Cerca

Ok dal Cdm ai fabbisogni standard, secondo passo verso il federalismo

Va in soffitta il concetto di spesa storica per i trasferimenti statali. Fassina (Pd): "I comuni dovranno mettere nuove tasse"

Ok dal Cdm ai fabbisogni standard, secondo passo verso il federalismo

Mentre il ministro Tremonti e i governatori regionali non se le mandano a dire, confermando la distanza siderale tra le rispettive posizioni in tema di manovra economica, il Consiglio dei Ministri ha dato il primo via libera a uno dei decreti attuativi del federalismo fiscale, ossia quello riguardante i fabbisogni standard di Comuni e Province.
Dopo quello sul federalismo demaniale, quindi, la riforma dello Stato tanto cara ai leghisti fa così un altro piccolo passo verso una reale ed effettiva attuazione.

Contenuti – Riportando il parere di Roberto Calderoli (Lega Nord), con questo decreto viene messo in soffitta il concetto di spesa storica degli enti, ossia il parametro attraverso il quale venivano decisi i trasferimenti statali. In pratica i fabbisogni di Province e Comuni verranno stabiliti non solo tramite un confronto tra Stato ed enti locali, ma anche tramite l’azione della Sose spa, la quale fornirà gli indicatori di riferimento per la valutazione dell'azione pubblica.

Iter – Il testo, passato in Cdm, approderà ora all'esame della Conferenza Stato-Regioni e della commissione bicamerale per il federalismo fiscale. L’ultimo passaggio sulle scrivanie dei Ministri è fissato per settembre, quando è previsto l’ultimo semaforo verde.
A rassicurare sui tempi della politica e i prossimi passi del Governo in materia federalista è stato lo stesso Giulio Tremonti.
"Il decreto per l'autonomia fiscale degli enti locali arriverà entro fine mese – ha riferito il titolare del Tesoro –, anche se c’è qualcosa da sistemare".

Regioni – "Vogliamo aprire subito un confronto sul federalismo fiscale, vogliamo accelerare ma in un percorso trasparente con una discussione preventiva sui decreti attuativi". Questa la posizione di Vasco Errani, Governatore dell’Emilia Romagna nonché portavoce delle Regioni.

Critiche Pd – Decisamente scettico sul secondo decreto attuativo del federalismo il partito democratico che, per voce di Stefano Fassina, responsabile Economia e Lavoro, ha parlato di una misura che scaricherà sui comuni l’onere politico di introdurre nuove tasse.
"Molti enti faranno come la Thatcher nel Regno Unito negli anni '80, dovendo fissare una sorta di poll tax. I comuni verranno anche penalizzati dall’attribuzione ad essi dell’Irpef sugli affitti trasformata in cedolare secca. Dopo la batosta subita con la manovra, i cittadini italiani verranno colpiti dalla pseudo autonomia impositiva per i comuni conseguente allo sbilenco federalismo fiscale di Tremonti e della Lega".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stagnino

    24 Luglio 2010 - 17:05

    Signori del PDL, quasi tutti gli ambasciatori e impiegati consolari di tutto il mondo innanzitutto il 90% sono di sinistra. E pochi di loro fanno il proprio dovere. Non solo hanno preso uno stipendio certo non poco. Ma quanti passaporti falsi fatti in Italia e all´estero venduti a caro prezzo! A molti extra comunitari e rom etc..quando incontro uno di qauesti che mi dice e mi mostra il passaporto Italiano e dicono anch`io Italiano; E poi durante le elezioni all´estero europee o politiche questi fanno il porco comodo; perciò alle prossime elezioni più controllo..... Poi per il taglio ridurlo perlomeno 20% in meno oppure, fare i conti a quel che hanno guadagnato di stipendio; e tutto quel che hanno investito in immobili sequestrargli tutto; solo così si toglierà la crisi in Italia specialmente

    Report

    Rispondi

  • giramondo15

    23 Luglio 2010 - 16:04

    Fini adesso sei allo stesso livello del Baffo, terr....ta Sono passati molti anni da quando il baffo nautico lanciava bombe molotov su padri di famiglia in divisa e oggi prova a lanciare bombe di carta straccia dal basso del suo senso democratico secondo il quale, il politico più votato dagli italiani deve essere cacciato dal governo ad opera dei soliti ignobili. La magistratura all´ora complice! Certo il baffetto, oggi PD: e con gli UDC. devono difendere la magistratura!! Come dice il proverbio ((amor con amor si paga ))??? Voi avete rovinato L´Italia . in circa 60 anni avete concordato 51 governi ,avete sporcato, il popolo italiano ; vergognatevi,non siamo più padroni nelle nostre case, nemmeno al mare ci si può stare tranquilli ,ogni minuto arriva,un vù cumpra! E noi, vi abbiamo scacciati. Questa è stata la vera dittatura che ha favorito ed ha alimentato a far rinascere la corruzione. Che abbiamo subito, dal dopo guerra sino a poco tempo fa . Noi non vi vogliamo PIÙ !!

    Report

    Rispondi

  • stagnino

    23 Luglio 2010 - 14:02

    Fini mi sembravi un uomo pulito, ma anche tu sei una ((GRÖß SCHEISE)) Tu non hai rappresentato il MSI ma lo SFASCIO dell´Italia rubando onestamente facendo ingrassare anche la tua SUOCERA per soli quattromiladieci e 95 centesimi per 365 giorni all´anno. Si rende conto che un onesto lavoratore deve lavorare duro otto ore al giorno senza aver tempo di andare a (pisciare) perché a tua suocera o futura suocera non gli bastano 4.ooo al mese? Ma come cazzo possiamo andare avanti? Perché abbiamo tanti disoccupati in Italia? Certo con tanti affamati come Te, e tua suocera? Perché una per tutte anche Tu e tua suocera vi passate la mano sopra alla coscienza? E pensare che c`è tanta gente in Italia che non può pagare il canone. Per quattro AFFAMATI che non si possono sfamare

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    23 Luglio 2010 - 12:12

    che solo i comuni che non vogliono alleggerire il proprio portafoglio e quello degli amici e degli amici degli amici metteranno tasse più alte ovviamente se i portafogli sono tanti. Ma questi governatori che volevano rendere le deleghe come sono così disonesti e si tengono la delega, tanto loro non ci rimettono. Se il mio comune mi dovesse aumentare ulteriormente le tasse voglio sapere cosa si pendeva e come si spendeva prima, così da capire come sono stati spesi i miei soldi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog