Cerca

Santoro minaccia la Rai: "Se non lavoro saranno guai"

Il conduttore va in vacanza e lancia l'ultimatum: vuole che al suo ritorno Annozero vada in onda

Santoro minaccia la Rai: "Se non lavoro saranno guai"
Michele Santoro non demorde, prende carta e penna e scrive una lettera di fuoco al direttore generale della Rai, Mauro Masi. La vicenda è nota: Masi ha preso la decisione di eliminare Annozero dai palinsesti di Rai Due, operazione alla quale il conduttore si sta opponendo con tutte le forze, pressoché indifferente alle linee decise dall'azienda. I toni di Santoro sono tutt'altro che pacati, lui vuole la trasmissione punto e basta: "Annozero deve andare in onda". Non ci sarebbe più spazio per rinvii "che appaiono strumentali o per trattative ormai chiuse". Chiuse sì, nel senso che il programma dovrebbe sparire, mentre il giornalista è convinto dell'esatto opposto e si dichiara "pronto a difendere i diritti miei e degli spettatori". Aggiunge anche che "nessuna azienda seria rinuncerebbe a cuor leggero a una trasmissione come Annozero" e perciò  "sono costretto a constatare che non si è ottenuto il risultato sperato: individuare soluzioni che appaiano e siano dalla parte del pubblico". Immediata la risposta di Masi: "I palinsesti sono proposti al cda esclusivamente dal direttore generale in base a considerazioni di merito specifico". Come fnirà? Lo scopriremo nella prossima puntata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    15 Luglio 2010 - 14:02

    E' tenuto a far lavorare Santoro (c'e' una sentenza a riguardo) e sa bene che Santoro fa guadagnare soldi a palate alla RAI. Ma, povero Masi, non puo' permettersi di scontentare ancora Silvio. Cosa fara' Masi, salvera' la faccia o *?

    Report

    Rispondi

  • z.signorini

    15 Luglio 2010 - 13:01

    Ma chi crede di essere quel *? va a lavorare .

    Report

    Rispondi

  • opzionemib0

    15 Luglio 2010 - 12:12

    Il vero schifpo e' pagare il canone. Una rai di m...a per un canone di m..a in un paese di m...a. Amen

    Report

    Rispondi

  • Joe1957

    15 Luglio 2010 - 12:12

    Bravo Masi, avanti così. Nessuna trasmissione in cui si vomita odio può essere mandata in onda da una rete pubblica. Che Santoro vada a lavorare per Mediaset, rete commerciale che fa dell'audience la propria missione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog