Cerca

La Manovra taglia il traguardo

Arriva il sì della Camera. Il testo è passato con 321 sì, 270 no e 4 astenuti. Ieri il Governo ha ottenuto la fiducia di Montecitorio

La Manovra taglia il traguardo
Manovra 2011-2013 – Dopo un iter parlamentare di circa 2 mesi la manovra economica taglia il traguardo. La Camera ha approvato in via definitiva il decreto di correzione dei conti italiani con 321 voti a favore, 270 contrari e 4 astenuti, confermando il testo del Senato, l’unico ramo del Parlamento che ha apportato modifiche al provvedimento. Correzioni che, secondo il governo, hanno migliorato il decreto non alterandone i saldi. Il disco verde al testo è arrivato con doppia fiducia, prima a palazzo Madama, poi Montecitorio dove il provvedimento è arrivato blindato. Dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, attesa già per domani, la manovra sarà quindi legge dello Stato.

La manovra da 24,9miliardi è stata approvata dal Consiglio dei ministri lo scorso 25 maggio per rispettare gli impegni chiesti da Bruxelles sul deficit (ridurlo dal 5% del Pil del 2010 al 3,9% nel 2011 e al 2,7% nel 2012) e mettere al riparo l’Italia da ulteriori turbolenze finanziarie. Una manovra pesante ma riconosciuta da tutti come necessaria nonostante sia stata contestata fin dalla sua approvazione.

Tante sono le novità che saranno a brevissimo legge dello Stato. È in arrivo il blocco degli stipendi per i dipendenti pubblici, la riforma delle pensioni e i tagli per Regioni, Province e Comuni. E ancora, la riduzione delle retribuzioni dei manager, la stretta sull'evasione fiscale e le assicurazioni, i tagli ai ministeri e ai costi della politica. Entrano anche le norme per la libertà d’impresa, i rincari dei pedaggi autostradali e la sanatoria per oltre 2 milioni di 'case-fantasmà. Intanto, oggi dopo la Camera, anche Palazzo Madama ha approvato il taglio di 1.000 euro agli stipendi dei senatori, così come indicato in manovra. Per il Senato arrivano complessivamente risparmi per 35milioni di euro.

Molti, tuttavia, sono i nodi che la manovra lascia irrisolti, a partire dalle riduzioni ai trasferimenti per le Regioni, le quote-latte sulla cui proroga del pagamento delle multe pende la possibile apertura di una procedura di infrazione da parte della Commissione europea e la stretta sui diplomatici, la cultura e la sicurezza. Tutte "grane" per il governo che si riproporranno fra qualche mese, in autunno, quando l’esecutivo dovrà varare la sua prima legge di stabilità, la ex Finanziaria.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    30 Luglio 2010 - 08:08

    A carico dei piu' abbienti cosa c'é? La cifra non basta; ne faremo un'altra. Lo Stato ha aumentato il debito pubblico aldilà degli interessi che si assommano al debito; si é mangiato l'avanzo primario che il precedente governo aveva accantonato; ritarda i pagamenti (un rimborso IRPEF lo sto aspettando da due anni); tace sul debito della sanità; su quello delle Regioni. Propaganda che non ha messo le mani nelle tasche degli italiani (le ha messe piu' sotto) allorché ci si chiede e se stipendi e pensioni rimangono ferme? Poi, eventuali aumenti percentuali saranno su una cifra inferiore (doppio furto). Tutto é passato sulla testa dei cittadini che pagheranno. Intanto le cricche aumentano e guadagnano. Tremonti puo' (a parte cio' che ha nascosto) dire di avere il placet dell'UE. MA SULLE CIFRE NON SUI CONTENUTI dei quali l'UE non sa che farsene. Eppure dice il contrario, cioé che la manovra é stata approvata dall'UE in toto. Bugiardo.

    Report

    Rispondi

  • pino&pino

    29 Luglio 2010 - 17:05

    fatta da farabutti, che nemmeno sfiora i farabutti.

    Report

    Rispondi

  • andrea c.

    29 Luglio 2010 - 17:05

    qualcuno mi puo spiegare chi paghera' (domanda ovviamente retorica... saranno i soliti tartassati cittadini che hanno sempre pagato regolarmente le tasse) le multe che sicuramente arriveranno dalla UE per le quote latte??? E chi sarebbe la vera ladrona ???? .... Roma o la LEGA

    Report

    Rispondi

  • gigi il negher

    29 Luglio 2010 - 14:02

    che aspettate ad andare in pensione. leggetevi bene il testo e al primo che si lamenta un cacio sui c******i.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog