Cerca

"Che Iddio protegga l'Italia". Le ultime parole di Cossiga all'Italia

L'ufficio stampa di Palazzo Madama ha reso pubblici alcuni passaggi dell’ultima lettera. "Sempre fedele alla Repubblica"

"Che Iddio protegga l'Italia". Le ultime parole di Cossiga all'Italia
Soddisfando la curiosità di milioni di italiani, l’ufficio stampa di Palazzo Madama ha reso pubblici alcuni passaggi dell’ultima lettera inviata prima della morte da Francesco Cossiga al presidente del Senato Renato Schifani e alle altre tre alte cariche dello Stato (Berlusconi, Napolitano e Fini).

"Fu per me un onore grande servire la Repubblica, a cui sempre sono stato fedele; e sempre tenni per fermo onorare la Nazione ed amare la Patria. Fu per me un privilegio altissimo: rappresentare il Popolo Sovrano nella Camera dei Deputati prima, del Senato della Repubblica quale Senatore elettivo, Senatore di diritto e vita e Presidente di esso; e privilegio altissimo fu altresì servire lo Stato nel Governo della Repubblica quale membro di esso e poi Presidente del Consiglio dei Ministri ed infine nell’ufficio di Presidente della Repubblica".
E ancora
"Nel momento in cui il giudizio sulla mia vita è misurato da Dio Onnipotente sulle verità in cui ho creduto e che ho testimoniato e sulla giustizia e carità che ho praticato, professo la mia Fede Religiosa nella Santa Chiesa Cattolica e confermo la mia fede civile nella Repubblica, comunità di liberi ed uguali e nella Nazione italiana che in essa ha realizzato la sua libertà e la sua unità. Nel mio testamento ho disposto che le mie esequie abbiano carattere del tutto privato, con esclusione di ogni pubblica onoranza e senza la partecipazione di alcuna autorità. Per quanto attiene le onoranze che i costumi e gli usi riservano di solito ai membri ed ex-Presidenti del Senato, agli ex-Presidenti del Consiglio dei Ministri ed agli ex-Presidenti della Repubblica, qualora Ella ed il Governo della Repubblica decidessero di darne luogo, è mia preghiera che ciò avvenga dopo le mie esequie, con  le modalità, nei luoghi e nei tempi ritenuti opportuni. Voglia porgere ai valorosi ed illustri Senatori il mio ultimo saluto - conclude il presidente emerito della Repubblica - ed il mio augurio più fervido di ben servire la Nazione e di ben governare la Repubblica al servizio del Popolo, unico sovrano del nostro Stato democratico. Che Iddio protegga l’Italia!".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    18 Agosto 2010 - 19:07

    chi governa deve farlo per il Popolo, mica per se!

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    18 Agosto 2010 - 15:03

    Il Presidente Cossiga, non poteva andarsene come se fosse stato l'ultimo di noi italiani e nella sua logica ha voluto darci ancora uno spiraglio della sua fervida intelligenza immaginativa. Sono certo che con lui sono morti anche moltissimi lati oscuri di questa società perchè,nessuno mai potrà convincermi del contrario, che tantissimi segreti,stante che Egli era nel cuore dell'Arma dei Carabinieri, non ne fosse al corrente ma,da grande galantuomo,non avrebbe mai riferito ad altri ciò che sapeva. Egli ha espresso il desiderio che Dio protegga gli italiani ed a tal proposito aggiungo: da tutti i politici che in questi ultimi decenni, si sono dimostrati indegni di rappresentarci lo dico e lo ripeto in quanto, sono uno fi quelli che si batterono contro il nazifascismo per avere una Italia libera e senza imbrogli di sorte;fui anche uno di quelli che parteciparono,come gruppo di copertura di difesa, se nella liberazione dei cinque personaggi da R.Coeli,i tedeschi fossero intervenuti.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    17 Agosto 2010 - 22:10

    ...decisamente nelle menti di cert'uni che dimenticano....:"La Repubblica al servizio del Popolo,unico sovrano del nostro Stato democratico".Evviva Emerito Presidente Cossiga.

    Report

    Rispondi

blog