Cerca

Tullianos saga, Le bugie di Elisabetta

Parlano il titolare della tabaccheria e la vecchia proprietaria delle terre di Capranica. Tutte le ricchezze erano di Gaucci

Tullianos saga, Le bugie di Elisabetta
Lei, Margherita Cialdea, ha 83 anni ma ha una memoria di ferro. E sarà uno dei testimoni che presenzierà a settembre davanti al pubblico ministero di Perugia, Antonella Duchini, circa l’indagine penale sui beni della famiglia Tulliani. Infatti la Procura sta indagando sul patrimonio intestato alla compagna di Fini, ai genitori e al fratello di lei.

A sentire Luciano Gaucci, ex fidanzato della donna, le proprietà oggi esibite dai Tulliani sarebbero state acquistate con soldi versati dall'imprenditore, denari che oggi Gaucci rivorrebbe indietro. Secondo i magistrati, oltretutto, il gruzzoletto proverrebbe essere uscito dalle casse del Perugia Calcio, di cui Gaucci è stato presidente dal 1991 fino al fallimento del 2005.

Sulle pagine del settimanale  Panorama, si spiega come Gaucci lamenti che i beni comprati ai bei tempi della love story alla compagna Elisabetta sono stati pagati tutti in contanti e la stessa Margherita Cialdea, che ha venduto loro un terreno e ha intascato 60milioni di lire dalla vendita del terreno di Capranica Prenestina, lo sa bene. Ma non è tutto. Il settimanale oltre al racconto dell’arzilla vecchietta, cita anche altri testimoni oltre a una sfilza di affari immobiliari tutti a beneficio dei Tulliani, ovviamente pagati  cash. E Gaucci stesso dice: «Pagavo col contante anche parte degli stipendi dei miei 3.500 dipendenti».

Insomma: la Procura sta lavorando per capire come e da chi sono state pagate le proprietà oggi intestate ai Tulliani, in particolare quelle acquistate tra il ’98 e il 2004 considerato che, all’epoca, nei contratti di compravendita non era precisata la modalità di pagamento.

Ma a mettere nei guai Elisabetta ci pensa anche il titolare della ricevitoria in cui dice di aver giocato la schedina del Superenalotto che la avrebbe fatto vincere il famoso "capitale" che le avrebeb permesso di comprare tutto ciò che possiede: «La Tulliani non dica balle, la schedina del Supernalotto da due miliardi l’ha vinta Luciano Gaucci nel mio bar tabacchi. Mi ha fatto diventare la ricevitoria più ricca d’Italia: giocava fino a 300 milioni alla settimana con la segretaria Barbara che mi portava le puntate in contanti». Nell’intervista di Gianluigi Nuzzi, Francesco Basilisco oggi pensionato ma ex titolare della tabaccheria di fiducia di Gaucci, interviene in veste di testimone ponendo, forse, la parola fine ai dubbi su chi ha giocato veramente la schedina del Supernalotto che ha portato la vincita di 2,2 miliardi.

E la risposta offre diversi possibili scenari: se la scheda vincente è stata giocata dall’ex Patron del Perugia, significa che la Tulliani ha mentito sostenendo il contrario e diventa plausibile che tutto il suo patrimonio immobiliare giunga dall’ex compagno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dulbecco2

    13 Gennaio 2013 - 17:05

    è una arrampicatrice.. che non ha nessuna differenza con le olgettine.. certe done fanno vergonare di essere donne--

    Report

    Rispondi

  • ALFONSOVITALE

    02 Settembre 2010 - 19:07

    hO RILETTO IL SUO POST E LA RISPOSTA CHE LE HO DATO; NON SEMBRA SIA STATO AFFENSIVA MA ERA SOLO UN INVITO A SEGUIRE UN CERTO PERCORSO CHE NON ERA TANTO TORTUOSO. AD OGNI MODO SE LEI SI ACCONTENTA DELLE PAROLE DETTE IN UN COMUNICATO DA FINI (LE SEGNALO SENZA CONTRADDITTORIO) DEVO PENSARE CHE LEI SIA IN BUONA FEDE E SENZA UN MINIMO DI MALIZIA; IO SONO MOLTO MALIZIOSO E PER TALI RAGIONI NON CREDO AD UNA PAROLA DI QUESTO SIGNORE IN SPECIAL MODO QUANDO AFFERMA CHE NON SAPEVA NULLA DELLA NUOVA RESIDENZA DEL COGNATO E GUARDA CASO CONOSCEVA LA DATA DEL SECONDO ROGITO (CHE NON DOVEVA SAPERE) E NON QUELLA DEL PRIMO ROGITO(CHE DOVEVA GIOCO FORZA SAPERE) PERCHE A QUELLA DATA IL DANARO E' ENTRATO NELLE CASSE DI AN. iL SOLE DI AGOSTO HA FATTO UN BRUTTO SCHERZO A LUI E AL SUO AVVOCATO. cON ERRORI SIMILI SI PERDONO LE CAUSE. CHI SCRIVE HA UNA CERTA ETA' (62 ANNI) E GARANTISCO CHE PER ME LA POLITICA(QUELLA DI DESTRA) E' STATA E SARA' SEMPRE UNA FEDE NONOSTANTE QUESTI OMUNCOLI (FINI) LA SALUTO

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    02 Settembre 2010 - 10:10

    prima di tutto come si permette di offendere? Secondo impari a leggere. Terzo a capire quello che legge.

    Report

    Rispondi

  • ALFONSOVITALE

    01 Settembre 2010 - 19:07

    Egregio Signore; ma davvero lei crede a quello che ha scritto? Faccia col cervello, se ci riesce questo percorso che le propongo:Casa montecarlo venduta ad una societa' offshore; dopo tre mesi la prima societa' rivende l'appartamento ad altra societa' sempre offshore per un importo leggermente superiore(le due societa' sono state costituite nei paradisi fiscali lo stesso giorno, con la stessa sede sociale e con lo stesso capitale Dollari 1000) quest'ultima fitta o da in comodato (non si capisce bene) questo appartamento a chi? al cognato di fini. Le sembra tutto regolare? Ci pensi. E non vado in altri particolari tipo l'intervento dell'ambasciatore in montecarlo per favorire il mantenuto cognatino. E' dico mantenuto perche' i suoi affari hanno inizio con l'apertura del..... dialogo con Gaucci per proseguire e finire al momento con il capo del pd fini. Vuoi ancora altri particolari? alla prossima.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog