Cerca

Il ddl intercettazioni slitta a settembre

Il Governo prende tempo vista la frattura coi Finiani e la bagarre sulla norma che estende ai blogger l'obbligo di rettifica

Il ddl intercettazioni slitta a settembre
Altra fumata grigia per il ddl intercettazioni. La maggioranza, già alle prese con la frattura con lo schieramento dei "Finiani", sembrerebbe intenzionata a posticipare a settembre la discussione di un provvedimento su cui, nonostante le aperture del Governo in materia di sanzioni agli editori e di limitazioni alla pubblicazione delle intercettazioni, si preannunciava un'altra battaglia parlamentare.
Nella riunione odierna dei Capogruppi, infatti, è stato chiesto di stralciare il punto dall'ordine del giorno: essendo la pausa estiva alle porte, appare scontato che la normativa verrà presa in mano dal Parlamento solo a settembre.

Del resto, per quanto il testo sia già stato rivisto più volte con l’ammorbidimento della posizione del Pdl, l'approvazione del disegno di legge non era certo agevole, non solo per la frattura con i "Finiani", ma anche per il previsto muro contro muro tra maggioranza e minoranza in materia di blogger: a essere contestata era la norma che impone l’obbligo di rettifica entro 48 ore a tutti quelli che scrivono in rete. Già in vigore per le testate giornalistiche on line (per le quali si applicano gli stessi obblighi giuridici della carta stampata), l'emendamento proposto dalla maggioranza viene definita da Udc, IdV e Pd come un tentativo da parte del Governo di mettere il bavaglio alla rete.

Popolo viola – Come sempre da quando il primo testo è passato alla Camera (giugno del 2009), intanto il popolo viola è di nuovo impegnato in una nuova mobilitazione in piazza.
Gli oppositori del ddl intercettazioni hanno dato vita con i partiti, Fnsi, Cgil e blogger, a una veglia notturna, a cui ha farà seguito la manifestazione delle ore 18:30, con la formazione di una catena umana "intorno alla piazza, come simbolo e richiesta di legalità". Alla manifestazione, oltre a Fnsi e Cgil, hanno aderito Sel, Pd Roma, Idv, Fabbrica di Nichi (Roma e Bari), Federazione della Sinistra, Comitato per la libertà e il diritto all`informazione e alla conoscenza, BOBI BOicotta il BIscione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Joe1957

    29 Luglio 2010 - 14:02

    Silvio, ritirala e riprovaci dopo la Riforma della Giustizia

    Report

    Rispondi

  • iena.mots

    29 Luglio 2010 - 09:09

    Come si pretende di avere una rettifica ad un blogger in 48ore???? Qui ormai siamo al delirio più totale!!!

    Report

    Rispondi

  • uffa

    29 Luglio 2010 - 09:09

    Concordo con il pensiero di nicola..... Tornando all'oggetto dell'articolo, esigere che un blogger proceda alla rettifica entro 48 ore dalla richiesta, esattamente come se fosse un giornalista, significa dissuaderlo dall’occuparsi di temi che possono urtare la sensibilità dei poteri economici e politici. Meno male che qualcuno protesta. Mi piacerebbe avere un parere da qualche sostenitore del PDL, ma come è capitato tutte le altre volte, so che la speranza risulterà vana. Evidentemente molte di queste persone sono più inclini ad insultare e fare cabaret che portare contributi concreti.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    28 Luglio 2010 - 22:10

    Queste frasi le pronunciò l'ex Ministro della Sanità Luigi Mariotti nel 1968 quando si dibatteva la legge di Riforma Sanitaria e infatti, fù licenziata dal Parlamento una legge che lo stesso ministro faceva fatica a riconoscerla. Quando una legge è osteggiata da moltissimi compreso anche chi fa parte del Governo, è meglio che la legge stessa venga ritirata facendo una migliore figura. In quel tempo facevo parte della Segreteria del Ministro. Presidente Berlusconi, in questo mondo,specialmente in politica, non è forte solo chi vince, molte volte, il più forte è colui che sa perdere.

    Report

    Rispondi

blog