Cerca

L'urlo di guerra del Cav: nessuno mi manda a casa

Berlusconi parte alla carica, attacca giudici e giornalisti, "blinda" il ddl intercettazioni e promette: "Non mi demoralizzo"

L'urlo di guerra del Cav: nessuno mi manda a casa
"Ghe pensi mi". Berlusconi riprende in mano la situazione. Ieri aveva chiuso i suoi in riunione per ore, arrabbiatissimo per le troppe cose che non funzionano come dovrebbero, da Fini a Brancher. Oggi però la musica è già cambiata, Silvio ha recuperato la sua energia: "A me nessuno riesce a detronizzarmi". E nessuno può intaccare la sua immagine: "La sinistra ci prova, ma nessuno mi demoralizza" perché lui va avanti "continuando a realizzare tanti ottimi risultati per il bene dell’Italia e degli italiani". Serve che il PdL ritrovi una guida unica e l'antidoto contro "le correnti che procurano raffreddori" è l'intervento diretto del capo. Al tg4 di Emilio Fede, Berlusconi smentisce prima di tutto la notizia circolata sui tagli alle tredicesime di magistrati, poliziotti e docenti, chiarendo che "non ci sarà alcuna riduzione". Il Cav ribadisce poi il concetto che la legge sulle intercettazioni  "non è un attacco alla libertà di stampa ma è una difesa del diritto dei cittadini a non essere spiati quando telefonano e a non vedersi pubblicare sui giornali le proprie conversazioni private anche quelle che non hanno alcuna rilevanza penale". E a ogni modo "siamo tutti spiati - dice -, i cittadini italiani sono in assoluto i più spiati del mondo e questo non è più tollerabile e più del 95% dei cittadini la pensa come noi e una piccola lobby di giornalisti e di giudici la pensa invece al contrario". L'opposizione sul provvedimento viene dalle "lobby di giornalisti e giudici". Per questo la proposta di uno sciopero dei lettori "era una provocazione doverosa" perché la stampa ha il compito "di informare correttamente e di controllare il potere" ma "troppo spesso siamo di fronte a un’informazione schierata e a senso unico che non esita a disinformare e che sostiene che in Italia non c'è libertà di stampa, cosa che non è assolutamente vera".

Uno dei motivi per cui il clima politico italiano è rovente viene addebitato all'opposizione: "L'ostilità preconcetta della sinistra - spiega il capo del governo - è una anomalia italiana. Nei momenti di crisi ci sarebbe bisogno di un confronto politico serrato, ma sereno, nell’interesse del Paese. Invece siamo di fronte ad una raffica di no su tutto senza che ci venga fatta una proposta alternativa". Berlusconi ricorda che  il suo rivale alle elezioni del 2008, Veltroni, assicurò la disponibilità a "fare insieme le riforme istituzionali". Poi il Pd ha cambiato "tre segretari e noi dobbiamo andare avanti da soli. Lo facciamo con ottimi risultati". Eppure nonostante i cambiamenti "la sinistra continua nel modo in cui tutti vedono: senza leader credibili, senza idee, senza progetti. Sa solo insultare, solo calunniare, solo deformare la realtà".

Ora il programma prevede riposo domani, poi per lunedì in agenda un summit col quale il premier, che considera esauriti i margini di trattativa con Fini ed è pronto a dargli il benservito,  ha intenzione di accentrare su di sé le questioni più impellenti: manovra finanziaria, intercettazioni e riforma della giustizia tanto per cominciare. Ghe pensi mi.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • graziele

    10 Giugno 2011 - 13:01

    era ora che silvio si svegliasse

    Report

    Rispondi

  • adelmolenzi

    19 Gennaio 2011 - 17:05

    la libertà personale è sacra, daccordo! ma quando si è persone pubbliche e si rappresenta e si guida un paese cè il dovere morale di un comportamento corretto e irreprensibile. sono deluso, disgustato e irritato (eufemismo!!!) perchè nel fratempo non si governa il paese e si ridà forza alla sinistra che nei prossimi anni ci massacrerà!!!Grazie Califfo!!!

    Report

    Rispondi

  • anes332000

    09 Luglio 2010 - 13:01

    Bravo il nostro Cav. Premetto che sono un uomo di destra, ma si rende conto delle cazzate che dice una continuazione? Parla di programma, ma quale programma il suo. male che abbiamo un Presidente della Repubblica e della Camera a modo, a livello mondiale ci deridono tutti. Vada riposarsi in Sardegna che è meglio. In campagna elettorale ce ne ha raccontate di balle, forse la Zanicchi si riferiva a questo? Povera Nazione

    Report

    Rispondi

  • gicchio38

    07 Luglio 2010 - 08:08

    ED HA PERFETTAMENTE RAGIONE PERCHE' HA ME ED ALTRI MILIONI DI ITALIANI CHE CHE LA DIFENDERANNO. PECCATO CHE STATE CEDENDO ALLE MOLTE RICHIESTE CHE VI VENGONO FATTE. SPERIAMO CHE ALLA FINE NON NE ESCA FUORI UNA LEGGE CHE ANZICHE' RIPORTARE NEI LORO ALVEI HAGISTRATI E GIORNALISTI SI RITORCE ANCORA DI PIU' SUI CITTADINI. VEDREMO GICCHIO38

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog