Cerca

Il Cav convoca i suoi. Venerdì il summit

L'incontro servirà per illustrare le linee guida su federalismo, sud, giustizia e fisco in vista della ripresa dei lavori parlamentari

Il Cav convoca i suoi. Venerdì il summit
Sono già finite le vacanze per il governo e i rappresentanti del Pdl. Venerdì, infatti, Silvio Berlusconi ha fissato a Palazzo Grazioli un incontro con i capigruppo e i coordinatori del partito azzurro.
Non una sorta di rendez-vous o un primo giorno di scuola, bensì un meeting fondamentale in vista della ripresa dei lavori parlamentari di settembre, quelli che dovranno sancire se la maggioranza guidata dal premier esiste ancora oppure no.

Banco di prova – Considerata l’importanza politica dei prossimi 30 giorni, il Cavaliere non vuole lasciare nulla al caso. Per questo motivo durante il suo soggiorno a Villa Certosa avrebbe preparato un documento programmatico in cui sarebbero già ben identificati quei temi sui quali il Governo si gioca il futuro.
Sui tavoli degli uomini del Pdl, nero su bianco, ci saranno le linee programmatiche che guideranno la mano del partito a settembre: federalismo, sud, giustizia e fisco. Materie delicate che, seppur inserite nel programma elettorale del Pdl, hanno trovato molto spesso l’opposizione della corrente finiana, soprattutto sulle modalità attraverso cui perseguire gli obiettivi condivisi: pensiamo alle frecciate di Fini sulla limitazione delle intercettazioni per i familiari dei mafiosi o la patata bollente del processo breve.

Ipotesi urne – Come ampiamente ancitipato, in caso di fumata nera il Pdl ha tutta l’intenzione di ritornare al voto, così come la Lega di Umberto Bossi e, sull’altro fronte, l’IdV di Antonio Di Pietro.
Ovviamente, prima di richiamare gli italiani ai seggi, come da prassi il Capo dello Stato Giorgio Napolitano sonderà il terreno con una serie di colloqui tra le diverse forze politiche per verificare se ci sia la possibilità di aprire la tanto diffusa fase di un governo tecnico.

Fli rassicura - Nonostante l'opinione pubblica dia ormai per certa la crisi di governo, ci pensa Italo Bocchino, uno dei più discussi uomini vicini a Fini, a fare un passo indietro.
Per l'ex vice capogruppo dei Pidiellini alla Camera, infatti, "non ci sarà alcuna crisi di governo".
"I gruppi parlamentari di "Futuro e Libertà per l’Italia" - si legge in una nota ufficiale - hanno detto con chiarezza che garantiranno la fiducia al governo per l’intera legislatura e che voteranno tutti i provvedimenti facenti parte del programma elettorale".
Seppur a distanza, quindi, fedeli a Berlusconi e al patto con gli italiani. Anche se Bocchino non perde l'occasione di lanciare una frecciatina al Cavaliere.
"
E' stato il premier Berlusconi a violare il patto con gli italiani cacciando Gianfranco Fini dal Pdl".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stagnino

    19 Agosto 2010 - 16:04

    X spocchioxocchio col suo postato del 18/08/2010/ore 16.57 Mi fai proprio venire il vomito delle stronzate che tu hai scritto. Questo che tu dici oggi e un problema che da oltre sessant´anni che si è aggravato sempre di più ci hanno crocifisso come cristo in croce con questo maledetto problema che fino a pochi anni fà. Siamo stati governati da oltre cinquanta governi Quando mai abbiamo vissuto senza questi problemi? Negli anni cinquanta la mafia non esisteva più. Ma sono state alimentate tante cosche mafiose che non si riesce più a distruggerle e crescono come funghi velenosi. Con tutti questi immigrati che gli Italiani non sono più padroni nelle loro case, tante donne stuprate e violentate, quante persone anziane aggredite , e ammazzate, e i nostri politici li hanno difesi e li difendono ancora, perché a loro non gli succede niente,e se ne sono fregati di tutti!! Perciò gli Italiani tutti insieme abbiamo detto (BASTA) Adesso abbiamo acquistato la sicurezza Grazie al PDL ( A Maroni e Alfano) Che con grande successo con tanti arresti, giorno,dopo giorno, tanti sequestri, che nessuno mai prima ha voluto affrontare questo marcio! (((Ed è proprio questo che fa paura alle opposizioni)))

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    19 Agosto 2010 - 14:02

    Pregiatissimo Presidente,penso che Lei abbia una buona cultura anche storica e ricordi che è molto più difficile perdonare che vendicarsi e chi sa comprendere anche gli altri dallo scanno del potere è stato considerato sempre un uomo dalle grandi virtù. Se Lei insiste nel voler ragione,pensi che moltissimi suoi veri avversari stanno aspettando che quel muro che li ha fermati possa crollare per poter far bottino sui perdenti. Apra gli occhi in quanto Lei in diversi decenni di Storia dalla liberazione ad oggi è l'unico Governo ad aver avuto una maggioranza come l'attuale. Non sfotti il destino.

    Report

    Rispondi

  • antari

    19 Agosto 2010 - 12:12

    Noi TUTTI Italiani abbiamo un solo bisogno: che siano annullati tutti i processi attuali. Del resto non ce ne po' frega' de meno. Il Cav lo sa bene e di conseguenza si regolera' :))))))))) sorridi!

    Report

    Rispondi

  • marino43

    19 Agosto 2010 - 12:12

    Ne sentiamo proprio la necessità cosi' almeno non vedremo le tette della Marina Berlusconi su tutti i giornali.... Come mai il cavaliere non si è fato sentire in merito? Solo quando si parla delle sue puttane si fa sentire!!!!Coerenza.....Coerenza.....ad personam!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog