Cerca

Napolitano sulla P3: "Ne discuta il nuovo Csm"

Giorni cruciali per l'inchiesta: i pm prenderanno in esame i verbali. Attesi Caliendo, Carbone, Formigoni, Miller e Matone. E il Consiglio è pronto a trasferire Marra

Napolitano sulla P3: "Ne discuta il nuovo Csm"
Si apre un'altra settimana cruciale per l'inchiesta sulla cosiddetta P3. E il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, interviene con una lettera a Nicola Mancino, precisando che sarà il nuovo Csm "a occuparsi dei tentativi di interferire sugli orientamenti di alcuni consiglieri per favorire la nomina del Presidente della Corte d'appello di Milano, Alfonso Marra, come emerge dalle inchieste". In una nota il capo dello Stato esorta: "Nell'imminenza di una nuova seduta del Parlamento a Camere riunite per l'elezione dei membri laici del Csm, rinnovo un vivo appello a tutti i gruppi parlamentari a definire senza ulteriore indugio le intese necessarie perché le prossime votazioni vadano a buon fine".

La lettera a Mancino
è stata letta al Comitato di presidenza del Csm e inizia così: "La richiesta prende le mosse, in particolare, dall' esistenza di investigazioni su condotte indebitamente tese a interferire sul voto di alcuni componenti di questo Consiglio in occasione della nomina del presidente della Corte di Appello di Milano. La questione dovrebbe essere dibattuta in termini generali e propositivi, prescindendo dall'esistenza di indagini penali, disciplinari e amministrative sull'episodio". E continua poi: "A parte la seria preoccupazione, che è lecito mantenere, di non interferire in tali indagini, ritengo da un lato che il tema non possa essere affrontato in termini generali e propositivi con la necessaria ponderazione nel momento terminale di questa Consiliatura, mentre è corretto lasciare alla prossima le appropriate decisioni in merito, e, dall'altro, che si debba essere bene attenti a non gettare in alcun modo ombre sui comportamenti di quei consiglieri che ebbero a pronunciarsi liberamente, al di fuori di ogni condizionamento, su quella proposta di nomina concorrendo alla sua approvazione".

Intanto il Csm si avvia a trasferire Marra, per i suoi "comportamenti non colposi" che però "determinano l'impossibilità di svolgere a Milano la giurisdizione in modo imparziale e indipendente".  Dagli atti presi in visione dal Csm, raccontano fonti di Palazzo dei Marescialli, "si evince che per la nomina a presidente della Corte d’appello di Milano, Marra chiese e ottenne da alcuni personaggi, tra cui alcuni sottoposti a custodia cautelare, di attivarsi anche presso il Csm". E "il fatto che Marra li abbia messi alla porta significa comunque che ha perso prestigio e ha dimostrato incapacità nel gestire l’attività dell’ufficio sotto il profilo dell’immagine".

Nei prossimi giorni gli inquirenti, il procuratore aggiunto, Giancarlo Capaldo, ed il sostituto, Rodolfo Sabelli, vorrebbero esaminare gli elementi raccolti, anche alla luce delle ultime deposizioni, e valutare le posizioni di altri soggetti i cui nominativi compaiono nelle carte processuali e nelle intercettazioni telefoniche. Risulterebbero quindi probabili ulteriori iscrizioni nel registro degli indagati. Sono previsti gli interrogatori del governatore della Sardegna, Ugo Cappellacci, dell'ex sottosegretario all'Economia, Nicola Cosentino, e dall'ex assessore regionale campano, Ernesto Sica.
La settimana successiva riprenderanno, invece, le convocazioni in procura.

A seguito delle audizioni del governatore della Sardegna, Cappellacci, dell'ex sottosegretario all'Economia, Cosentino e dell'ex assessore regionale della Campania, Sica, seguiranno gli interrogatori di testimoni e indagati. Attesi a varcare l'ingresso di piazzale Clodio, ci sono, tra gli altri, il sottosegretario alla Giustizia, Giacomo Caliendo, l'ex presidente della corte di Cassazione, Vincenzo Carbone, il governatore della Lombardia, Roberto Formigoni, il Presidente della corte di appello di Milano, Alfonso Marra, il capo dell'ispettorato del dicastero della Giustizia, Arcibaldo Miller, e l'ex avvocato generale della Cassazione, Antonio Martone.

A metà settimana, infine, il tribunale del riesame si occuperà del ricorso presentato dai legali dell'imprenditore Arcangelo Martino, arrestato con Flavio Carboni e Pasquale Lombardi, ritenuto uno dei principali indagati dell'inchiesta.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gicchio38

    22 Luglio 2010 - 08:08

    E fa bene perchè chi sa del vecchio CSM quanti ne saranno coinvolti.

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    20 Luglio 2010 - 11:11

    come verrà cambiato? scommetto che ne faranno parte tutti gli eredi di togliatti. In una situazione come questa se Napolitano fosse un vero Presidente dovrebbe cambiare tutta la magistratura e mandare a casa le camere e rifare subito le elezioni. Questo se avesse le palle vere, ma lui non può, è stato eletto solo dagli amici e perciò deve dimostrare tutta la sua gratitudine ai suoi amici. Se fosse davvero interessato all'unità dell'Italia dovrebbe fare solo tre cose: una magistratura nuova di zecca senza ANM, elezioni subito e dimissioni immediate.

    Report

    Rispondi

  • degrel0

    20 Luglio 2010 - 10:10

    ...nell'attuale CSM,sfiducia che il normale cittadino nemmeno può permettersi di esternare pena gli starnazzi di "repubblica",il fatto" e via sciupando carta.Ora chiedo:ma davvero possiamo fidarci del prossimo CSM visto che si tratta di un organismo del tutto fuori controllo?

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    20 Luglio 2010 - 08:08

    Io credo che l’eroe, sono tutti quei cittadini Siciliani, Calabresi, Pugliesi e Campani che devono convivere con, e senza neanche i mille euro il mese come tutti quegli agenti che fanno una vita da cane ed una volta con una divisa puzzolente addosso per giorni di guardie o avere rimproveri, se avevi i capelli fuori posti, giorni e notti a fare la guardia senza un’ora di straordinario o festivo questo la 3^ carica dello Stato, eletta dal “ mafioso ” Dell’Utri e suo amico? Fini sa chi erano i “ Sanbabilini ” e i “ Rossi ” in cui vivevo e dovevo lavorare anche Politicamente questi cos‘erano, eroi di Destra e quelli di Sinistra che ora okkupati nelle cooperative o santificati in Parlamento? Minchia! Ma com’è affollata questa Via di Damasco per trovare la porta di Caino! Io ci sono stato in tutte le realtà del mondo Rosse e Nere e, non a scrocco dello Stato ora andrò a verificare se a Damasco, esiste o no una possibilità per me, accluderò e completerò questo post. Mi chiedo, quando salvai la vita alla mia famiglia in Puglia da un criminale o ad Acapulco che affrontai due tossici criminali con un coltello: non fui eroe o vuole le prove con numero di telefono della Policia? C’est facile SMEmorati o farsi passare da verginella della politica, il sottoscritto, come altri attivisti del Psi, si lavorava come “ Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie ” sempre attenti alle spalle per catena e spranga non ti togliesse la vita, molti azzoppati dalle Br (Rosse) come il mio amico Mercanzin, o il trucidato Walter Tobagi ed io stesso! In poche parole non mi sembra che né Berlusconi, né i suoi amici abbiano usato molotov, sampietrini trave ed estintori per essere poi eletti in Parlamento: solo violenza Giudiziale che ancora oggi Napolitano ha dovuto bloccare il Csm di dare patenti e giudizi ma questi si sono chiesti se il titolo di Cavaliere di Waterloò meritato e per cosa? Ah! Dimenticavo, ospitava Romeni sotto i ponti di Tor di Quinto Quanti promossi nelle Istituzioni come Giuliano Amato, ma amato da chi, forse non era il mentore e consigliore del mio amico Statista Bettino Craxi? Ergo che se molti come me non graditi come mai suo figlio l’inutile Bobo ed una valanga di Voltagabbana ed Iscariota sì? Evidente, per essere graditi ci vuole un curriculum per Establishment Molotiviano o andare in Piazza a gridare 10 100 1000 Stragi di Nassiriya, magari ficcando ad un carabiniere una trave od estintore nel cranio? http://www.libero-news.it/news/455271/Cortei_a_Palermo_per_non_dimenticare_Borsellino_.html http://www.ilgiornale.it/interni/inchiesta_p3_colle_decida_nuovo_consiglio_csm_alfonso_marra_non_puo_restare_milano/politica-giustizia-napolitano-appello-csm-elezione-membri_laici/19-07-2010/articolo-id=462006-page=0-comments=1 http://it.wikipedia.org/wiki/Piazza_San_Babila

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog