Cerca

Onu su ddl intercettazioni: "Da abolire o modificare"

Frattini: "Sono sconcertato". Oggi in commissione le ultime modifiche

Onu su ddl intercettazioni: "Da abolire o modificare"
Sprint finale e ultime modifiche per il ddl intercettazioni, giunto in prossimità del traguardo in Commissione Giustizia alla Camera. Rispetto alla bozza iniziale presentata dal Governo dopo l’ok del Senato, infatti, è stata la stessa maggioranza a proporre sei nuove correzioni finalizzate a sciogliere alcuni dei nodi più criticati sia da alcune forze parlamentari (opposizione e “finiani”) che dall’opinione pubblica. A presentare gli emendamenti in Commissione sono stati i deputati Enrico Costa (Pdl) e Matteo Brigandì (Lega Nord). Tuttavia questi ritocchi non accontentano i gruppi di minoranza, i quali annunciano battaglia.
Prima della scandenza (fissata alle 15), sono state depositate in commissione Giustizia 616 emendamenti: nel dettaglio,
il Pd ne ha presentate circa 400, 170 l’Idv e 40 l’Udc. Una pioggia di proposte di modifica che certamente non renderanno agevole il cammino del ddl. E mancano ancora le modifiche promesse dai "finiani", emendamenti che potrebbero trovare l'appoggio dello stesso Pd. E' stato Dario Franceschini ad affermarlo.
"Se gli emendamenti che presenterà la finiana Giulia Bongiorno saranno migliorativi del ddl sulle intercettazioni, il Pd li sosterrà. Aspettiamo però di vedere le carte".

Novità maggioranza – Dei sei emendamenti proposti dal duo Costa-Brigandì, il primo riguarda l’estensione delle proroghe per procedere alle intercettazioni: queste potranno durare per 75 giorni ed essere prorogate di 15 giorni in 15 giorni, rispetto alle 72 ore originariamente previste.
Novità anche per quel che concerne l’acquisizione dei tabulati, per cui servirà l’autorizzazione del giudice per le indagini preliminari, anziché dal tribunale in composizione collegiale, in presenza della gravità indiziaria e dell’indispensabilità ai fini delle indagini.
Svolta anche per quel che concerne le intercettazioni ambientali, le quali potranno essere disposte in luoghi pubblici e in luoghi privati anche se non c'è il “fondato motivo” di ritenere che sia in corso un’attività criminosa ma qualora si pensi che, dai risultati, possano scaturire prove fondamentali per il buon esito di un’indagine.
Inoltre le regole per utilizzare le intercettazioni nelle indagini per reati contro l’ambiente saranno le stesse che si applicano in quelle contro la mafia e il terrorismo, mentre è scesa a tre anni di carcere (contro i 4 originari) la pena per chi compie registrazioni e riprese video fraudolente. Sanzioni più leggere, infine, per gli editori che pubblicano materiale proveniente da intercettazioni telefoniche segrete.

Critiche Onu – Prima che venissero presentate queste rilevanti modifiche, dall’Onu era venuta però una severa bocciatura al ddl, definito pericoloso “per il godimento del diritto alla libertà di espressione in Italia”. A lanciare questo avvertimento il relatore speciale dell'Onu sulla libertà di espressione, Frank La Rue.
Consapevole del fatto che il ddl sia una risposta alle preoccupazioni sulla privacy, il referente del Palazzo di vetro ha comunque avvertito che “il disegno di legge nella sua forma attuale non costituisce una risposta adeguata a tali preoccupazioni e pone minacce per il diritto alla libertà di espressione, oltre a prevedere
sanzioni sproporziggi inonate rispetto al reato per i giornalisti e gli editori che pubblicano materiale intercettato prima dell'inizio di un processo”.

Botta e risposta - Il ministro degli Esteri, Franco Frattini, si dice "fortemente sorpreso e sconcertato" per la presa di posizione del relatore:  "Il processo mediatico è una barbarie, non un principio di diritto. Ecco perché io credo si dovrebbero leggere le proposte legislative prima di fare interventi del genere. In secondo luogo in uno Stato democratico e liberale come l’Italia il Parlamento sovrano decide e sulle proposte in itinere nessuno può interferire". Immediata la replica di La Rue che spera di potersi recare in Italia "in autunno" per "una visita amichevole e tecnica" in materia.

Replica Capezzone – Duro sugli ammonimenti Onu il portavoce Pdl, Daniele Capezzone. "Da antico e convinto militante dei diritti umani e civili, troverei utile che i funzionari dell’Onu dedicassero il loro tempo a contrastare le dittature, che troppo spesso dettano legge, o trovano comunque sostegno e copertura, anche nei comportamenti del Palazzo di Vetro. È invece paradossale che si entri nei processi legislativi di uno Stato libero e democratico ed è ancora più paradossale, proprio in tema di stampa ed espressione, che si faccia finta di non vedere che in nessun Paese dell’Occidente avanzato esiste un malvezzo di pubblicare lenzuolate di intercettazioni, come invece continua ad accadere in Italia”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolino46

    14 Luglio 2010 - 23:11

    Anche questa volta lei ha dato un giudizio errato ma sopratutto non chiesto. Comunque se lei avesse o avrebbe (come preferisce) capito il senso del discorso, io non ho certo detto che vincerà la sinistra, ho solo asserito che sicuramente al ritorno dalle ferie il PDL farà il botto. Fra le due cose ce ne corre, se poi vuol dire la sua a tutti i costi anche sulla scommessa, io ho scritto " CI VUOI SCOMMETTERE ?" (interrogativo), non ho certo chiesto all'interlocutore di scommettere di niente. Ed ancora : riguardo alla depressione è un rischio che corrono solo coloro che guardano con occhi innamorati l'amabilissimo Cav. E purtroppo per voi, quando vi accorgerete che Lui della politica non gliene frega proprio niente, sarà troppo tardi.

    Report

    Rispondi

  • nilo01

    14 Luglio 2010 - 19:07

    poverino frattini, è sconcertato, e come mai quando si parla di libertà e di legalità frattini si sconcerta ? per non dispiacere al capo ? mi sembra vero quello che dicono di lui, che non si è ancora accorto di essere il ministro degli esteri, è come scajola che non sa chi gli ha pagato la casa, lui frattini si aggira da sempre sconcertato, prende ordini e basta, e si dichiara sconcertato. di che ? del fatto che l'onu si è accorto di come l'italia scivola nel baratro di una dittatura ? ce ne siamo accorti tutti, lui invece no, perché è troppo occupato ad essere sconcertato

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    14 Luglio 2010 - 16:04

    ma non siete voi che vi battete per la libertà di stampa? Perchè voi potete dire tutto ciò che volete e se qualcuno di noi dice qualcosa di molto vero è solo un mentecatto? So cosa ho scritto credo in ciò che ho scritto, non ho la base che mi dice come e cosa dire come voi pecorelle (parole di prodi, ricordi ? pecorelle ascoltatemi)

    Report

    Rispondi

  • lorenzovan

    14 Luglio 2010 - 15:03

    leggendo alcuni commenti..ho rimpianto il periodo anteriore alla legga Basaglia.. se quei commenti sono fatti "ad arte" per far infuriare "i nemici" ancora ancora avrebbe un senso ma se sono commenti sentiti e partecipati.. beh...allora andiamo proprio male

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog