Cerca

L'Ue sgambetta Mediaset: sì all'ingresso di Sky sul digitale

La piattaforma satellitare potrà trasmettere in chiaro, nonostante governo e tv fossero contrarie. Cologno Monzese annuncia il ricorso

L'Ue sgambetta Mediaset: sì all'ingresso di Sky sul digitale
L'Unione Europea ha dato il proprio via libera - seppur "condizionato - all'ingresso anticipato di Sky sulle piattaforme della televisione digitale terrestre. Per Mediaset, e di conseguenza Berlusconi, si tratta di una notizia tutt'altro che lieta. La decisione era al punto B dell'ordine del giorno per i lavori della commissione, e attorno al caso nelle ultime ore era montata crescente attesa. La questione tecnica è all'apparenza un po' complicata: Sky Italia aveva chiesto in vista della gara per l'assegnazione di nuove frequenze per il digitale terrestre, la possibilità di accesso al multiplex prima del 31 dicembre 2011.  Operazione impossibile senza una modifica dei vincoli definiti nel 2003 dall'Antitrust europeo all'epoca della fusione Stream-Telepiu, che impediscono all'operatore di entrare nella tv digitale terrestre  prima del 2012. L'impegno chiesto in cambio a Sky dovrebbe essere quello di non trasmettere programmi sul digitale col sistema pay-per-wiew ma limitarsi alla diffusione in chiaro, compromesso che Sky Italia s'è sempre dichiarata pronta ad accettare. Ben diversa l'opionione a riguardo del governo italiano, che non ha mai fatto mistero della propria contrarietà all'operazione, in quanto Sky è concorrente diretta di Rai (emittente di Stato) nonché di Mediaset, azienda legata alla famiglia del premier Silvio Berlusconi in riferimento alla quale è sorto un conflitto d'interessi del quale si è interessato direttamente il presidente di commissione Josè Barroso. La Ue aveva anche condotto un sondaggio tra le nostre emittenti nazionali, per tastare il polso e vagliare gli umori delle tv rispetto l'ipotetico arrivo di Sky: ebbe esito negativo, ma il parere non ha valore legale vincolante.

Tom Mockridge, ad di Sky Italia, si dice "estremamente soddisfatto" della decisione odierna, mentre Mediaset, "assolutamente sconcertata", annuncia il ricorso alla Corte di Giustizia: "Riteniamo che le condizioni fissate dalla commissione nel 2003 che impedivano a Sky di entrare nella tv digitale terrestre sino al 2012 in virtù della sua posizione dominante sul mercato pay siano ancora valide come del resto il market test svolto tra tutti gli operatori italiani ha sostenuto. Con questa decisione si autorizza il monopolista della televisione satellitare e pay, non dimentichiamo che Sky detiene il 99,8% della pay tv satellitare e l'86% della tv a pagamento, a operare nel mercato free e lo si autorizza a entrare in possesso degli asset frequenziali già insufficienti per gli operatori attuali. Per questo Mediaset ricorrerà contro tale decisione alla Corte di Giustizia Europea".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fdrebin

    21 Luglio 2010 - 12:12

    Lo dice lei che sarebbe fallito in sei mesi. Intanto nonostante avesse avuto ragione fin dall'inizio, nessuno ha potuto vederlo. Neppure oggi dopo 10 anni. I liberali alle vongole: le regole, il merito, chi e' bravo avra' il successo che si merita. Si, come no. Qui c'e' un signore che con tutte le carte in regola gli si e' impedito di entrare nel mercato e eventualmente di fallire dopo 6 mesi, oppure di avere piu' successo di LA7. Non lo sapremo mai, questa e' la verita'.

    Report

    Rispondi

  • libero42

    21 Luglio 2010 - 11:11

    Eccoli qui, tutti i fautori del libero mercato (quando conviene a loro). Attendo con impazienza i nuovi canali in chiaro per 5anni di Sky. D'altra parte ho sempre rifiutato qualsiasi superofferta delle Pay-Tv perchè reputo assurdo pagare per vedere pubblicità. Berlusconi ha guadagnato migliaia di Mld di euro attraverso Mediaset e l'agenzia collegata Sipra(quella di Dell'Utri) condizionando i consumi, l'educazione, le mode, e ponendo sotto ricatto la stampa e i media indipendenti... no amici?... zeru pubblicità!! Ricordate i ripetuti inviti dalla Carica di Presidente del Consiglio agli industriali e commercianti a non fare inserzioni sui media che criticano il suo operato? In pratica a farli fallire? rifletteteci su.

    Report

    Rispondi

  • astice2009

    21 Luglio 2010 - 10:10

    Ma lei dove vive? Oltre a vedere Fede, Minzolini, il Grande Fratello e le tette delle veline, hai mai visto la televisione?

    Report

    Rispondi

  • riddler72

    21 Luglio 2010 - 10:10

    Ma se Sky ce la possiamo vedere sul digitale terrestre e alcuni canali anche gratis (se fosse vero o anche se non fosse vero sarebbe lo stesso), ma a voi che ve ne viene? Ma non è meglio? Cioè se colpisce le tasche di Berlusconi voi ve la prendete anche se avete l'opportunità di poter scegliere liberamente da + opzioni? Lasciatemi capire il senso dell'indignazione di un cittadino comune alla decisione di trasmettere Sky sul digitale, perchè davvero non lo capisco... Cosa ve ne viene a voi? Pensate che Berlusconi dall'alto vi guarda e vi punisce o cosa? Io sono sempre di un parere: + concorrenza - costo... Vi ricordate quando c'era solo la telecom quanto costava chiamare? Vi ricordate per i cellulari quanto costava chiamare solo quando c'era tim? Ma ragionate con il portafogli non con le ideologie politiche va...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog