Cerca

Province e Comuni da Tremonti. Apertura sul Patto di Stabilità

Doccia fredda però sulle Regioni. "Lo Stato non può fare tagli". Il peso rimane sugli enti

Province e Comuni da Tremonti. Apertura sul Patto di Stabilità
La fumata bianca, ovviamente, non c’è stata. Tuttavia, in virtù di come era iniziata la giornata (Anci e province sul piede di guerra contro la manovra), il Governo e soprattutto il ministro Giulio Tremonti possono considerarsi soddisfatti del primo incontro con i rappresentanti degli enti locali.
Accolti a Roma dal ministro dell’Economia Tremonti, dal ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli e dal Presidente del Senato Renato Schifani, infatti, i delegati delle Province e dei Comuni si sono detti soddisfatti delle aperture ipotizzate in merito ai tagli previsti dalla manovra economica: fatto salvo l’importo da recuperare, ci sono margini per le trattative.
Quei 300 milioni di euro di tagli per le Province, infatti, possono essere recuperati in modo diverso: nel primo incontro di via XX Settembre, si è parlato per ora di una revisione del catasto e della flessibilità di cassa sul 2010, ossia del tanto discusso Patto di Stabilità, anche se non si è parlato di inserire altri emendamenti a riguardo nella disegno di legge ma solo di un’apertura a ottobre di un tavolo sulla carta delle Autonomie. Insomma si è trattato solo di un incontro preliminare, ma da qualche parte bisogna pur cominciare.

Acque smosse – Rasserenato dall’esito della giornata Sergio Chiamparino, sindaco di Torino e presidente dell’Anci.
“C’è un impegno reciproco a cercare di individuare un percorso in cui inserire delle modifiche che riguardano le cifre grosse da distribuire. Questo a soldi e saldi invariati. Comunque nel corso della lettura al Senato il testo assumerà una conformazione che ci permetterà di dare un giudizio e, nel caso, prendere i relativi provvedimenti. Tuttavia l’aspetto fondamentale della giornata di oggi è che siamo riusciti a smuovere un po’ le acque”.

Bocciatura per le Regioni - Nella conferenza Stato-Regioni, però, sono arrivate brutte notizie per le Regioni. "Noi non abbiamo alternative sui saldi, sui soldi e sulla distribuzione", ha detto il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, al termine dell’incontro con le Regioni sulla manovra economica.
"Il governo centrale è già stato oggetto di tagli negli anni passati e ulteriori riduzioni non sono sostenibili. Abbiamo tante volte simulato ipotesi diverse della dinamica di riduzione della spesa. La massa comprimibile, la parte riducibile del Governo centrale è già stato oggetto di riduzione negli anni passati. Una delle visioni sbagliate è guardare solo a questa manovra. Che è molto importante, ma non si può non guardare indietro quando sono state fatte riduzioni molti forti sul Governo centrale". Insomma, il grosso del peso della manovra resta sulle spalle delle Regioni.

Formigoni deluso – E dire che Formigoni poche ore prima della Conferenza Stato-Regioni non aveva mancato di far sentire la sua voce.
“Chiederemo al governo di presentarsi con cambiamenti seri, non bastano piccoli ritocchi, questa è una manovra difficilmente emendabile, ne occorre un’altra che rispetti i 25 miliardi totali e che distribuisca equamente i tagli previsti”.
Evidentemente, almeno per Tremonti, non è stato possibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spuntinidiferro

    02 Luglio 2010 - 06:06

    ale, ale, ale!

    Report

    Rispondi

  • sparviero25

    01 Luglio 2010 - 23:11

    SIG: (ANTARI) MI VUOL DIRE A CHE COSA HANNO PENSATO I TUOI COMPAGNI! OCHETTO, BERTINOTTI, D`ALEMA, FRANESCHINI, BERSANI, BINDI, FINOCCHIARA , DI PIETRO, CASINI, (MORTADELLA PRODI) PANNELLA BONINO; FORSE HANNO PENSATO A TE E A SANTORO A TRAVAGLIO E QUELLI CHE HANNO FATTO E FANNO SEMPRE SCIOPERO E NON SIETI ANCORA RIUSCITI AD SFAMARVI ! COSA HANNO FATTO PER NOI QUESTI INNOCENTI?? E PER TUTTA LA MAGGIORANZA DEGLI ITALIANI? PERCIÒ GLI ITALIANI VI HANNO PAGATO PROFUMATAMENTE VI HANNO SBATTUTO FUORI DAL POTERE!! LO SO CHE VI È RIMASTO QUESTO ROSPO IN GOLA ,NON, VI VA, NE, GIÙ, E NE, SÙ!! MI DISPIACE!!! SE POTESSI VI.................

    Report

    Rispondi

  • giramondo15

    25 Giugno 2010 - 00:12

    Perché quel cappio non lo mettete alla gola? e impiccatevi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Quando avete iniziato, la carriera politica, cosa avevate materialmente? e cosa possiedete oggi? Alcuni di voi eravate nulla tenende, e morti di fame, oggi siete diventati potenti , ma come avete fatto? adesso siete tutti ingrassati , angeli innocenti: Senza peccati. Avete Fregato a noi poveri, e ai ricchi .Avete messo in ginocchio l´italia ,e tutti gli Italiani . Se Cristo c´é. Ne sono sicuro ve la fará pagare a caro prezzo.

    Report

    Rispondi

  • sentinella f

    24 Giugno 2010 - 00:12

    Gli amministratori provinciali devono rendere conto delle spese, bisogna monitorare i giri superflui tipo quelli fatti con l'auto di servizio per uso domestico. A Piansano (VT) con gli ex sindaci geometri e dipendenti della provincia non sono riusciti a gestire la costruzione di un muro di contenimento di acque piovane, certo il progetto era di un ingegnere o architetto loro amico/a che ha giustificato il non completamento dell'opera: hanno costruito senza fare bene le fondamenta! Dovevano terminare i lavori. Ora cercano di rimediare alle spese con le pale eoliche, altro giro di amicizie. Non si possono mantenere gli sprechi di questi signori aumentando le tasse, come i tiket per le inefficenze e sprechi nella sanità, e giustificando i loro stipendi al di fuori di ogni buon senso della misura. Le cattive amministrazioni devono avere il minimo dello stipendio (per tutti spesso è un doppio lavoro) e vietare gli aumenti sproporzionati dei dirigenti rispetto alle evidenti inefficenze.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog