Cerca

Camera, taglio di 1000 euro agli stipendi dei deputati

L'ufficio di presidenza riduce di 500 euro la diaria di soggiorno e di altri 500 le spese per i portaborse

Camera, taglio di 1000 euro agli stipendi dei deputati
Sarà di 1000 euro netti al mese il taglio agli stipendi dei deputati. Così ha deciso l’ufficio di presidenza della Camera, stabilendo che la riduzione prevista dalla manovra economica, non riguarderà l'intero complesso della "busta paga", come aveva chiesto Gianfranco Fini che puntava a -2127. I tagli saranno invece relativi alla diaria di soggiorno (-500 euro) e alle spese per i portaborse, da cui vengono sottratti altri 500 euro.

Tagli alla Camera anche per il trattamento retributivo dei dipendenti: ci saranno riduzioni del 5% per i redditi tra i 90 e i 150 mila euro, e del 10% per i redditi superiori ai 150 mila euro. La terza voce di tagli riguarda le spese non vincolate della Camera. Prevista infine la sospensione nel triennio 2011-2013 dei meccanismi di adeguamento automatico delle retribuzione.

Intanto è ripresa questa mattina, nell'aula della Camera, la discussione generale sulla manovra economica. I capigruppo hanno stabilito che le dichiarazioni di voto sulla questione di fiducia posta dal governo
inizieranno domani alle 15.30 e a partire dalle 17 si voterà. Il voto finale sull'intero provvedimento si terrà entro giovedì 29 luglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francoguerrazzi

    19 Novembre 2010 - 18:06

    Non riesco a capacitarmi come si possa pensare che una riduzione di stipendio per i parlamentari di 1000 euro mensili possa essere una dimostrazione di aiuto per il risanamento dello stato. secondo me ,in una situazione di crisi come questa,lo stato non dovrebbe elargire nessuna paga oltre i 5000 euro al mese a nessuno compreso i grandi dirigenti ed i grandi pensionati per il periodo di almeno un anno. Cosi vedremmo veramente incidere sul bilancio dello stato un esito positivo,e credo che possono farlo senza nassun problema dato che molti che sono a cassa integrazione devono affrotare questo periodo con molto meno.

    Report

    Rispondi

  • natiliberi

    27 Luglio 2010 - 23:11

    PRESENTE! Saremmo già in tre!!

    Report

    Rispondi

  • jamba

    27 Luglio 2010 - 21:09

    Come al solito hanno perso l'occasione per fare la cosa giusta! Come il presidente del consiglio auspicava il taglio doveva essere sull'intera busta paga dei politici, ma non solo anche sui benefit che gli competono oserei dire ingiustamente. Esempio è l'indennità di trasporto per chi abita a più di 100km dal più vicino aereoporto, ma senza dimenticare che anche chi abita a meno la percepisce in maniera ridotta. La domanda che viene spontanea è ma chi gli ha chiesto di andare a fare i politici? Le persone comuni per andare in ufficio pagano benzina, auto, parcheggi e tutto quello che ruota intorno al loro lavoro, mantre i politici hanno biglietti gratuiti su treni, aerei e poi nemmeo li usano, perchè fa importante avere l'autista con auto blu annessa che ovviamente non pagano loro.

    Report

    Rispondi

  • MANCI

    27 Luglio 2010 - 19:07

    Io ritengo che questa bagarre sui tagli dimostra come i "politici" sono sempre i primi a mostrare il fianco.....che a loro vengano tolti mille euro, va beh, si comprerano un vestito in meno...Per i portaborse è meglio lasciar perdere...un'altra voce dove attingere .... Il taglio andava fatto sull'effettiva mensilità, al lordo e comprensiva di tutte le voci accessorie... Ma il taglio va fatto sul numero di parlamentari................Stabilita la soglia della povertà, mi sà che lorsignori sono dei veri e propri Paperoni, senza sudare 1 camicia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog