Cerca

Bonanni: "Se quel bengala mi colpiva, mi ammazzavano"/ Guarda il video

Dopo le contestazioni di Torino, il segretario della Cisl punta il dito contro coloro che esasperano i toni: "Ce l'ho con la Fiom, con certi ambienti di sinistra". Denunciata la figlia di un pm

Bonanni: "Se quel bengala mi colpiva, mi ammazzavano"/ Guarda il video
E' ancora aperto il dibattito sulle tensioni alla festa del Pd di Torino, il giorno dopo la violenta contestazione al segretario della Cisl Raffaele Bonanni. A mente fredda il sindacalista abruzzese dice: "Ci hanno proprio provato a farmi male. Se mi prendevano in faccia, con quel bengala, mi ammazzavano". E in un'intervista alla Stampa attacca coloro che esasperano i toni della dialettica, la Fiom che "non discute con nessuno, non rispetta mai l'opinione della maggioranza dei lavoratori. Ce l'ho con la Fiom, con certi ambienti di sinistra. Ce l'ho anche con coloro che in questi giorni stanno rincorrendo le elezioni politiche. Questa mistura pestilente porta un messaggio di violenza e irresponsabilità".

I contestatori - Bonanni traccia anche il profilo dei contestatori. Il segretario della Cisl non ha dubbi: si trattava di giovani dei centri sociali, "professionisti della violenza". "Per fortuna - aggiunge - c'erano 500 militanti della Cisl, che hanno bloccato i violenti. Era appena cominciato, loro erano fuori, appena entrato sul palco hanno fatto irruzione nel tendone. Sono volate sediate, erano armati di candelotti fumogeni, e uno me lo hanno tirato addosso" e "mi ha fatto un bel buco nel giubbotto. Se mi prendevano in faccia o sui capelli, mi rovinavano. Quelle non erano parole, era violenza".

Autunno di violenze - Il portavoce del Pdl Daniele Capezzone teme un autunno di violenze: "Si comincia con i grillini che volevano impedire a Dell’Utri o a Schifani, e domani non si sa a chi altri, di esprimersi; si prosegue con Di Pietro che li giustifica e li incoraggia, spiegando che bisogna 'zittire' gli avversari; si arriva ai gruppuscoli che ieri potevano ferire molto gravemente Raffaele Bonanni". Per Capezzone "è in atto una deriva pericolosa - ha proseguito - e tutti dovrebbero comprendere che, quando si percorrono queste strade scivolose, non si sa mai come e dove si possa andare a finire. Consapevolmente o no (e non so quale delle due ipotesi sia più inquietante), c'è chi sottovaluta questa deriva, o pensa - peggio ancora - di poterla cavalcare. E’ un errore drammatico. Un piccolo gruppo, ma organizzato e desideroso di puntare sulla violenza, può sempre tentare di approfittare di queste zone grigie, magari sperando in un incidente, in una reazione delle forze dell’ordine, in una situazione di caos...".

 

La figlia del pm - Intanto è stata denunciata per lancio di oggetti pericolosi, danneggiamento aggravato e accensioni pericolose la giovane identificata ieri nel corso della contestazione: sarebbe stata lei, anche secondo le immagini scattate durante il blitz, a lanciare il fumogeno. Altre persone che hanno partecipato alla contestazione sono in via di identificazione. La ragazza, Rubina Affronte, 24 anni, di Firenze, è figlia del pm Sergio Affronte, in servizio alla procura di Prato. E' già stata denunciata in passato per invasione di terreni ed edifici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    10 Settembre 2010 - 16:04

    Ma come ? Anche tu come Andreotti? Non lo dici chiaramente, forse per ipocrisia, ma si capisce che il senso è quello, quell' Andreottiano "se la è andata a cercare" . Che delusione, non è che sei per caso un suo allievo ?

    Report

    Rispondi

  • alexpuzer

    09 Settembre 2010 - 18:06

    stava cercando la figlia di um pm che ritira uno stipendio da favola.un posto in fabbrica.ma i sinistri quelli veri non si accorgono che questi li rovinano.questi sono radical schic.non anno niente a che fare con gli operai che qualcosa da dire ce l avrebbero .e poi come si fa a giustificare un fatto cosi grave dico a voi che scrivete.non vi vergognate

    Report

    Rispondi

  • marcello marilli

    09 Settembre 2010 - 18:06

    SIAMO ALLE SOLITE ,QUANDO NON PIACE UN GOVERNO ALLE SINISTRE QUESTE MANDANO AVANTI I " SOLITI MILITANTI CHE SBAGLIANO " RICORDIAMO GLI ANNI 70 ? MA QUANTI SBAGLIAVANO, ED I VERTICI DELL'ALLORA PCI A GIUSTIFICARE SOLO IN TERMINI VERBALI QUESTA TEPPAGLIA IDEOLOGICA .ABITANDO A FIRENZE MI RITORNANO IN MENTE TUTTI I MANCATI CONTROLLI DELLE FRANGE TERRORISTE NON SOLO IN CITTA' , MA ANCHE IN REGIONE SPECIE IN VERSILIA .A QUEI TEMPI SI DICEVA CHE I TERRORISTI ANDAVANO A SVERNARE AL MARE .DULCIS IN FUNDO RICORDIAMO CHE L'IDEOLOGO DELLE BR ERA SENZANI ED ABITAVA VICINO ALLA CASERMA DEI CARABINIERI !!!!! SOLO QUESTO MINISTRO DEGLI INTERNI SI STA DANDO MOLTO DA FARE CONTRO TUTTA LA CRIMINALITA'. INTERESSANTE E' ANCHE IL BRODO DI CULTURA DELL'ATTIVISTA FIORENTINA : FIGLIA DI UN MAGISTRATO , QUESTO A MIO GIUDIZIO LA DICE MOLTO MA MOLTO LUNGA SU COME VANNO LE COSE .ANCHE NELLA GIUSTIZIA

    Report

    Rispondi

  • tasietira

    09 Settembre 2010 - 18:06

    Tranquilla ragazza hai la fortuna di avere un papà che conta, e poi c'è sempre il Don Sciortino a rasserenare l'ambiente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog