Cerca

Di Pietro: le cose vanno male perché Silvio porta jella

La sottile spiegazione del leader dell'Italia dei Valori per comprendere tutti i problemi dell'Italia...

Di Pietro: le cose vanno male perché Silvio porta jella
Ad Antonio Di Pietro non resta che consultare le stelle, fare tarocchi e lanciarsi in sortite in stile mago da televisione. Oggi sul suo blog, l’ex pm di Mani pulite ha avuto un sentore e finalmente ha capito perché – secondo lui – le cose in Italia non funzionano: "Comincio a pensare che il presidente del Consiglio, oltre che essere un corruttore, porti anche jella all’Italia e fortuna solo a se stesso". Ora quindi è tutto chiaro, non serviranno ulteriori analisi, non ci sarà studio che potrà spiegare meglio le connessioni fra le legislature guidate da Berlusconi e i problemi nazionali e internazionali. E il leader dell’Italia dei Valori (immobiliari) non si è messo di impegno per elencare le sfortune. Pensare che nel 2001 son cadute le Torri Gemelle e Berlusconi si era da pochi mesi instaurato alla guida del governo. Otto anni dopo il terremoto dell’Aquila, e Berlusconi era sempre al vertice dell’esecutivo. Senza contare lo Tsunami del Natale 2004 e, perché no, il decesso di Papa Giovanni Paolo II nel 2005. Elenco non esaustivo di catastrofi naturali (eccezion fatta per la morte del Pontefice), ma fermiamoci qui. E poi i problemi economici: la crisi finanziaria globale del 2008, proprio con Berlusconi ancora da poco rinominato a Capo del governo, dunque i salvataggi delle banche e la Grecia, ecc. Per Tonino l’arringa accusatoria è già pronta, in perfetto sintonia con i suoi toni giustizialisti. Però, a ben vedere, non serve un negromante per esentare Berlusconi da questi colpi di sfortuna: dal 2001 al governo c’è stato quasi sempre lui, con i voti degli italiani e per sfortuna (o forse incapacità?) della sinistra.

Sul finire del post Di Pietro dimentica i suoi poteri sensitivi e indossa ancora la toga del pubblico ministero per sentenziare che Berlusconi è sceso "in politica nel '94 quando le sue aziende erano sull'orlo del fallimento e le ha salvate attraverso il poderoso strumento del conflitto d’interessi da lui ampliamente e sfacciatamente utilizzato". E l’operato dei governi a guida del Cavaliere “sono stati caratterizzati dalla stagnazione economica, sia durante i periodi di crescita, sia durante i periodi di crisi". Inoltre, "Berlusconi ha promesso che non avrebbe aumentato le tasse anzi, le avrebbe diminuite, salvo poi fare esattamente il contrario nei suoi tre precedenti governi". E poi "il quarto, e speriamo ultimo governo Berlusconi, non fa eccezione. Infatti, anche nella XVI legislatura, secondo l'Istat, la pressione fiscale è lievitata dal 42,9 % del 2008 al 43,2%” e, termina il suo ragionamento Di Pietro, “per riscontrare simili livelli di pressione fiscale bisognerebbe tornare al 1997, l’anno dell’Eurotassa, dove comunque fu toccato il picco del 43,1%, ma per il raggiungimento di uno scopo egregio". Finale con il botto, al confine tra la previsione del veggente e la lungimiranza dell’economista: "Ma se la disoccupazione aumenta, l’evasione pure, e le tasse anche, il sistema prima o poi imploderà". È Berlusconi a portare “sfiga” o è Di Pietro che ci spera?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 22101938

    30 Settembre 2010 - 17:05

    Silvio porta jella? Grattiamoci i Di Pietro.

    Report

    Rispondi

  • ferrarigiuliano

    30 Giugno 2010 - 18:06

    il "siparietto" di Facci (Libero 30/6) sulle "piccole cose" accadute agli amici, degli amici, del "didietro" aratore di montenero, altro che cornetti devi portarti appresso la fabbrica!! Ma si sa è il bue che dice cornuto all'asino!

    Report

    Rispondi

  • giramondo15

    30 Giugno 2010 - 01:01

    Sig. Di Pietro, mi dica lei che è un uomo, corretto e sagio; Perchè non ha continuato a fare il magistrato, e fare giustizia? Forse i soldi erano pochi? Perchè ha voluto cambiare e infilarsi nella politica? Forse si acchiappa di più? Voi tutti dell´opposizione mi sembrate tutti die miseri operai che col misero stipendio non riuscite a tirare avanti fino alla fine del mese. Vorrei sapere prima di iniziare la carriera da politici cosa possiedavate? E cosa possiedete adesso???Finitela una per tutte!

    Report

    Rispondi

  • violacea

    29 Giugno 2010 - 20:08

    sono con te pasquino!! a bergamo questo buffone non lò vuole piu' nessuno e neanche lo votano!!! guardatelo sto pazzo scatenato livido di rabbia che solo a guardarlo ti fa losco !!! lui si' porta sfiga!!!! a tutti quelli che tocca sinistrati compresi!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog