso sistema di reclutamento – conclude - Mi auguro che il parlamento possa migliorare e non annacquare questa riforma che serve».

Le proteste sono out
– Con poche parole il Ministro ha liquidato le proteste per i tagli alla scuola introdotti dalla manovra correttiva del Governo: «Le proteste non fanno più notizia, ormai durano da troppo tempo. Non ci si può rassegnare agli effetti della crisi - ha avvertito - occorre ripensare all’impiego delle risorse ed evitare tanti sprechi e situazioni che non hanno più senso». Il ministro ha poi ricordato che lo Stato spende per l'istruzione più di 43 miliardi di euro di cui il 97% va in spese fisse. «C'è la necessità di ripensare l’investimento nell’istruzione - ha affermato - è una sfida legata alle riforme e al cambiamento del Paese».

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • muff

    23 Dicembre 2010 - 13:01

    ... è un modo fondamentale dell'apprendere. Dante, già quella volta, scriveva "Apri la mente a quel ch'io ti paleso/ e fermalvi entro; ché non fa scïenza,/ sanza lo ritenere, avere inteso." Gran parte dell'asineria degli studenti di oggi (e degli stessi insegnanti) è dovuta al fatto che da troppi anni la scuola ha rinunciato a questa forma essenziale di conoscenza. Come se trascurare la memoria aiutasse, e non si sa come, a capire di più.

    Report

    Rispondi

  • muff

    23 Dicembre 2010 - 12:12

    ... è un modo fondamentale dell'apprendere. Dante, già quella volta, scriveva "Apri la mente a quel ch'io ti paleso/ e fermalvi entro; ché non fa scïenza,/ sanza lo ritenere, avere inteso." Gran parte dell'asineria degli studenti di oggi (e degli stessi insegnanti) è dovuta al fatto che da troppi anni la scuola ha rinunciato a questa forma essenziale di conoscenza. Come se trascurare la memoria aiutasse, non si sa come, a capire di più.

    Report

    Rispondi

  • muff

    23 Dicembre 2010 - 12:12

    ...per una padana che dà (con l'accento, petergreci, eddai!) l'esame a Reggio Calabria. Ma lei, povero caro, per scrivere così sgrammaticato, a Reggio Calabria ci ha anche fatto tutti gli studi?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media