Cerca

Fini: "Libertà di stampa mai sufficiente"

Intervento alla presentazione della relazione dell'Agcom. Calabrò: "Giusto ma serve autoregolamentazione dei media"

Fini: "Libertà di stampa mai sufficiente"
“ La libertà di stampa non è mai sufficiente”. Lo ha detto il presidente della Camera in occasione della presentazione della relazione annuale dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazione. “Un grande paese democratico – chiosa Fini – ha bisogno a mio avviso di un’informazione forte, libera ed autorevole”. E per farlo "abbiamo ancora bisogno di introdurre nell'ordinamento ulteriori norme che tutelino l'accesso ai mezzi di informazione".

“La libertà d’informazione è forse una libertà superiore ad altre costituzionalmente protette e come tale va difesa da ogni tentativo di compressione”. D’accordo con Fini il presidente dell’Agcom, Corrado Calabrò, che durante la relazione annuale al parlamento precisa che sarebbe necessaria l’adozione dello strumento dell’autoregolamentazione perché “in uno stato di diritto solo la verità processuale dopo un giudizio definitivo può privare l’uomo della dignità e dell’onorabilità”. Occorre quindi difendere la tutela della dignità umana dalla “verità televisiva, mediatica, dalla diffusione di indiscrezioni e illazioni”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nlevis

    25 Gennaio 2011 - 17:05

    l'onorevole(?) Fini perchè si imbufalisce e minaccia di querelare Libero?

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    07 Luglio 2010 - 17:05

    Il diritto alla riservatezza sia dei personaggi pubblici che di quelli privati è già tutelato dalle leggi vigenti, il decreto sulle intercettazioni ha solo come pretesto la tutela della privacy ma come fine quello di limitare il diritto di cronaca che ha come oggetto solo le notizie di pubblico interesse. Molti giornali di gossip sono editi dal gruppo del premier il quale nell'esercizio della sua attività imprenditoriale non mi sembra molto rispettoso della privacy delle persone che i suoi giornalisti "perseguitano". Le ricordo solo il caso di quel giudice di Milano che venne pedinato dalle telecamere di Canale 5 ed irriso dal TG5 per i suoi calzini turchesi. Sono d'accordo con Lei che i politici italiani al pari di quelli americani dovrebbero passare ai raggi X, ma questo dipende da noi cittadini.Basterebbe cominciare ad indignarci difronte a quelle leggi che hanno il solo scopo di nascondere il malaffare ed il malcostume. Cordialità.

    Report

    Rispondi

  • mi_attengo_ai_fatti

    07 Luglio 2010 - 13:01

    Ma cosa diavolo dici? Certo che mi riguardano i processi di quello che è anche il mio capo del governo, visto che vivo in Italia. E' per quello che si vota, perchè quello che fanno quei signori ci riguarda eccome. Siamo noi a decidere chi governerà, sia io che te. Mi fa piacere che ragioni con la tua testa, ma come si fa a ragionare se non si conoscono i fatti? Pure Einstein non avrebbe combinato un tubo se gli avessero sempre raccontato che 2+2 fa 5. Non ce l'ho con te ma con la stampa che non fa veramente informazione, che poi era anche il tema di quest'articolo.

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    07 Luglio 2010 - 03:03

    Fini non è stupido, sa che facendo cosi' si ingrazia certi giornali che porteranno avanti le sue idee e cioe' di formare un nuovo partito che si occupera' piu' del centro sud. Vuole diventare il Bossi del Sud e come Bossi vuole la sua autonomia dal pdl. Pugnala alle spalle l'amico che lo ha sdoganato fra i democratici ed ora cerca un suo spazio fregandosene dell'italia . Mi domando chi lo votera', forse la sinistra. Peroperi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog