Cerca

Berlusconi: "Come mai rinuncio alla bella vita? A volte me lo chiedo"

Sul sito Forzasilvio.it il premier risponde a chi gli chiede perché non molla la politica

Berlusconi: "Come mai rinuncio alla bella vita? A volte me lo chiedo"
Lasciare per la bella vita - Il Premier Silvio Berlusconi torna a intervenire sul sito Forzasilvio.it., riporta il quotidiano "Il Tempo”, sollecitato dalla domanda: «Perché non mi dedico alla “bella vita”? A volte me lo chiedo. Perché continua a fare politica mentre potrebbe godersi il lusso, tutti i soldi che ha, insomma fare solo “la bella vita”?».

La risposta del Premier - Il Cavaliere replica senza troppi giri di parole e in modo semplice: «Tu metti il dito nella piaga. E confesso che diverse volte anche io mi pongo la stessa domanda. E succede soprattutto quando i giudici politicizzati e la stampa che fa il tifo per la sinistra, quasi tutta, mi lanciano attacchi infondati. Attacchi che hanno il solo scopo di sommergere con le calunnie e le polemiche i risultati positivi del governo e anche della mia azione personale – prosegue - Non voglio vivere in un Paese illiberale, governato da forze immature o da uomini legati a doppio filo a un passato fallimentare – poi aggiunge - Certo non saremo noi a tutelare i clientelismi e le oligarchie che anzi consideriamo un cancro da estirpare».

La questione Pdl - Mentre a chi gli chiede se si possa ancora credere in un partito come il Pdl, dice: «Mio caro, ma il nostro non è un partito. È un grande movimento di popolo in cui siamo tutti orgogliosi di riconoscersi e io per primo. La parola “partito” non mi è mai piaciuta perché indica una parte, una divisione. Il Popolo delle Libertà invece è un movimento che si rivolge a tutti - prosegue - Siamo diversi dagli altri perché siamo nati dal basso con la grande manifestazione del 2 dicembre 2006. E la nostra gente ha scelto il nome e ha voluto che fosse guidato da un leader quale espressione di grande unità. Incrinare questa unità sarebbe un errore imperdonabile, è una prospettiva a cui mi opporrò con tutte le forze sicuro di interpretare la volontà della nostra gente
», conclude.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giannistecca

    22 Febbraio 2011 - 13:01

    Caro Presidente, oltre che tuo elettore sono anche quasi tuo coetaneo (1938) e anch'io mi chiedo qualche volta quale sia la motivazione che ti fa patire tanto veleno da parte di una gran fetta di popolo italiano. Ti confesso che se fossi al posto tuo da tempo avrei mandato tutti a CA........... Purtroppo sono invece un semplice pensionato che fa fatica a far bastare la pensione e mi diverto solo a coltivare il mio piccolo orto di casa. In ferie ogni 4 - 5 anni e ferie, direi francescane. All'età che hai ripensaci se tanti sacrifici valgono proprio la pena. E ricorda soprattutto che monumenti non te ne farà nessuno. Buttano giù anche quelli che ci sono, pensa tu. E se ti manca uno che gioca a carte e a biliardo io sono qui. Ciao Presidente.

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    26 Novembre 2010 - 21:09

    Sa cosa ci mette il "nano" a stabilirsi in uno stato senza estradizione ed a liquidare le sue società?? Le persone trancxianti come lei hanno un solo problema, che non considerano che una bella fetta di italiani se ne infischia delle chiacchiere pseudoprogressiste inefficaci e da sempre lo vota... Forse non lo merita, ma immedesimandomi nell'elettorato di sinistra lo voterei solo per punire l'inettitudine di questi politici di lungo ed inutile corso.

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    26 Novembre 2010 - 16:04

    tu non lasci per un semplice motivo,altrimenti la tua bella vita la passeresti ad hammameth o ad antigua se non addiritura al fresco in una bella gabbia dorata,ma non e' detto comunque che si possa arrivare e se arrivasse ti auguro buona permanenza ovunque andrai e non ti preoccupare che tre quarti dell'italia non sentira' affatto la tua mancanza,anzi scommetto che piangeranno di gioia.

    Report

    Rispondi

  • giannistecca

    26 Novembre 2010 - 12:12

    Caro Silvio, sono della tua età e mi permetto il tu, io ho sempre votato per te, ma questa missione da francescano mi fa un po' sorridere. E mi viene in mente quanto mi diceva un mio vecchio collega di lavoro siciliano (me lo diceva in dialetto suo che io non so ripetere e lo dico in chiaro): ricordati, mi diceva, che c'è più gusto a comandare che a fottere. Magari è questa la verità? Un saluto cordiale e auguri per l'immediato futuro del governo e del Pdl.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog