Cerca

Niente vacanze per il Cav: Riorganizzo il Pdl

Berlusconi rassicura i suoi e sulla P3 attacca la sinistra "solo fango per indebolirci". A Bersani, aperto a un esecutivo di transizione, replica: "Non ci sono ipotesi diverse di governo"

Niente vacanze per il Cav: Riorganizzo il Pdl
Niente vacanze per Silvio Berlusoni. "La pausa estiva intendo dedicarla al rilancio e alla riorganizzazione del Popolo della libertà" ha annunciato solennemente il premier durante il consiglio dei Ministri di oggi. E il Cav ha colto anche l'occasione per commentare le inchieste su eolico e P3 che in questi giorni stanno assestando duri colpi alla credibilità del governo in carica.  "Vogliono solo delegittimarci", rassicura Berlusconi ai suoi. "Non c'è da essere preoccupati, occorre continuare a lavorare con tranquillità" è l’invito che il Premier fa agli esponenti dell’esecutivo.
Per fugare ogni possibile dubbio, poi, il premier in serata ha inviato un audio messaggio ai Promotori della Libertà, i fedelissimi del Pdl. "Siamo di fronte all’ennesimo tentativo della sinistra di ribaltare per via giudiziaria il risultato delle urne, siamo di fronte all’eterna pretesa e all’eterno sogno della sinistra di far diventare maggioranza la minoranza, con un gioco di prestigio", scrive il presidente del consiglio. E poi spara a zero sulla sinistra: "Gettano fango per ribaltare il risultato delle elezioni".

Intercettazioni - 
Nel messaggio ai Promotori della Libertà Berlusconi ha voluto mettere i puntini sugli i anche sulla tanto contestata legge sulle intercettazioni. "Il ddl intercettazioni sarà legge al più presto.- Condurremo in porto la nuova legge per ridare agli italiani la libertà di usare il telefono senza correre il rischio di vedersi pubblicate sui giornali le proprie vicende private, come succede ora", ha sottolineato il Cav.

La risposta a Bersani - 
Dopo Massimo D'Alema, anche il segretario ufficiale del Pd, Pierluigi  Bersani, si è detto "disponibile a sostenere un governo di transizione purchè non sia guidato da Silvio Berlusconi e sia limitato nel tempo con l’obiettivo di cambiare la legge elettorale". La replica, secca e puntuale del premier, non si è fatta attendere: "Non ci sono ipotesi diverse di governo allo studio", ha detto Silvio nel messaggio ai Promotori della Libertà.

L'incontro con Bossi - Il Premier dopo il Consiglio dei ministri ha avuto un incontro con Umberto Bossi. A quanto si apprende da fonti ministeriali, i tre avrebbero parlato della "road-map" del federalismo fiscale, per il quale si attende a giorni il varo del secondo decreto attuativo dopo il federalismo demaniale  (si tratta di quello sui costi standard). Al colloquio era presente anche il ministero della Semplificazione legislativa Roberto Calderoli.

Le parole di Alfano - "Non si può fare di tutta l’erba un fascio e fare la caccia alle streghe". Così il Guardasigilli Angelino Alfano, a Bruxelles dove ha partecipato al Consiglio dei Ministri Ue di Giustizia e Affari Interni, si esprime circa il coinvolgimento di magistrati nell'inchiesta P3. «Abbiamo una certezza: che il sistema-giustizia ha dentro di sé tutti gli anticorpi per reagire. Sono il ministro della Giustizia - ha detto Alfano - e non intendo commentare un’inchiesta in corso. Ciascuno faccia il proprio dovere, sia dal punto di vista degli inquirenti che da quello dei diritti di chi deve difendersi. Il sistema della giustizia italiana ha gli anticorpi per reagire».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolino46

    20 Luglio 2010 - 18:06

    Io la storia la conosco anche troppo bene. Sei tu che ti confondi con la geografia, qui noi purtroppo per tè, siamo in Italia.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    20 Luglio 2010 - 18:06

    Ti farebbe bene un corso di Storia , il comunismo era ed è stata una dittatura , come il fascismo , ma con qualche milione di morti in più.Mentre i partiti arraffavano a più non posso per sostenersi ,il Pci prendeva i soldi direttamente da Mosca,studia la Storia capra.

    Report

    Rispondi

  • paolino46

    19 Luglio 2010 - 22:10

    I finanziamenti all'allora PCI da parte della Russia sono cosa arcinota. Come noti sono i rapporti fra i servizi segreti americani e quella parte di politica che si opponeva al comunismo ed in altre cose successe quì da noi nel dopoguerra. Tutto normale ?? Puo essere. Quello che però non mi sembra normale è lo spot continuo sui mali del comunismo. Come ci fossimo tutti dimenticati che i veri danni in Italia sono stati causati dal ventennio fascista e la conseguente ultima guerra. Come facessimo finta di non sapere che le tracce di quel partito fascista, sono ancora presenti fra i banchi della maggioranza capeggiata dal Cav. Ed il ragazzo ci ride sopra

    Report

    Rispondi

  • jongingiullo

    19 Luglio 2010 - 20:08

    Prima di parlare di finanziamenti nel dopoguerra, sarebbe bene informarsi un attimo, prima di ridere così a lungo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog