Cerca

Tremonti dà i numeri a Vendola

Il ministro boccia il piano di rientro nella sanità. "Si riallineino alla normativa nazionale". Intanto la Calabria viene commissariata

Tremonti dà i numeri a Vendola
I numeri di Tremonti contro la politica di Nichi Vendola. È questo il binomio inconciliabile che rischia di infiammare il confronto politico nei prossimi giorni.
Il Ministro dell’Economia, infatti, ha rispedito al mittente il piano di rientro sulla sanità che la giunta del Governatore democratico aveva stilato per chiedere la riapertura dei termini per il trasferimento dei fondi pubblici europei.

Valgono i numeri – Messaggio forte quello del titolare di via XX Settembre, il quale ha nemmeno troppo velatamente criticato la politica di gestione del Governatore pugliese.
"Ieri abbiamo dato a Vendola un messaggio di serietà molto chiaro – esordisce Tremonti –. Prima vengono i numeri, poi se vuole fa politica, ma se vuole fare una politica che trasformi la Puglia nella nuova Grecia, questo non sarà consentito da questo governo: la Puglia è infatti su una via pericolosa di amministrazione non responsabile e non è certo il teatro ideale per attuare esperimenti rivoluzionari".
Per richiamare all’ordine la giunta pugliese, il Governo ha inviato nella serata di ieri un comunicato in cui si ribadiva la volontà a riaprire i termini per il trasferimento dei fondi pubblici europei "a condizione che la legislazione pugliese della Sanità si riallinei a quella nazionale".

Piano pugliese difeso da Vendola – La soluzione proposta da Vendola per ridurre i costi del settore, infatti, era l’internalizzazione dei servizi, evitando così il ricorso a personale di ditte esterne, oltre a un allentamento del Patto di Stabilità (ma questo lo chiedono tutti i Governatori): un percorso bocciato sia dal Tar di Roma (espressosi contro la deroga sul Patto di stabilità) che dal Ministero del Tesoro, in quanto l’internalizzazione dei servizi è stato considerato più oneroso del ricorso a ditte appaltatrici.
"Considero gravissima la dichiarazione fatta in mattinata dal ministro dell`Economia che, per motivare la mancata firma del governo al piano pugliese di rientro del deficit sanitario, ha paragonato la Puglia alla Grecia. Una dichiarazione, quella di Tremonti, che è un sabotaggio politico, economico e sociale nei confronti della Puglia", ha ribattuto il Governatore Vendola.

Calabria commissariata –
Intanto, poco lontano dalla Puglia di Vendola, è arrivata la notizia del commissariamento della Regione Calabria proprio nel settore della sanità. L’annuncio è stato dato dallo stesso ministro dell’Economia. Il commissario sarà affiancato dalla guardia di finanza. Due i compiti principali di questa amministrazione controllata: in primis il commissario avrà il compito di gestire il settore, mentre le fiamme gialle saranno chiamate a organizzare una struttura amministrativa, ancora assente in Calabria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolino46

    02 Agosto 2010 - 14:02

    Ogni occasione è buona per lo Stagnino per intervenire su argomenti che non conosce, al solo scopo di rovesciare sui partiti all'opposizione un'infinità di improperi il più delle volte quasi incomprensibili. Lo stà dimostrando anche questa volta, non sapendo chi dovrà pagare. TE LO DICO IO, saremo noi tutti che pagheremo e come al solito non in maniera equa. TU PERO' FACEVI MEGLIO AD INFORMARTI PRIMA DI APRIRE BOCCA, potevi almeno andare a vedere come erano i conti della sanità di quella regione prima che arrivasse Vendola, probabilmente ti saresti astenuto. L'ennesimo esempio da quando ti ho chiesto quel famoso elenco che tu non sai neanche da che parte iniziare.

    Report

    Rispondi

  • paolino46

    02 Agosto 2010 - 14:02

    Mi sà che tu i conti della sanità, prima che arrivasse Vendola sul luogo, tu non li abbia neppure visti. Cambia obiettivo, altrimenti informati.

    Report

    Rispondi

  • Joe1957

    02 Agosto 2010 - 12:12

    Lui si che era in gamba, ed aveva capito che basta seguire gli idioti, vedere contro chi sono coalizzati, e là trovare il genio. La bravura di Swift era di riuscire a discernere tra gli idioti e gli intelligenti. Un pò come riuscire a capire quale citazione è quella giusta, quella da mettere lì al momento opportuno. E come si vede qui, non è facile.

    Report

    Rispondi

  • blufox29

    01 Agosto 2010 - 22:10

    « Quando viene al mondo un genio autentico, lo si può riconoscere dal fatto che gli idioti sono tutti coalizzati contro di lui. » (Jonathan Swift, Thoughts on Various Subjects, Moral and Diverting)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog