Cerca

Schifani: "Fini non può essere sfiduciato"

A riferirlo è la seconda carica dello Stato che aggiunge: "A meno che non si sia macchiato di responsabilità che a me non risultano"

Schifani: "Fini non può essere sfiduciato"

"Gli italiani chiedono l’attuazione del programma, pretendono governabilità. Le elezioni anticipate sono sempre un trauma per la democrazia. Vanno evitate, a meno che non ci siano situazioni e circostanze tali e irreversibili che innescano una crisi irrisolvibile. È chiaro che l’ultima parola spetta al Capo dello Stato". A sottolinearlo è il Presidente del Senato, Renato Schifani, arrivato a Gubbio alla scuola di formazione politica del Pdl.

La seconda carica dello Stato è intervenuta anche sul caso Fini, affermando che "Per regolamento e Costituzione il Presidente Fini non è affatto sfiduciabile. Esercita il suo ruolo con autorevolezza, imparzialità e professionalità che gli vengono riconosciute. Sotto il profilo costituzionale e regolamentare il Presidente della Camera non può quindi essere oggetto di sfiducia a meno che non si sia macchiato di responsabilità delle quali non mi risulta essersi macchiato". E' questo il commento di Schifani in merito agli ultimi avvenimenti politici che vedono protagonista il Presidente della Camera.

Il Presidente del Senato si è soffermato anche sul delicato tema delle riforme: "Mi batto da tempo perché questa sia una legislatura costituente. Bisogna modernizzare lo Stato, ridurre il numero dei parlamentari, attuare il federalismo e semplificare l’attività legislativa. Il Paese ha bisogno di essere modernizzato, lo chiedono i cittadini".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    15 Settembre 2010 - 19:07

    In sintesi: Il Presidente della Repubblica ....Le sue funzioni principali comprendono: la nomina del presidente del Consiglio e, su sua proposta, dei ministri; lo scioglimento anticipato delle Camere quando esse non siano in grado di funzionare per l'impossibilità di dar luogo a una maggioranza; la promulgazione delle leggi (prima della promulgazione ha facoltà di rinviare una legge in Parlamento per una nuova deliberazione); la nomina di cinque componenti della Corte Costituzionale; la presidenza del Consiglio superiore della magistratura. Inoltre, indice i referendum, ratifica i trattati internazionali, può concedere la grazia e commutare le pene, comanda le Forze armate. Può inviare messaggi alle Camere. Stante questi poteri, potrebbe essere messo sotto accusa, in caso di pazzia o tadimento. Il Presidente della Camera ha solo funzione di notaio per il corretto svolgimento dei lavori camerali, non ha nessuno dei poteri sopramenzionati.

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    11 Settembre 2010 - 12:12

    Il Presidente Schifani ha detto cose verissime: secondo la Costituzione ed il regolamento fini non può essere "dimesso" a meno di cose che attualmente non sono alla luce. C'è di più: anche se fini dovesse ricere, per esempio, un avviso di garanzia per la questione Montecarlo, cosa improbabile, neanche allora potrebbe essere "costretto" a dimettersi, perchè la nostra Costituzione non lo prevede. Se poi una Costituzione che prevede l'impeachment per il Capo dello Stato e non per il presidente della Camera sia giusta e corretta, lascio ad altri deciderlo, a me sembra una vera corbelleria! Il caso fini che dall'alto della sua carica istituzionale ha fatto e continua allegramente a fare politica, è solo un caso di "disonestà intellettuale". Una persona "corretta" si dimetterebbe, farebbe il suo bel partitino e continuerebbe a fare "correttamente" politica. Il Presidente fini non ritiene giusto farlo e nessuno glielo può impedire.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    11 Settembre 2010 - 10:10

    Ieri tutti i TG delle 13 hanno trasmesso video e voce di Schifani: ""Per regolamento e Costituzione il presidente Fini non è sfiduciabile. Esercita il suo ruolo con autorevolezza e imparzialità che gli viene riconosciuta. Altre sono le valutazioni politiche su cui il presidente del Senato non interviene. Sotto il profilo costituzionale e regolamentare il presidente della Camera non può essere..." §§§ Il TG1 ha trasmesso lo stesso servizio, cancellando, però, il passo "...Esercita il suo ruolo con autorevolezza e imparzialità che gli viene riconosciuta...". Come anche per la notizia di Lunardi sotto inchiesta, mentre tutti gli altri TG, pubblici e privati, in prima battuta e non giorni dopo, hanno detto che il Tribunale dei Ministri aveva autorizzato a procedere, il TG1 questo passo non l'ha menzionato. Altro esempio tra i tanti. Imparzialità e professionalità del Minzolo.

    Report

    Rispondi

  • Onesto56

    11 Settembre 2010 - 09:09

    Beh,egregio SCHIFOANI,mi sarebbe piaciuto leggere il contrario,riguardo a FINI da parte Sua! no, perche' se per FINI Lei avesse chiesto la sfiducia,con le dovute proporzioni, PER LEI NON SAREBBE SUFFICIENTE L'ERGASTOLO con relativa "buttata a mare delle chiavi della sua cella!" Quindi,il suo commento e' semplicemente un dovere di cronaca,non sicuramente quello che pensa. Vero SCHIF??

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog