Cerca

Napolitano ci mette il bavaglio: basta scoop

Il presidente frena la corsa alle urne e chiede "uno sforzo di responsabilità", ma le sue parole sono una minaccia al Cav e un aiuto al suo rivale

Napolitano ci mette il bavaglio: basta scoop
Non c’è nessun articolo della Costituzione che dà diritto al Capo dello Stato di mettere il bavaglio alla libera stampa. Giorgio Napolitano ha chiesto, dimenticandosi il suo ruolo istituzionale, di fermare “una campagna gravemente destabilizzante” contro Gianfranco Fini. E ha intimato: “è ora che finisca” questa inchiesta giornalistica. Insomma, se anche Antonio Di Pietro ha definito un intervento sulle colonne dell’Unità “a gamba tesa” quello del presidente della Repubblica, vuol dire che qualcosa non torna. Un intervento inappropriato, contrario all’articolo 21 della Costituzione sulla libertà di stampa. Eppure nessuno del mestiere, né l’Ordine dei giornalisti né i sindacati di categoria e tantomeno il popolo viola “paladino” di questo diritto, nessuno ha protestato, a dimostrazione di quanto sia strumentale la bandiera di libertà sventolata in altre occasioni. La minaccia ai giornali è la cosa meno rilevante. Il problema è il doppiopesismo: Napolitano non ha detto le stesse cose in altre occasioni, quando il bersaglio era un altro.

L'intervento - Eppure Giorgio Napolitano aveva scelto di non intromettersi sui recenti sviluppi della politica italiana. La rottura fra Berlusconi e Fini aveva aperto la strada alle speculazioni: governo di minoranza, larghe intese, patto di legislatura, oppure
Libero-news.itLibero-news.it

Sarebbe bene che esponenti politici di qualsiasi parte non dessero indicazioni senza averne titolo e in modo sbrigativo e strumentale

elezioni anticipate. Mancava quindi solo la voce del presidente della Repubblica. Ieri sera è arrivata. Non entra nel merito di quello che definisce "un serio conflitto politico" dentro la maggioranza, ma si chiede quali sarebbero le conseguenze di un durissimo scontro elettorale. "Sarebbe bene che esponenti politici di qualsiasi parte non dessero indicazioni senza averne titolo e in modo sbrigativo e strumentale" dice Napolitano all’Unità, di ritorno dalle vacanze a Stromboli, chiudendo la parentesi estiva. Il capo dello Stato ci tiene a ribadire che il compito istituzionale di sciogliere le Camere e indire nuove elezioni spetta a lui e questa responsabilità entrerà "in gioco solo quando risultasse in Parlamento che la maggioranza si è dissolta e quindi si aprisse una crisi di Governo".

Messaggio forte quello di Napolitano, volto a spazzare via le incertezze sulla possibili crisi politica. Lo scontro in atto nella maggioranza non aiuta la ripresa economica di cui ci sono segnali "positivi e incoraggianti". Perciò occorre "abbassare i toni" e "compiere uno sforzo di responsabile ponderazione tra le esigenze della chiarezza politica e quelle della continuità della vita istituzionale, guardando al Paese che ha bisogno di risposte ai propri problemi anziché di rese dei conti e di annunci minacciosi nell’arena politica". L’appello è chiaro: è necessario, secondo il presidente, evitare "un durissimo scontro elettorale".

Fini
– Anche Napolitano fa il pompiere sul caso che ha coinvolto Gianfranco Fini, perché ha "sempre ritenuto che nessun contrasto politico debba investire impropriamente la vita delle istituzioni". "E' ora che cessi una campagna gravemente destabilizzante sul piano istituzionale qual è quella volta a delegittimare il presidente di un ramo del Parlamento e la stessa funzione essenziale che egli è chiamato ad assolvere per la continuità dell’attività legislativa".

Replica Pdl - "È con qualche amarezza, ma con profondo rispetto per la sua carica, che leggo l'invito del presidente Napolitano a cessare gli attacchi contro il presidente della Camera. Le sue parole avrebbero oggi ben altro effetto sull'opinione pubblica se fossero
Libero-news.itLibero-news.it

Le preoccupazioni espresse dal presidente della Repubblica sui rischi che verrebbero al Paese da una crisi di governo - spiega Napoli - devono appartenere a ogni persona di buon senso. Ancora più grandi, però, sono i rischi per l'Italia e per le nostre prospettive economiche se poniamo mente ai guasti che deriverebbero da una stagione di forte instabilità politica o di precarietà delle alleanze

già state pronunciate, senza cambiare una virgola, quando due anni fa una campagna di veleni ancora più ampia e devastante era stata lanciata contro il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi". Il vice presidente dei deputati del PdL, Osvaldo Napoli, commenta l'intervento in difesa di Fini. Per il resto si trova d'accordo con le valutazioni del Capo dello Stato sulla vicenda politica. "Le preoccupazioni espresse dal presidente della Repubblica sui rischi che verrebbero al Paese da una crisi di governo - spiega Napoli - devono appartenere a ogni persona di buon senso. Ancora più grandi, però, sono i rischi per l'Italia e per le nostre prospettive economiche se poniamo mente ai guasti che deriverebbero da una stagione di forte instabilità politica o di precarietà delle alleanze". "Il vuoto politico - prosegue Napoli - non esiste, in nessuna democrazia che si rispetti. Esso lo riempie l'espressione limpida e sovrana della volontà popolare, da ascoltare ogni qualvolta se ne manifesti la necessità".

Bersani difende Napolitano - "Le parole del presidente Napolitano - dice il segretario del Pd - sono un richiamo forte e chiaro alla responsabilità politica e ai principi costituzionali. E` inutile negare che la discussione che si è aperta tocca ormai un punto di fondo. Si vuole dare legittimazione a un pensiero para costituzionale. Si vuole interpretare la Costituzione come un involucro formale cui dare sostanza con un consenso interpretato come un plebiscito. Se la destra pensa con idee del genere di camminare sul velluto, si sbaglia di grosso".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agostino.vaccara

    18 Agosto 2010 - 13:01

    Secondo me la cosa più grave è che il Capo dello Stato, pur essendo il garante della Costituzione, si sia dimenticato che fini della Costituzione se ne frega allegramente visto che fa politica in maniera sfacciata senza che lo potrebbe fare! Per quanto mi risulta la politica è demandata solo alla quarta carica istituzionale, il Presidente del Consiglio. Tutte le altre, Presidente della Repubblica, Presidente del Senato e Presidente della Camera, non possono occuparsi di politica, e, se lo fanno, vanno contro quella Costituzione che invece dovrebbero difendere. Se il povero grande lenzuolo, al secolo bersani, difende fini perchè ne ha un tornaconto, la cosa è diversa per il Capo dello Stato che dovendo essere, sempre per la Costituzione, extra partes, avrebbe dovuto già da tempo richiamare fini ai suoi stretti doveri istituzionali. Il fatto che gli fa da sponda facendo intuire scenari diversi dalle elezioni anticipate, è , quanto meno, dubbio!!

    Report

    Rispondi

  • rebarbaro

    18 Agosto 2010 - 00:12

    Sembra quasi impossibile, sembrava, almeno dall'aspetto, che non avrebbe concesso neanche torturato di appalesare un immagine sbracata e partigiana. Si possono fare tante ipotesi ma tutte indecenti e disgustose

    Report

    Rispondi

  • luigigiggi1962

    17 Agosto 2010 - 20:08

    Chi vuole camminare sul velluto dato a Berlusconi dai voti dei cittadini, siete voi quattro pagliacci e un pagliaccione più grande, volete ribaltare tutto . Siete finiti siete zero, non avete mai parlato di un programma, solo offese sono uscite dalle vostre boccacce di m..... ma farete in c..., voi e tutti quelli uguali a voi. Siete il nulla. Berlusconi ha mandato a casa un sacco dei vostri leder, e cosi sarà anche la prossima volta. Viva Berlusconi, Viva l'Italia quella Vera.

    Report

    Rispondi

  • luigigiggi1962

    17 Agosto 2010 - 19:07

    Non serve a nulla. Per quanto riguarda gli sputtanamenti, fa bene sia libero che il giornale a sputtanare il serpente fini e tutta la compagnia. Alla gogna devono finirci tutti. Questo si doveva fermare a tempo debito.( quello che ha fatto il giornalino di repubblica a Berlusconi, ce ne siamo dimenticati?). Perciò il Napolitano deve fare pippa e mosca.(stare zitto.) Avanti cosi libero e il giornale

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog