Cerca

Sulle quote latte l'Europa avverte l'Italia: vietato avvantaggiare i produttori

Ue contraria all'emendamento in manovra che permette di rateizzare le multe: "Equivale ad aiuti di Stato"

Sulle quote latte l'Europa avverte l'Italia: vietato avvantaggiare i produttori
Ogni modifica alle regole fissate nel 2003 sulla rateizzazione del pagamento delle multe per le quote latte potrebbe violare le norme Ue sugli aiuti di Stato. La Commissione europea invia un nuovo avvertimento all’Italia alla vigilia del voto di fiducia sulla manovra che prevede anche la proroga del pagamento delle multe per le quote latte. Se passa la l'emendamento che permette di rateizzare le multe, l'Italia va incontro a una procedura d'infrazione perché dividere in rate equivale a sovvenzionare i produttori.

La Direzione generale dell’Agricoltura alla Commissione chiede con “urgenza” di essere informata sulle disposizioni che saranno approvate definitivamente in relazione alle quote latte. Se i provvedimenti non fossero considerati “in linea con la normativa europea e con gli impegni politici ripetuti presi dal governo italiano di imporre un’applicazione rigorosa ed effettiva del sistema delle quote”, “ogni deviazione alle condizione poste dal consiglio Ue potrebbe implicare l’aiuto di Stato” e quindi sarebbe “incompatibile” con le direttive dell’Ue.

Lombardia contro Lega
- Sulla vicenda delle quote latte il Consiglio della Lombardia si schiera contro l'emendamento, avanzato dalla Lega e inserito nella manovra economica, di congelare fino a dicembre il pagamento delle multe per i cosiddetti splafonatori. L'aula lombarda ha infatti approvato, a scrutinio segreto, un ordine del giorno presentato dal Pd all'assestamento di bilancio che impegna, appunto, la Giunta di Roberto Formigoni a richiedere al Governo la cancellazione dal maxiemendamento alla manovra dell'articolo che contiene appunto la proroga per il pagamento delle multe per le quote latte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • uffa

    28 Luglio 2010 - 10:10

    Le quote latte, sono limiti alla produzione e decisi dall’Unione Europea Paese per Paese per evitare l’eccesso di offerta e di conseguenza, il crollo dei profitti per gli allevatori. Chi supera i limiti è costretto a pagare una multa. Spesso le multe vengono però pagate dallo Stato, alcuni produttori continuano a superare i limiti contando appunto sul sostegno dello Stato. Le regole vanno rispettate, però... Lo Sato deve evitate che una parte delle quote latte italiane viene assegnata a produttori fasulli (i soliti amici degli amici, le cricche) che in realtà non producono niente, restringendo in questo modo le quote degli allevatori onesti e l’ingresso in Italia di latte straniero contrabbandato come nazionale. In definitiva è giusto rispettare le regole ma lo Stato deve vigilare in modo da colpire i disonesti.

    Report

    Rispondi

  • antari

    28 Luglio 2010 - 01:01

    Le regole son fatte x essere rispettate. Piu' vi impegnerete a favorire pochi furbi, piu' quelli onesti alla fine vi si rivolteranno contro!

    Report

    Rispondi

blog